Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata su Affidamento e buona fede del contribuente

Richiesta di rimborso e concetto di buona fede

27 Maggio 2019 | di Giovambattista Palumbo

Cass. Civ., sez. trib.

Affidamento e buona fede del contribuente

In tema di imposte sui redditi, l'art. 38 del d.P.R. n. 602/1973 autorizza la presentazione dell'istanza di rimborso non solo in caso di errore materiale, ma anche in quello di inesistenza totale o parziale dell'obbligo di versamento, ed opera in maniera indifferenziata in tutte le ipotesi di ripetibilità del versamento indebito.

Leggi dopo

In nome dei principi di collaborazione e buona fede è valida l'istanza di rimborso presentata all'ufficio incompetente

14 Febbraio 2019 | di Aldo Natalini

Cass. civ., sez. trib.

Affidamento e buona fede del contribuente

La presentazione dell'istanza di rimborso delle imposte ad un organo diverso da quello tenuto a provvedere costituisce atto idoneo ad impedire la decadenza del contribuente dal diritto al rimborso ed a determinare la formazione del silenzio-rifiuto...

Leggi dopo

Rettifica pro contribuente: per le SS.UU. sempre possibile anche in sede contenziosa

04 Luglio 2016 | di Fabio Gallio

Cass. civ., sez. un.

Affidamento e buona fede del contribuente

Le Sezioni Uniti della Corte di Cassazione intervengono per dipanare i contrasti giurisprudenziali sorti in merito ai limiti di emenda della dichiarazione fiscale, ed in particolare alla possibilità per il contribuente di presentare una dichiarazione integrativa che permetta di correggere errori che gli hanno fatto dichiarare un maggior imponibile rispetto al dovuto.

Leggi dopo

La buona fede “salva” la detrazione IVA anche in caso di operazioni con fornitori inesistenti

15 Dicembre 2015 | di Luigi Vele

CGUE, sez. V

Affidamento e buona fede del contribuente

In tema di detrazione dell’IVA, la Corte di Giustizia dell'Unione Europea statuisce che, laddove l’Amministrazione finanziaria contesti l’inesistenza dell’operazione sotto il profilo soggettivo, essa può disconoscere il diritto alla detrazione assolta dal cessionario solo se dimostra, sulla base di elementi certi ed oggettivi, che nonostante la apparente regolarità formale e sostanziale delle operazioni, quest’ultimo era connivente al meccanismo fraudolento.

Leggi dopo

L’errore materiale di calcolo può essere rettificato in sede contenziosa

15 Ottobre 2015 | di Ignazio Gennaro

Cass. civ., sez. trib.

Affidamento e buona fede del contribuente

In caso di errore materiale di calcolo nella dichiarazione dei redditi che incida sull’ammontare della base imponibile o dell’imposta, nulla osterebbe a provvedere alla rettifica anche in sede contenziosa di impugnazione della relativa cartella, anche se sia già scaduto il termine per la presentazione della dichiarazione integrativa.

Leggi dopo