Homepage

Focus Focus

Gli effetti della sanatoria dei crediti di imposta R&S sul contenzioso tributario e sul processo penale

07 Giugno 2022 | di Angelo Flaccavento

Crediti d'imposta per società di persone

La possibilità di sanare i crediti di imposta R&S recati da atti di recupero o altri provvedimenti impositivi non ancora definitivi al momento di entrata in vigore della misura agevolativa, senz'altro si riverbera sul potenziale esito dei contenziosi tributari aventi ad oggetto gli atti o provvedimenti sanati. Allo stesso modo, l'introduzione di una specifica causa di non punibilità (art. 5, comma 11, ultimo periodo, del D.L. 146/2021), che si sovrappone a quella già prevista dall'art. 13, comma 1, del D.Lgs. 74/2000, è destinata a segnare le sorti delle pendenze penali scaturite da denunce – ex art. 331 c.p.p., o comunicazioni notizie di reato – ex art. 347 c.p.p., relative all'ipotesi delittuosa prevista e punita dall'art. 10 quater del medesimo Decreto.

Leggi dopo
Giurisprudenza commentata Giurisprudenza commentata

Illegittima la presunzione sulla partecipazione degli utili extracontabili del socio in caso di annullamento dell’accertamento “principale”

07 Giugno 2022 | di Giuseppe Durante

Cass. Civ., 16 marzo 2022

Società di capitali

L’accertamento operato dall’Amministrazione finanziaria nei confronti di una società a ristretta base azionaria ai fini Ires, Irap, addizionali nonché quello conseguenziale operato nei confronti del socio, ai fini IRPEF costituiscono atti distinti e separati ma sicuramente legati tra loro da un vincolo di pregiudizialità che non può essere disatteso dal Collegio tributario giudicante. Per cui, il sopravvenuto annullamento dell’avviso di accertamento emesso e notificato nei confronti della società di capitali a seguito di un sentenza che ha disposto sul merito della questione impositiva (e non su vizi formali o procedurali), implica inevitabilmente l’infondatezza della pretesa impositiva contenuta nell’avviso di accertamento notificato nei confronti del singolo socio.

Leggi dopo
Giurisprudenza commentata Giurisprudenza commentata

La circolazione dei beni soggetti ad accisa in sospensione d'imposta e la frode del terzo: responsabilità dei soggetti coinvolti

06 Giugno 2022 | di Gabriele Damascelli

Corte di Giustizia UE

Accise

Con la sentenza del 24 marzo 2022 resa nella causa C-711/20, la Corte di Giustizia UE chiarisce che costituisce circolazione di prodotti in regime di sospensione dei diritti di accisa una spedizione, da parte di un depositario autorizzato, di prodotti soggetti a tale imposta, sotto copertura di un documento di accompagnamento e di una garanzia obbligatoria, anche nel caso in cui tali prodotti non giungano mai a destinazione a causa di un comportamento fraudolento di un terzo ed il destinatario indicato in tale documento di accompagnamento ed in tale garanzia non sia a conoscenza del fatto che gli sono spediti tali prodotti. Resta ferma in ogni caso la responsabilità del depositario nel pagamento dell'accisa, se nel corso della circolazione di prodotti soggetti ad accisa è stata commessa o accertata un'irregolarità o un'infrazione che comporta l'obbligo di pagare l'imposta, compreso il caso di frode, essendo egli, in linea di principio, responsabile per tutti i rischi inerenti a tale regime.

Leggi dopo
Focus Focus

Luci ed ombre nel DdL sulla riforma tributaria

31 Maggio 2022 | di Massimo Scuffi

Riforma del processo tributario

La relazione finale della Commissione interministeriale per la riforma della giustizia tributaria aveva individuato come obbiettivi primari tra le azioni direttrici il rafforzamento della specializzazione dei giudici tributari con abbandono del regime part time e l’affermazione della loro indipendenza. Lo schema di disegno di legge sulle disposizioni in materia di giustizia e di processo tributario solo in parte ha raggiunto il primo obbiettivo mentre il secondo è stato pretermesso.

