Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata

Ratei di mutuo quali oneri deducibili come assegni periodici corrisposti al coniuge

16 Agosto 2021 | di Benedetta Rossi

Cass. civ. sez. V

Assegni familiari

La Corte di Cassazione ha affrontato la questione della deducibilità del pagamento delle rate di mutuo, effettuato in luogo dell'altro coniuge, dal reddito del coniuge onerato, valutando se possa e in quali termini essere assimilato alla corresponsione al coniuge degli assegni periodici.

Leggi dopo

L'accordo di composizione della crisi con transazione fiscale è omologabile anche in caso di voto erariale contrario

13 Agosto 2021 | di Lorenzo Gambi

Tribunale Napoli

Transazione fiscale

Il Tribunale omologa l'accordo di composizione della crisi da sovraindebitamento contenente la proposta di trattamento del credito fiscale anche nel caso in cui l'Erario voti in senso contrario, laddove il voto dell'ufficio sia decisivo ai fini del raggiungimento del 60% e la proposta sia più conveniente rispetto all'alternativa liquidatoria.

Leggi dopo

Gli elementi indiziari di capacità contributiva superabili solo con prova contraria del contribuente

12 Agosto 2021 | di Giuseppe Durante

Cass. Civ.

Mezzi di prova

In caso di accertamento sintetico dell’Amministrazione finanziaria legittimato dalla mancata presentazione della dichiarazione dei redditi da parte del contribuente, gli elementi indiziari raccolti dall’ufficio in fase istruttoria finalizzati a determinare la capacità reddituale del contribuente possono essere smentiti solo tramite prova contraria fornita dallo stesso contribuente. È quanto ha disposto la Suprema Corte di Cassazione in concomitanza dell’Ordinanza n. 17859 del 22 giugno 2021.Si tratta di un orientamento giurisprudenziale con il quale i Giudici di Legittimità hanno attribuito “prevalenza sostanziale” ai dati, sia pure indiziari, raccolti dall’ufficio e finalizzati alla ricostruzione induttiva avente ad oggetto la capacità reddituale del contribuente relativa al periodo d’imposta considerato. Prevalenza degli elementi raccolti dall’ufficio, superabile solo nel caso in cui il soggetto accertato riesce a dare prova (contraria) idonea che possa mettere in discussione l’ attendibilità dei dati raccolti dall’ADE in fase istruttoria.

Leggi dopo

Non è tenuto a versare le ritenute il cessionario d'azienda cui non passino i dipendenti del cedente

04 Agosto 2021 | di Francesco Brandi

Cass. civ., sez. VI

Cessione d'azienda

Nell'ambito di una cessione d'azienda il cessionario non paga le ritenute se acquista il ramo senza i dipendenti. Risponde invece dei debiti risultanti da un controllo automatizzato effettuato dopo la cessione ma relativi al triennio precedente, applicandosi il comma primo dell'art. 14 del d.lgs. n. 472/1997, che invece ha inteso estendere la responsabilità solidale cessionario a qualsiasi debito per imposte e sanzioni relativo a "violazioni commesse" dal soggetto cedente nel triennio precedente al trasferimento d'azienda, anche se al tempo della cessione d'azienda non ancora constatate, contestate od accertate. Per evitare tale responsabilità aveva l'onere di attivarsi presso l'amministrazione finanziaria chiedendo la certificazione della posizione debitoria del cedente.

Leggi dopo

Accertamento necessario per ciascuna annualità se contestati i periodi precedenti

02 Agosto 2021 | di Ignazio Gennaro

CTR Sicilia, Palermo

Imposte dirette

In tema di Tarsu – Tia, qualora allo stesso contribuente siano già stati notificati per la medesima fattispecie altri avvisi di accertamento riferiti ad annualità precedenti che siano stati impugnati ed annullati con sentenze non ancora divenute definitive sussiste l'obbligo da parte dell'Amministrazione della preventiva notifica di un nuovo avviso di accertamento prima di poter procedere all'iscrizione a ruolo.

