Focus

Focus

Disponibile la nuova Edizione de "Le imposte sui redditi nel Testo Unico"

30 Giugno 2022 | di Maurizio Leo

Imposte dirette

La nuova edizione del Commentario “Le imposte sui redditi nel testo unico” vede la luce in un momento storico particolare. In Parlamento si sta discutendo, con non poche difficoltà, la delega di riforma del sistema fiscale che interessa anche il comparto dell’imposizione sui redditi (personali e societari). Non è la prima volta, dai lontani anni settanta, che vengono presentati disegni di legge di revisione e riordino del nostro ordinamento tributario, ma quasi sempre le ambiziose aspettative in essi contenute sono rimaste deluse. Verrebbe da dire che i progetti di riforma fiscale sono assimilabili alla celebre opera del drammaturgo Samuel Beckett “Aspettando Godot” che, nel teatro dell’assurdo, costruisce la trama sulla condizione dell’attesa. Un’attesa che, però, nel nostro caso, limita la normale produzione normativa a interventi spesso estemporanei e stagionali e fa svolgere un ruolo di supplenza agli arresti della giurisprudenza e alla prassi dell’Amministrazione finanziaria, che nel loro insieme costituiscono un sistema para-legislativo con cui gli addetti ai lavori si devono necessariamente confrontare.

Leggi dopo

La riforma della Giustizia tributaria: il supergiudice e la forbice del tempo

30 Giugno 2022 | di Mario Giannotta

Riforma del processo tributario

Con il disegno di legge approvato dal Consiglio dei Ministri n. 78 del 17 maggio 2022 la riforma del contenzioso tributario compie un ulteriore passo e si prepara ai necessari – e, da quanto si vocifera, tutt’altro che scontati – passaggi parlamentari.

Leggi dopo

Sdoppiamento dei termini tra emissione e notifica degli accertamenti “post covid”. Atti annullati se emessi oltre lo “spartiacque” del 31.12.2020

21 Giugno 2022 | di Marco Ligrani, Francesca Aliberti

Termini di accertamento

In tema di decadenza dell’azione accertatrice, le primissime pronunce giurisprudenziali di merito accolgono la difesa pro-contribuente sull’emissione tardiva, da parte degli uffici dell’Agenzia delle Entrate, degli accertamenti, avvenuta oltre il termine decadenziale prescritto dall’art. 157 D.L. n. 34/2020 (cd. Decreto “Rilancio”). Con le sentenze di merito nn. 269/1/2021, 169/2/2022 e 57/1/2022, le Commissioni Tributarie Provinciali di Verona, Caltanissetta e Isernia, nel ripercorrere la portata normativa del richiamato art. 157, confermano lo sdoppiamento dei termini tra la data di emissione e la data di notifica degli avvisi di accertamento in scadenza al 31 dicembre 2020, precisando, oltretutto, che dei due termini è solo il secondo, cioè quello riferito alla notifica, che beneficia della proroga ex art. 4-octies, comma 1, D.L. n. 34/2019 e ciò, in quanto la suddetta norma riguarda, letteralmente, il termine per la notifica e non anche quello per l’emissione. Ne consegue che, per quest’ultima, restava fermo il termine massimo del 31 dicembre 2020.

Leggi dopo

Calcolo del valore di avviamento e avviamento negativo

17 Giugno 2022 | di Domenico Chindemi

Cessione d'azienda

La mancanza di una definizione normativa di avviamento suscita dubbi interpretativi sui relativi criteri di determinazione e sulla possibilità, peraltro ormai riconosciuta, di determinare un avviamento negativo nel caso di cessione di azienda. Sono evidenziate le soluzioni possibili alla luce della giurisprudenza della Corte di Cassazione e i limiti del ricorso per cassazione avverso la valutazione dell'avviamento da parte del giudice di merito.

Leggi dopo

La natura documentale del processo tributario

13 Giugno 2022 | di Daniela Mendola

Atti del processo

La giurisdizione tributaria si caratterizza per l’assenza dell’oralità-immediatezza propria dei processi a carattere dibattimentale. La prova, invero, si forma mediante l’esibizione di una apposita documentazione dalla quale risultino i fatti indicativi di capacità contributiva.

