News

News su Dichiarazione infedele

Società in accomandita semplice e dichiarazione fiscale infedele

11 Novembre 2020 | di La Redazione

Cass., pen. sez. III

Dichiarazione infedele

Il reato di cui all’art. 4 d.P.R. n. 74/2000 può essere integrato anche mediante la presentazione della dichiarazione in nome della società in accomandita semplice, ma in tal caso l’imposta sui redditi evasa deve essere calcolata tenendo conto del reddito dei singoli soci.

Leggi dopo

Valida in sede contenziosa la dichiarazione integrativa "fuori tempo"

23 Aprile 2018 | di La Redazione

Cass. civ., 20 aprile 2018, n. 9849

Dichiarazione infedele

Il contribuente può far valere in sede contenziosa l’esistenza di errori nella dichiarazione principale, così hanno deciso i giudici di legittimità con la sentenza n. 9849/2018.

Leggi dopo

Sanzioni fiscali presenti anche con debito estinto

18 Gennaio 2018 | di La Redazione

Cass. civ.,

Dichiarazione infedele

Non si sfugge alle sanzioni fiscali, nemmeno se il debito con l’Erario si è esaurito. Lo sancisce la Cassazione con l’ordinanza del 17 gennaio 2018 n. 946, con la quale la Suprema Corte ha accolto il ricorso dell’Agenzia delle Entrate.

Leggi dopo

Dichiarazione infedele: nessun sequestro dei beni se le somme si rivelino retrocessioni di prestiti

05 Maggio 2017 | di La Redazione

Cass. pen., sez. III, 4 maggio 2017, n. 21268

Dichiarazione infedele

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 21268/2017, ha confermato che non è previsto il sequestro preventivo dei beni del manager qualora le somme sospette si rivelino delle retrocessioni di prestiti.

Leggi dopo

Condannato il commercialista che non inserisce nelle poste attive la ritenuta non versata

19 Gennaio 2017 | di La Redazione

Cass. pen. 18 gennaio 2017, n. 2256

Dichiarazione infedele

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 2256/2017, conferma che può essere condannato penalmente il professionista che “dimentica” dalle poste attive la ritenuta non versata dal cliente.

Leggi dopo

I comportamenti elusivi integrano il reato di dichiarazione infedele

30 Giugno 2016 | di La Redazione

Cass. pen. 24 giugno 2016, n. 26436

Dichiarazione infedele

Con la sentenza n. 26436/2016 della Cassazione è stato affermato che il contribuente che omette di indicare operazioni imponibili a fini IVA per trarre indebiti vantaggi viene condannato per dichiarazione infedele.

Leggi dopo

Nuove soglie di punibilità: applicabili anche alle controversie in corso

15 Gennaio 2016 | di La Redazione

Cass. civ., sez. trib., 13 gennaio 2016, n. 891

Dichiarazione infedele

In virtù del nuovo regime penale tributario, i giudici della Corte di Cassazione, con sentenza n. 891/2016, hanno assolto un contribuente condannato per dichiarazione infedele perché il "fatto non sussiste".

Leggi dopo

La disamina dei Consulenti del Lavoro sulla riforma delle sanzioni tributarie amministrative

12 Gennaio 2016 | di La Redazione

Dichiarazione infedele

La Fondazione Studi dei Consulenti del Lavoro, con Circolare n. 2/2016, si sofferma sulla disamina delle nuove sanzioni tributarie amministrative disciplinate dal D.Lgs. n. 158/2015 ed entrate in vigore dal 1° gennaio 2016.

Leggi dopo

Dichiarazione erronea? per la Cassazione si può rettificare

13 Novembre 2015 | di La Redazione

Cass. civ., sez. trib.,11 novembre 2015, n. 23052

Dichiarazione infedele

La Cassazione, con sentenza n. 23052/2015, ha stabilito che qualsiasi errore presente nella dichiarazione può essere emendato in ragione dell'acquisizione di nuovi elementi.

Leggi dopo

Invia la dichiarazione, ma Entratel la scarta. Di chi è la colpa?

10 Luglio 2015 | di La Redazione

Dichiarazione infedele

La Cassazione, con la sentenza n. 14197/2015, ha accolto il ricorso presentato dall’Agenzia delle Entrate: non basta la ricevuta dell’invio della dichiarazione, serve l’effettiva e definitiva acquisizione del documento.

Leggi dopo

Pagine