Casi e sentenze

Casi e sentenze su Riscossione coattiva

Gli effetti della rottamazione decorrono dalla presentazione della domanda

24 Maggio 2021 | di La Redazione

CTR Lazio, Roma

Riscossione coattiva

Gli effetti della rottamazione, in termini di falcidia del debito tributario afferente a sanzioni, interessi di mora e relativo aggio, decorrono in ogni caso dalla presentazione della dichiarazione di adesione e non dalla successiva comunicazione di ammissione da parte del Concessionario.

Leggi dopo

Riscossione frazionata: l'ammontare del tributo è quello risultante in sentenza

30 Dicembre 2020 | di La Redazione

CTP Lecce, sez. I

Riscossione coattiva

Ai sensi dell'art. 68, comma 1, lett. b), D.Lgs. n. 546 del 1992, nei casi in cui è prevista la riscossione frazionata del tributo oggetto di giudizio, con i relativi interessi previsti dalle leggi fiscali...

Leggi dopo

Riscossione ed esecuzione a mezzo ruolo: il socio può impugnare la cartella

21 Dicembre 2020 | di La Redazione

Cass. Civ., SS.UU.

Riscossione coattiva

In tema di riscossione ed esecuzione a mezzo ruolo di tributi il cui presupposto impositivo sia stato realizzato dalla società e la cui debenza risulti da un avviso di accertamento notificato alla società e da questa non impugnato, il socio può impugnare la cartella notificatagli eccependo (tra l'altro) la violazione del beneficio di preventiva escussione del patrimonio sociale.

Leggi dopo

Cartella di pagamento impugnabile anche se il contribuente è venuto a conoscenza tramite estratto di ruolo

20 Ottobre 2020 | di La Redazione

CTP Napoli sez. XIX

Riscossione coattiva

Il contribuente può impugnare la cartella di pagamento della quale - a causa dell'invalidità della relativa notifica - sia venuto a conoscenza solo attraverso un estratto di ruolo rilasciato su sua richiesta dal concessionario della riscossione.

Leggi dopo

Concessione e appalto: la differenza sorge nelle modalità di remunerazione

16 Ottobre 2020 | di La Redazione

CTR Lombardia, Brescia, sez. XXVI

Riscossione coattiva

Si ha concessione quando l'operatore si assume in concreto i rischi economici della gestione del servizio, rifacendosi essenzialmente sull'utenza per mezzo della riscossione di un qualsiasi tipo di canone o tariffa, mentre si ha appalto quando l'onere del servizio stesso viene a gravare sostanzialmente sull'Amministrazione.

Leggi dopo

L'onere probatorio dell'A.F. viene assolto con la produzione in giudizio dell’estratto di ruolo

18 Giugno 2020 | di La Redazione

CT II Trento

Riscossione coattiva

In tema di riscossione delle imposte, il Concessionario non è tenuto a produrre in giudizio l'originale delle cartelle di pagamento, in quanto la cartella esattoriale non è altro che la stampa del ruolo in un unico originale notificata alla parte, ed il titolo esecutivo è costituito dal ruolo.

Leggi dopo

Giuridicamente inesistente la cartella di pagamento notificata da un indirizzo PEC non ufficiale

12 Giugno 2020 | di La Redazione

CTP Roma

Riscossione coattiva

In tema di riscossione delle imposte, laddove la cartella di pagamento provenga da un indirizzo PEC differente da quello contenuto nel pubblico registro "IPA"...

Leggi dopo

Legittimazione passiva nel soggetto che ha emesso l’atto impugnato veicolo della pretesa tributaria

24 Luglio 2019 | di La Redazione

CT II Trento

Riscossione coattiva

Nelle liti promosse contro il concessionario della riscossione questi è legittimato esclusivo solo se la lite riguarda “la regolarità o la validità degli atti esecutivi”, altrimenti deve chiamare in causa l’ente creditore interessato; in mancanza, risponde delle conseguenze della lite...

Leggi dopo

Riscossione e gestione tributi da parte di società in house: atti nulli in assenza del relativo potere

27 Maggio 2019 | di La Redazione

CTP Lucca, sez. III

Riscossione coattiva

Gli atti di gestione e riscossione dei tributi locali posti in essere dalla società in house sono nulli qualora tali servizi siano i medesimi di quelli svolti da una precedente società in house dichiarata, poi, fallita.

Leggi dopo

Debiti erariali: la legittimazione dell’agente per la riscossione nel concordato

31 Ottobre 2018 | di La Redazione

Tribunale Catania

Riscossione coattiva

La legittimazione dell’agente per la riscossione a far valere il credito tributario nell’ambito della procedura concorsuale non esclude la legittimazione dell’Amministrazione finanziaria che conserva la titolarità del credito azionato...

Leggi dopo

Pagine