News

News su Prima casa

Agevolazioni prima casa e trasferimento entro i 18 mesi

15 Giugno 2022 | di La Redazione

Cass. Civ., 1° giugno 2022 n. 17867

Prima casa

In tema di imposta di registro, la fruizione delle "agevolazioni prima casa" postula, nel caso di acquisto di immobile ubicato in un comune diverso da quello di residenza dell’acquirente, che quest’ultimo trasferisca ivi la propria residenza entro il termine di diciotto mesi dall’atto, altrimenti verificandosi l’inadempimento di un vero e proprio obbligo del contribuente verso il fisco, con conseguente decadenza dal beneficio.

Leggi dopo

Agevolazione “prima casa”, nuovi criteri introdotti dal legislatore e applicazione del principio del favor rei: la parola alle SS.UU.

05 Novembre 2021 | di La Redazione

Cass. civ., sez. trib.

Prima casa

Posto che il legislatore ha modificato i presupposti di applicazione dei benefici "prima casa" variando i parametri di identificazione degli immobili agevolabili, ben potrebbe accadere che lo stesso immobile che non poteva fruire dei benefici, in quanto "di lusso" in base al d.m. 2 agosto 1969, possa invece oggi accedere alla tassazione di favore per effetto del regime sopravvenuto. E per l’applicazione del tributo? Questione rimessa alle Sezioni Unite.

Leggi dopo

Agevolazioni 'prima casa under 36'. Le Entrate forniscono chiarimenti

19 Ottobre 2021 | di La Redazione

Agenzia delle Entrate, Circolare

Prima casa

L'Agenzia delle Entrate illustra la disciplina dell'agevolazione in favore dei giovani, acquirenti di una prima casa, con ISEE entro € 40.000 annui: esenzione dall'imposta di registro, ipotecaria e catastale e, in caso di acquisto soggetto a IVA, riconoscimento di un credito d'imposta di ammontare pari al tributo corrisposto per l'acquisto. Prevista, al ricorrere dei medesimi presupposti, l'esenzione dall'imposta sostitutiva per i finanziamenti erogati per acquisto, costruzione e ristrutturazione (Circ. AE 14 ottobre 2021 n. 12/E).

Leggi dopo

Prima casa sequestrata al debitore per reati tributari: secondo la Cassazione è possibile

26 Agosto 2021 | di Annalisa Gasparre

Cass. pen., sez. III

Prima casa

In tema di sequestro preventivo finalizzato alla confisca per sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte, il limite alla pignorabilità si riferisce solo alle espropriazioni da parte del fisco e non a quelle promosse da altre categorie di creditori; tale limite non riguarda la “prima casa” ma l’unico immobile di proprietà del debitore e non trova comunque applicazione relativamente alla confisca penale né al sequestro preventivo ad essa preordinato.

Leggi dopo

Salvo il bonus prima casa se il contribuente possiede già un immobile troppo piccolo per il suo nucleo familiare

28 Luglio 2021 | di Francesco Brandi

Cass. civ., sez. V, ord., 22 luglio 2021, n. 20981

Prima casa

Ha diritto alle agevolazioni sulla prima casa il contribuente che possieda nello stesso Comune un altro immobile inidoneo alle esigenze abitative del suo nucleo familiare in quanto di metratura esigua.

Leggi dopo

Sospensione dei termini per acquisto prima casa: norma agevolativa la cui estensione in via analogica non è consentita

26 Marzo 2021 | di La Redazione

Risposta, Agenzia delle Entrate

Prima casa

Con Risposta pubblicata ieri - 25 marzo - l'Agenzia delle Entrate chiarisce un dubbio avanzato da un contribuente in merito alla corretta interpretazione e applicabilità, alla fattispecie rappresentata nell'istanza di interpello, della sospensione dei termini per fruire delle agevolazioni prima casa prevista dall'art. 24 D.L. 8 aprile 2020, n. 23 conv. in L. n. 40/2020e art. 103 del D.L. 17 marzo 2020, n. 18.

Leggi dopo

No all’agevolazione prima casa all’avvocato che non trasferisce lo studio nel Comune dove ha acquistato l’immobile

10 Novembre 2020 | di Francesco Brandi

Cass. Civ., sez. V

Prima casa

Per godere del bonus prima casa l’avvocato deve trasferire lo studio presso il Comune dove si trova l’immobile. Infatti in tema di beneficio fiscale relativo all'acquisto della prima casa, il contribuente deve invocare, a pena di decadenza, al momento della registrazione dell'atto di acquisto, alternativamente, il criterio della residenza o quello della sede effettiva di lavoro, dovendosi valutare la spettanza del beneficio, nel primo caso, in base alle risultanze delle certificazioni anagrafiche e, nel secondo, alla stregua dell'effettiva sede di lavoro. Ne consegue che decade dall'agevolazione il contribuente che non abbia indicato, nell'atto notarile, di volere utilizzare l'abitazione in luogo di lavoro diverso dal comune di residenza.

Leggi dopo

Gli adempimenti "prima casa" sono sospesi fino al 2021

07 Settembre 2020 | di La Redazione

Prima casa

Come noto, a causa dell’emergenza sanitaria Covid-19, molti adempimenti sono stati sospesi nel periodo compreso tra il 23 febbraio 2020 e il 31 dicembre 2020, tra questi quelli previsti ai fini del mantenimento del beneficio prima casa e ai fini del riconoscimento del credito d'imposta per il riacquisto della prima casa rientra anche il termine di un anno entro il quale il contribuente che abbia acquistato un immobile da adibire ad abitazione principale, deve procedere alla vendita dell'abitazione ancora in suo possesso, purché quest'ultima sia stata, a sua volta, acquistata usufruendo dei benefici prima casa.

Leggi dopo

La residenza ‘civilistica’ non basta per salvare le agevolazioni prima casa

02 Aprile 2020 | di La Redazione

Cass. Civ., sez. trib.

Prima casa

La dimora abituale – ossia la ‘residenza civilistica’ – nel Comune dove è ubicato l’immobile appena acquistato non è sufficiente per usufruire legittimamente delle cosiddette agevolazioni ‘prima casa’. Censurata la visione dei giudici tributari, che avevano ritenuto sufficiente la dimora abituale del contribuente nel Comune dove è ubicato l’immobile da lui acquistato.

Leggi dopo

Disconoscimento agevolazioni prima casa e obbligo di allegazione della perizia dell’Agenzia del Territorio

10 Marzo 2020 | di Francesco Brandi

Cass. Civ. sez. trib.,

Prima casa

L’amministrazione finanziaria non può revocare i benefici sulla prima casa senza allegare all’atto impositivo la perizia dell’Agenzia del Territorio.

Leggi dopo

Pagine