Leggi dopo

Legitimatio ad causam, ad processum, e ius postulandi dell'Agente della Riscossione davanti le Commissioni. Adiectus solutionis causa e litis denuntiatio

10 Giugno 2022 | di Salvatore Labruna

Poteri istruttori del giudice tributario

La trattazione della difesa processuale dell'Agente della riscossione davanti le Commissioni tributarie postula una premessa su legitimatio ad causam (art. 10, d.lgs. 546/1992), legitimatio ad processum (succ. art. 11), e ius postulandi (succ. art. 12). La giustizia tributaria tutela il diritto soggettivo e/o l'interesse legittimo del cittadino-contribuente attraverso il “prisma” degli atti impositivi/sanzionatori/esattivi che - si assume - lo abbiano leso, la cui impugnazione è veicolo d'accesso al giudizio cognitorio sul rapporto tributario.

Leggi dopo

Gli effetti della sanatoria dei crediti di imposta R&S sul contenzioso tributario e sul processo penale

07 Giugno 2022 | di Angelo Flaccavento

Crediti d'imposta per società di persone

La possibilità di sanare i crediti di imposta R&S recati da atti di recupero o altri provvedimenti impositivi non ancora definitivi al momento di entrata in vigore della misura agevolativa, senz'altro si riverbera sul potenziale esito dei contenziosi tributari aventi ad oggetto gli atti o provvedimenti sanati. Allo stesso modo, l'introduzione di una specifica causa di non punibilità (art. 5, comma 11, ultimo periodo, del D.L. 146/2021), che si sovrappone a quella già prevista dall'art. 13, comma 1, del D.Lgs. 74/2000, è destinata a segnare le sorti delle pendenze penali scaturite da denunce – ex art. 331 c.p.p., o comunicazioni notizie di reato – ex art. 347 c.p.p., relative all'ipotesi delittuosa prevista e punita dall'art. 10 quater del medesimo Decreto.

Leggi dopo

Luci ed ombre nel DdL sulla riforma tributaria

31 Maggio 2022 | di Massimo Scuffi

Riforma del processo tributario

La relazione finale della Commissione interministeriale per la riforma della giustizia tributaria aveva individuato come obbiettivi primari tra le azioni direttrici il rafforzamento della specializzazione dei giudici tributari con abbandono del regime part time e l’affermazione della loro indipendenza. Lo schema di disegno di legge sulle disposizioni in materia di giustizia e di processo tributario solo in parte ha raggiunto il primo obbiettivo mentre il secondo è stato pretermesso.

Leggi dopo

Le prospettive di riforma della giustizia tributaria

26 Maggio 2022 | di Daniela Mendola

Riforma del processo tributario

Si discute, ormai da anni, della possibilità di riformare la giustizia tributaria. In linea con le esigenze di riforma, il Ministero dell’economia e delle finanze (MEF) ed il Ministero della Giustizia, dopo la relazione finale del 30 giugno 2021 della Commissione interministeriale per la riforma della giustizia tributaria, conclusa con due opzioni contrastanti, hanno deciso di istituire un Gruppo tecnico operativo avente il compito di predisporre, entro il 15 aprile 2022, uno schema normativo per la decisiva riforma strutturale della Giustizia tributaria, prevista dal PNRR. Il menzionato Gruppo tecnico operativo ha provveduto a terminare i lavori nel termine suindicato e il disegno di legge presentato è stato approvato dal Consiglio dei ministri n. 78 del 17 maggio 2022.

Leggi dopo

Iniziata l’attività della Procura Europea

24 Maggio 2022 | di Saverio Capolupo

Operazioni con l’estero

La Procura Europea (EPPO) è divenuta operativa a decorrere dal 1° giugno 2021 con competenza sui reati lesivi degli interessi finanziari della Comunità commessi successivamente al 20 novembre 2017. Nonostante l’articolato e autorevole dibattito che ha preceduto la sua introduzione, permangono numerosi dubbi sotto differenti profili.

Leggi dopo

Pagine