News

News su Accertamento con parametri presuntivi

I costi della diversa attività individuale degli associati non possono essere imputati allo studio legale

28 Gennaio 2021 | di Leda Rita Corrado

Cass. Civ., sez. trib.

Accertamento con parametri presuntivi

Nell'ordinanza n. 1290/21 la Sezione Tributaria della Corte di Cassazione cassa con rinvio la sentenza di gravame con la quale sono stati ritenuti legittimi gli avvisi di accertamento emessi per il periodo di imposta 2005 nei confronti di una associazione professionale (uno studio legale) e di ciascun professionista associato (due avvocati) sulla base delle risultanze degli studi di settore.

Leggi dopo

Accertamenti bancari: è del contribuente l'onere probatorio di superare la presunzione legale offrendo una prova analitica

08 Giugno 2020 | di La Redazione

Cass. Civ.,

Accertamento con parametri presuntivi

La Corte di Cassazione, con sentenza del 27 maggio scorso, n. 9903, ha ricordato che, in materia di accertamenti bancari, grava sul contribuente l'onere probatorio di superare la presunzione legale offrendo non una prova generica, ma una prova analitica.

Leggi dopo

Gli indici di capacità contributiva non possono essere privati del loro valore presuntivo

01 Marzo 2019 | di La Redazione

Cass. civ.

Accertamento con parametri presuntivi

Il giudice tributario non ha il potere di privare gli elementi indicatori di capacità contributiva del loro valore presuntivo, ma può soltanto valutare la prova che il contribuente offre in ordine alla provenienza non reddituale delle somme necessarie per mantenere tali beni.

Leggi dopo

Utilizzo di materiale "usa e getta" superiore alla comune esperienza: dentista sotto la lente del Fisco

23 Febbraio 2018 | di La Redazione

Cass. civ., sez. trib.

Accertamento con parametri presuntivi

Il professionista che usa una quantità notevole ed insolita di materiali di consumo rispetto al volume d’affari può essere denunciato dal Fisco ed essere, dunque, oggetto di un accertamento delle Entrate. La Corte di Cassazione con l’ordinanza del 21 febbraio 2018 n. 4168 esamina il caso.

Leggi dopo

Sui costi d'impresa e inerenza quale scelta discrezionale dell'imprenditore

09 Giugno 2017 | di La Redazione

Cass. civ., sez. trib., 7 giugno 2017, n. 14082

Accertamento con parametri presuntivi

La Corte di Cassazione, con l'ordinanza n. 14082/2017, ha ricordato che in tema di imposte sui redditi, la tenuta della contabilità in maniera formalmente regolare non è di ostacolo alla rettifica delle dichiarazioni fiscali.

Leggi dopo

Le operazioni bancarie di versamento hanno valore presuntivo per tutti i contribuenti

26 Maggio 2017 | di La Redazione

Cass. civ., sez. trib., 22 maggio 2017, n. 12829

Accertamento con parametri presuntivi

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 13074/2017, ha ricordato che le operazioni bancarie di prelevamento hanno un valore presuntivo nei confronti dei soliti titolari di reddito di impresa, mentre quelle di versamento nei confronti di tutti i contribuenti.

Leggi dopo

Non necessari ulteriori indizi per sostenere l'accertamento parametrico

12 Luglio 2016 | di La Redazione

Cass. civ. 8 luglio 2016, n. 13975

Accertamento con parametri presuntivi

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 13975/2016, hanno ricordato che l’accertamento parametrico non è un indizio che ha bisogno di altri indizi per ritenere fondato l’accertamento tributario, ma è una presunzione che è bastevole a sostenere l’accertamento.

Leggi dopo

Il contribuente infortunato non sfugge ai controlli delle Entrate

06 Luglio 2016 | di La Redazione

Cass. civ., sez. VI-T, 4 luglio 2016 n. 13605

Accertamento con parametri presuntivi

Con l'ordinanza n. 13605/2016 la Corte di Cassazione ha ritenuto che la causa di infortunio di un contribuente non risulta determinante se viene addotta come scusa con l’Agenzia delle Entrate.

Leggi dopo

Nullo l’accertamento che non tiene conto della risposta all’invito

10 Aprile 2015 | di La Redazione

Cass. civ., sez. trib., 8 aprile 2015, n. 6971

Accertamento con parametri presuntivi

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 6971/2015, ribalta la decisione di merito e annulla senza rinvio l’accertamento fondato esclusivamente sullo scostamento dei parametri, senza dare alcun conto, nella motivazione, della documentazione offerta dal contribuente.

Leggi dopo