Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata su IVA

L’IVA nelle prestazioni sociali di assistenza legale fornite da avvocati quali “organismi a carattere sociale”

13 Luglio 2021 | di Gabriele Damascelli

Corte di Giustizia UE

IVA

Con la sentenza del 15 aprile 2021 resa nella causa C-846/19, la Corte di Giustizia UE, chiamata a pronunciarsi sull'interpretazione degli articoli 9, par. 1 e 132, par. 1 lett. g), della Direttiva IVA 2006/112, in relazione alle prestazioni di servizi, di carattere sociale, aventi ad oggetto diversi regimi di protezione, tra cui la curatela e la tutela, rese da avvocati nei riguardi di persone maggiorenni legalmente incapaci ed affette da alterazioni delle facoltà mentali a seguito di malattia, disabilità o senescenza invalidante, ha affermato che le medesime prestazioni costituiscono attività economiche se connesse con l'assistenza e la sicurezza sociale, il cui espletamento è affidato da un'autorità giudiziaria e la cui remunerazione, da cui il prestatore trae redditi a carattere permanente, è stabilita dalla stessa autorità o in modo forfettario o sulla base della situazione finanziaria della persona incapace e può altresì essere sostenuta dal medesimo Stato in caso di indigenza dell'assistito.

Leggi dopo

In caso di rimborso IVA l’Amministrazione deve restituire anche il costo della fideiussione

15 Febbraio 2021 | di Francesco Brandi

Cass. civ., sez. trib.

IVA

L’Amministrazione finanziaria è tenuta a restituire al contribuente anche la fideiussione in caso di rimborso IVA. Lo ha stabilito la Corte di cassazione che, con la sentenza n. 22720 del 20 ottobre 2020, ha accolto il ricorso di una società che aveva chiesto e incassato il rimborso dell’IVA ma chiedeva anche le spese sostenute per la fideiussione.

Leggi dopo

In caso di rimborso IVA l’amministrazione deve restituire anche il costo della fideiussione

21 Gennaio 2021 | di Francesco Brandi

Cass. civ., sez. trib.

IVA

L’amministrazione finanziaria è tenuta a restituire al contribuente anche la fideiussione in caso di rimborso Iva. Lo ha stabilito la Corte di cassazione che, con la sentenza n. 22720 del 20 ottobre 2020, ha accolto il ricorso di una società che aveva chiesto e incassato il rimborso dell’Iva ma chiedeva anche le spese sostenute per la fideiussione.

Leggi dopo

Nessuna detrazione IVA all'importatore se i beni restano di proprietà di terzi

21 Dicembre 2020 | di Chiara De Leito

CGUE, Causa C-621/19

IVA

L'art. 168, lettera e) della sesta Direttiva IVA (Dir. 2006/112) deve essere interpretato nel senso di negare il diritto alla detrazione Iva ad un importatore quando questi non dispone di un diritto di proprietà sulle merci e quando il valore dei beni importati non concorre alla formazione della base imponibile dei servizi resi dall'importatore.

Leggi dopo

Chiusura della partita IVA senza previa fatturazione delle prestazioni già eseguite ad enti pubblici

07 Dicembre 2020 | di Angelo Ginex

Cass. civ., sez. trib.

Cass. civ., sez. trib., 16 ottobre 2020, n. 22517.pdf

IVA

In caso di cessazione dell'attività, ancorché l'articolo 6, comma 5, D.P.R. 633/1972 preveda l'esigibilità differita dell'imposta sul valore aggiunto, il contribuente può procedere alla chiusura della partita IVA, ove le prestazioni di servizi rese ad enti pubblici non siano state ancora remunerate, soltanto previa anticipazione della fatturazione di dette prestazioni e, quindi, dell'esigibilità dell'IVA rispetto al momento dell'effettivo incasso, con conseguente appostazione dell'ammontare d'imposta residualmente dovuto in relazione a tali prestazioni nell'ultima dichiarazione fiscale

Leggi dopo

IVA e ne bis in idem: la sentenza di assoluzione per reati fiscali determina l'ineseguibilità definitiva della sanzione amministrativa tributaria

10 Novembre 2020 | di Aldo Natalini

Cass. civ., sez. trib.

IVA

In materia di IVA, in relazione agli illeciti penal-tributari compresi all'interno del Titolo II del D.Lgs. n. 74/2000 va escluso che il procedimento amministrativo sanzionatorio debba essere dichiarato improcedibile in ragione dell'intervenuta sentenza penale irrevocabile di assoluzione, ancorché pronunciata con l'ampia formula “perché il fatto non sussiste” la quale - previa sua producibilità in cassazione ex art. 372 c.p.c. laddove il contribuente intenda far valere, anche per la prima volta in sede di legittimità, la violazione del principio di ordine pubblico unionale del ne bis in idem- determina l'ineseguibilità definitiva della sanzione tributaria, ferma la necessità di accertare, in concreto, nel giudizio avente ad oggetto l'eventuale riscossione avviata dall'Ufficio, l'identità del “fatto” rispetto agli elementi costitutivi sia dell'illecito amministrativo tributario che della corrispondente fattispecie incriminatrice.

Leggi dopo

La sostanza prevale sulla forma: spetta anche in caso di mancato assolvimento degli oneri formali

08 Aprile 2020 | di Ignazio Gennaro

CTP Palermo

IVA

Il diritto alla detrazione Iva non può essere negato qualora il contribuente, anche in assenza di dichiarazione annuale per il periodo di maturazione, dimostri che si sia trattato di acquisti fatti da un soggetto passivo d'imposta assoggettato ad Iva e finalizzati ad operazioni imponibili.

Leggi dopo

Operazioni soggettivamente inesistenti: legittimo il recupero dell’Iva anche in caso di ricettazione

02 Aprile 2020 | di Francesco Brandi

Cass. civ.

IVA

In tema di operazioni soggettivamente inesistenti, l’amministrazione finanziaria può negare la detrazione Iva anche se il contribuente è accusato di ricettazione, ovvero di un reato non rientrante nel novero di quelli tributari.

Leggi dopo

Il cessionario di credito IVA subentra nella posizione del cedente

12 Dicembre 2019 | di Antonio Scalera

Cass. civ., sez. trib.

IVA

Poiché la cessione del credito IVA lascia inalterati i termini e le modalità del rapporto sostanziale da cui il credito trae origine, l'Amministrazione finanziaria diventa obbligata verso il cessionario allo stesso modo in cui lo era nei confronti del suo creditore originario.

Leggi dopo

IVA: per il plafond vale l'anno dell'operazione originaria non rilevando eventuali successive variazioni

25 Novembre 2019 | di Francesco Brandi

Cass. civ., sez. trib.

IVA

In tema di IVA e con riferimento al regime della sospensione del pagamento dell'imposta previsto per le cessioni all'esportazione, si deve fare riferimento, ai fini della verifica del plafond annualmente previsto per beneficiare dell'agevolazione, all'anno di registrazione della fattura relativa all'operazione originaria e non a quello di registrazione del documento fiscale con il quale vengono apportate modifiche alla predetta fattura, nel rispetto della procedura di variazione.

Leggi dopo

Pagine