Focus

Focus

Le ispezioni della Guardia di finanza e l'apertura di plichi sigillati. Il consenso sanante del contribuente

27 Settembre 2021 | di Daniela Mendola

Verifiche fiscali

L'Amministrazione finanziaria, come noto, è titolare di poteri strumentali all'esercizio dell'attività di controllo che trovano fondamento nell'art. 32, d.P.R. n. 600/73, rubricato “Poteri degli uffici”. Quest'ultimo testualmente prescrive che “per l'adempimento dei loro compiti gli uffici delle imposte possono procedere all'esecuzione di accessi, ispezioni e verifiche; invitare i contribuenti, indicandone il motivo a comparire di persona o per mezzo di rappresentanti per fornire dati e notizie rilevanti ai fini dell'accertamento nei loro confronti…”.

Leggi dopo

Scambio automatico di informazioni verso Paesi terzi rispetto all'UE e diritto alla protezione dei dati personali: un percorso davvero concluso?

21 Settembre 2021 | di Stefano Maria Ronco

Operazioni con l’estero

La disciplina in tema di protezione dei dati personali ha progressivamente assunto grande rilievo anche in ambito tributario. Al riguardo, merita interrogarsi circa la conformità di alcuni meccanismi automatici di scambio di informazioni di matrice fiscale attuati in base agli accordi internazionali sottoscritti sulla scia della disciplina di ‘FACTA' e del ‘CRS' con il diritto alla protezione dei dati personali. Come si osserverà, l'effettiva conformità al diritto UE di tali meccanismi di scambio di informazioni è dibattuta.

Leggi dopo

Esenzione ai fini IVA di slot e VLT: quando a vincere è solo il concessionario

16 Settembre 2021 | di Irene Barbieri

Redditi diversi

Recano tutte la data del giugno 2021 le cinque sentenze con cui la Corte di Cassazione, in netta rottura rispetto all'orientamento consolidatosi negli ultimi anni in seno alle Corti di merito, ha definitivamente circoscritto ai soli rapporti con il concessionario l'esenzione ai fini Iva prevista in tema di Slot machines e Videolottery.

Leggi dopo

Consorzi: esenzione IVA applicabile anche per i consorziati costituiti da meno di tre anni

13 Settembre 2021 | di Fabio Gallio, Pierantonio Longo

Consorzi e società consortili

Anche i soggetti consorziati costituiti da meno di tre anni possono beneficiare del regime di esenzione dall'Iva previsto dal secondo comma dell'art. 10, D.P.R. n. 633/1972, per le prestazioni rese dal Consorzio nei loro confronti. Lo ha precisato l'Agenzia delle Entrate con le risposte a interpello n. 956-2591/2020 e n. 956-2592/2020. L'esenzione trova applicazione anche per le prestazioni di servizi, rese dal Consorzio, strettamente connesse con l'assistenza e la previdenza sociale fornite dalle case di riposo in essere nelle singole fondazioni consorziate.

Leggi dopo

Decentralized Finance (DeFi): le (nuove) promesse della blockchain e le (vecchie) paure del riciclaggio e dell'evasione fiscale

07 Settembre 2021 | di Lorenzo Savastano

Antiriciclaggio

La Decentralized Finance (DeFi), ultimo approdo evoluzionistico dell'integrazione tra le tecnologie blockchain e smart contract, è un fenomeno oggi in crescita costante e (sembrerebbe) inarrestabile. L'erogazione dei tradizionali servizi finanziari mediante Decentralized Applications (DApps) desta, tuttavia, motivi di preoccupazione rispetto alla tenuta dei collaudati sistemi di compliance fiscale e finanziaria innervanti i moderni mercati di capitali. L'avvento della disintermediazione nella prestazione di servizi bancari, assicurativi e di pagamento, foraggiata dall'impiego dei protocolli criptografici dei registri distribuiti, elimina ab origine, difatti, importanti flussi informativi e di reporting derivanti dall'ecosistema degli intermediari finanziari a favore delle Amministrazioni finanziarie e delle altre Authority, impegnate nel contrasto agli insidiosi e simbiotici fenomeni del riciclaggio di capitali illeciti e dell'evasione fiscale internazionale.