Leggi dopo
Casi e sentenze Casi e sentenze

Tarsu/Tia: individuazione del termine di accertamento in caso di omessa dichiarazione

31 Maggio 2022 | di La Redazione

CTR Sicilia, Palermo

CTR Sicilia, Palermo, sez. VI, 23 novembre 2021, n. 10437.pdf

Omessa dichiarazione

In tema di TARSU/TIA, ai fini dell’individuazione del "dies a quo" del termine quinquennale di decadenza del potere di accertamento da parte degli enti locali, previsto dall’art. 1, comma 161, della l. n. 296 del 2006, occorre distinguere l’ipotesi di omesso versamento dell’imposta (in relazione alla quale deve farsi riferimento al termine entro cui il tributo avrebbe dovuto essere pagato) da quella di omessa dichiarazione (in ordine alla quale deve farsi riferimento al termine entro cui avrebbe dovuto essere presentata la dichiarazione omessa).

Leggi dopo
Giurisprudenza commentata Giurisprudenza commentata

IVA: prova della cessione intracomunitaria “a maglie larghe”

30 Maggio 2022 | di Massimo Romeo

CTR Lombardia, Milano

CTR Lombardia, Milano, 26 gennaio 2022, n. 212.pdf

IVA comunitaria

In assenza di una norma che imponga in maniera tassativa e vincolante quali documenti bisogna produrre per dimostrare l'avvenuto trasferimento dei beni in altro Paese dell’Unione Europea, l’onere della prova gravante sul contribuente può ritenersi soddisfatto da un insieme di elementi complessivamente considerati e valutati secondo criteri di logica e ragionevolezza (inter alias: fatture formalmente regolari, esatta individuazione dei codici VAT, compilazione coerente dei modelli lntra, prova dei pagamenti, dichiarazione degli eredi del destinatario, attestazione del ricevimento da parte del destinatario straniero).

Leggi dopo
News News

Udienze da remoto, la CTR Lombardia emana nuove disposizioni

30 Maggio 2022 | di La Redazione

CTR Lombardia

Processo telematico

In modifica parziale del Decreto n. 9/2022, il Presidente della CTR Lombardia, dott. Domenico Chindemi, ha emanato - nella giornata di venerdì scorso - nuove disposizioni per le udienze da remoto.

Leggi dopo
Quesiti Operativi Quesiti Operativi

Detrazione per recupero patrimonio edilizio: può richiederlo anche il familiare convivente del possessore o detentore dell’immobile

30 Maggio 2022 | di Matteo Pillon Storti

Detrazioni per ristrutturazioni edilizie

Mia moglie è proprietaria della casa nella quale risiediamo entrambi. Nel 2022 abbiamo fatto alcuni lavori di ristrutturazione. Le pratiche edilizie, nonché le fattura emesse dalle imprese edili per i lavori suddetti, sono intestate a mia moglie. I pagamenti sono invece stati fatti dal mio c/c bancario, con la convinzione di portare in detrazione nella mia dichiarazione dei redditi il bonus edilizio di recupero patrimonio edilizio, anche alla luce del fatto che mia moglie risulta “incapiente”. È possibile portare in detrazione nella mia dichiarazione dei redditi queste spese, oppure vi sono degli ostacoli dovuti al fatto che le pratiche edili, le fatture d’acquisto e l’immobile sono intestati a mia moglie?

Leggi dopo
Focus Focus

Le prospettive di riforma della giustizia tributaria

26 Maggio 2022 | di Daniela Mendola

Riforma del processo tributario

Si discute, ormai da anni, della possibilità di riformare la giustizia tributaria. In linea con le esigenze di riforma, il Ministero dell’economia e delle finanze (MEF) ed il Ministero della Giustizia, dopo la relazione finale del 30 giugno 2021 della Commissione interministeriale per la riforma della giustizia tributaria, conclusa con due opzioni contrastanti, hanno deciso di istituire un Gruppo tecnico operativo avente il compito di predisporre, entro il 15 aprile 2022, uno schema normativo per la decisiva riforma strutturale della Giustizia tributaria, prevista dal PNRR. Il menzionato Gruppo tecnico operativo ha provveduto a terminare i lavori nel termine suindicato e il disegno di legge presentato è stato approvato dal Consiglio dei ministri n. 78 del 17 maggio 2022.

Leggi dopo
Casi e sentenze Casi e sentenze

Valido l’accertamento basato solo sulle risultanze degli studi di settore

26 Maggio 2022 | di La Redazione

CTR Sicilia, Palermo

Accertamento analitico

L’Ufficio può legittimamente motivare l’accertamento sulla sola base dell’applicazione degli studi di settore, i quali costituiscono elementi dotati dei requisiti di gravità, precisione e concordanza richiesti dall’art. 39, co. 1, lett. d) e 54...

Leggi dopo

Pagine