Quesiti Operativi

L’atto di divisione ha efficacia retroattiva ai fini fiscali

 

È possibile, a fini fiscali, retrodatare gli effetti di una divisione consensuale, redatta per atto pubblico, avente per oggetto cespiti immobiliari? Precisamente, il singolo condividente che consegue, in virtù della predetta divisione, la titolarità esclusiva di alcuni cespiti immobiliari, può essere considerato proprietario esclusivo, fin da una determinata data retroattiva (antecedente alla stipula notarile), di tali cespiti e, quindi, essere l’unico soggetto passivo rispetto all’imposta sui redditi (es. canone locatizio) ed ai fini dell’IMU?

Leggi dopo