Leggi dopo

Sintesi della giurisprudenza in tema di cartelle di pagamento “digitali” dopo le modifiche apportate dal D.Lgs n. 159/2015

01 Settembre 2021 | di Massimo Romeo

Processo telematico

Il percorso di digitalizzazione, in generale, degli atti della Pubblica Amministrazione e, in particolare, la possibilità per gli Uffici tributari e per l'agente della riscossione di emettere e notificare con modalità informatizzata i propri atti impoesattivi nonché quelli tipici del procedimento di riscossione, non è rimasto indenne da “nuove” contestazioni mosse dai contribuenti che hanno adito il giudice sollevando vizi sia quanto alla forma degli atti che alla loro modalità di notifica.

Leggi dopo

Possibile la trasformazione in crediti d'imposta delle imposte anticipate relative a perdite ed eccedenze ACE

26 Agosto 2021 | di Fabio Gallio

Agenzia delle Entrate

Crediti d'imposta per società di persone

Con la Risoluzione del 28 giugno 2021, n. 44/E, l'Agenzia delle Entrate ha fornito alcuni chiarimenti sulla disciplina agevolativa in materia di conversione in crediti di imposta delle attività per imposte anticipate relative a perdite fiscali ed eccedenze ACE. In merito ricordiamo che, tra le misure di sostengo finanziario alle imprese per fronteggiare l'emergenza COVD-19 ed inserite nel D.L. c.d. “ Cura Italia” del 17 marzo 2020, n. 18, approvato dal Consiglio dei Ministri del 16 marzo 2020 e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 17 marzo 2020, vi è quella contenuta nell'art. 55.

Leggi dopo

Diritto d'accesso e segnalazioni di operazioni sospette antiriciclaggio: un ossimoro?

20 Agosto 2021 | di Ranieri Razzante

Cons. Stato, Sez. IV

Antiriciclaggio

La segnalazione effettuata ai sensi dell'art. 41 d.lgs. n. 231/2007 deve ritenersi rientrante nel novero dei documenti attinenti all'attività informativa nei settori istituzionali di cui all'art. 4, lett.c), DM n. 603/1996, e, quindi, deve essere sottratta all'accesso di cui alla l. n. 241/1990...

Leggi dopo

L'affievolimento delle garanzie partecipative nei procedimenti di rimborso e di autotutela

18 Agosto 2021 | di Daniela Mendola

Autotutela

L'Amministrazione finanziaria non è parte attiva solo dei procedimenti finalizzati al recupero della pretesa erariale, ma anche di quelli funzionali alla restituzione di somme indebitamente versate dal contribuente all'Erario.

Leggi dopo

La rivalutazione di beni e partecipazioni prevista dal Decreto Agosto: profili di diritto tributario e penale

10 Agosto 2021 | di Claudia Gregori, Niccolò Bertolini Clerici

Partecipazioni

L'art. 110 D.L. n. 104/2020 (c.d. Decreto Agosto) stabilisce che i contribuenti indicati all'art. 73, comma 1, lett. a) e b),T.U.I.R. (società di capitali ed enti pubblici o privati residenti che svolgono attività commerciale), che non adottano i principi internazionali nella redazione del bilancio, possono, anche in deroga all'art. 2426 c.c. e di ogni altra disposizione di legge in materia, rivalutare beni materiali e immateriali nonché le partecipazioni in società controllate e collegate ai sensi dell'art. 2359 c.c., che siano iscritte tra le immobilizzazioni nel bilancio relativo all'esercizio in corso alla data del 31 dicembre 2019. La rivalutazione, che va effettuata nel bilancio successivo a quello appena citato (i.e., nel bilancio al 31.12.2020, per le società aventi esercizio solare), esplica, in prima battuta, i suoi effetti in ambito civilistico, i quali possono poi essere estesi anche a livello fiscale, riallineando i valori fiscali ai maggiori valori contabili di bilancio, mediante il versamento di una imposta sostitutiva pari al 3% dei predetti maggiori valori.

Leggi dopo

Pagine