Leggi dopo

Le spese di trasporto delle merci importate e l'influenza delle clausole Incoterms® sul valore di transazione in dogana ai fini daziari

28 Luglio 2021 | di Gabriele Damascelli

CGUE

Dogane

Con la sentenza del 22 aprile 2021 nella causa C-75/20, la Corte di Giustizia ha affermato l'esclusione, dalla determinazione del valore di transazione in dogana, delle spese di trasporto delle merci oggetto di vendita, di cui all'art. 71 par. 1 lett. e), i), del Codice Doganale dell'Unione, sopportate dal venditore fino al luogo della loro introduzione nel territorio doganale dell'UE qualora queste, in base alle condizioni di vendita pattuite, siano già incluse nel prezzo della merce, allorché tale prezzo corrisponda al valore reale ed effettivo di dette merci e non già ad un valore arbitrario ed astratto.

Leggi dopo

Attività di astrologia. Lavoro autonomo o attività commerciale?

26 Luglio 2021 | di Matteo Pillon Storti

Cass. Civ., sez. trib.

Regimi contabili e fiscali

La Cassazione è stata chiamata a valutare un caso riguardante l'attività di astrologia svolta da un contribuente, il quale, durante lo svolgimento del proprio esercizio, vendeva “filtri e prodotti magici ai propri clienti”. Nello specifico, la natura di tale attività è da considerarsi “commerciale” e come tale vigono gli obblighi fiscali previsti per questo genere di attività, come ad esempio la previsione normativa secondo la quale i prelevamenti bancari effettuati possono essere considerati ricavi occulti.

Leggi dopo

Prova dell’amministrazione di fatto e regime sanzionatorio per gli illeciti tributari commessi

23 Luglio 2021 | di Matteo Faggioli

CTP Reggio Emilia

Sanzioni

È “amministratore di fatto” colui che esercita in modo continuativo e significativo i poteri tipici inerenti alla qualifica o alla funzione, sebbene significatività e continuità non comportino necessariamente l’esercizio di tutti i poteri propri dell'organo di gestione, ma richiedano l’esercizio di un’apprezzabile attività gestoria, svolta in modo non episodico od occasionale.

Leggi dopo

No alla sanzione per omessa dichiarazione al contribuente solo in caso di frode del commercialista

16 Luglio 2021 | di Francesco Brandi

Cass. civ., sez. VI

Omessa dichiarazione

Illegittima la sanzione per omessa dichiarazione al contribuente nel caso in cui produca una sentenza penale che accerti la condotta fraudolenta del commercialista che veniva altresì condannato al risarcimento dei danni. Lo sancisce la Cassazione con l'ordinanza n. 15324 del 3 giugno 2021 con cui ha accolto il ricorso di un contribuente.

Leggi dopo

L’IVA nelle prestazioni sociali di assistenza legale fornite da avvocati quali “organismi a carattere sociale”

13 Luglio 2021 | di Gabriele Damascelli

Corte di Giustizia UE

IVA

Con la sentenza del 15 aprile 2021 resa nella causa C-846/19, la Corte di Giustizia UE, chiamata a pronunciarsi sull'interpretazione degli articoli 9, par. 1 e 132, par. 1 lett. g), della Direttiva IVA 2006/112, in relazione alle prestazioni di servizi, di carattere sociale, aventi ad oggetto diversi regimi di protezione, tra cui la curatela e la tutela, rese da avvocati nei riguardi di persone maggiorenni legalmente incapaci ed affette da alterazioni delle facoltà mentali a seguito di malattia, disabilità o senescenza invalidante, ha affermato che le medesime prestazioni costituiscono attività economiche se connesse con l'assistenza e la sicurezza sociale, il cui espletamento è affidato da un'autorità giudiziaria e la cui remunerazione, da cui il prestatore trae redditi a carattere permanente, è stabilita dalla stessa autorità o in modo forfettario o sulla base della situazione finanziaria della persona incapace e può altresì essere sostenuta dal medesimo Stato in caso di indigenza dell'assistito.

Leggi dopo

Pagine