News

Omesso versamento dell’IVA, dolo e invocazione della forza maggiore

11 Agosto 2021 |

Cass. pen., sez. III

Omessa dichiarazione

 

«Quando risulti che l’IVA sia stata effettivamente incassata, le relative somme non siano state accantonate ma impiegate per autofinanziamento, per altri scopi imprenditoriali, oltre ad essere provato il dolo, l’autore dell’omesso versamento si pone volontariamente nelle condizioni di non uniformarsi alla legge, con la conseguenza che non è invocabile la forza maggiore». 

 

In una controversia relativa all’omesso versamento dell’IVA, la Suprema Corte arriva ad affermare il seguente principio di diritto: «quando risulti che l’IVA sia stata effettivamente incassata, le relative somme non siano state accantonate ma impiegate per autofinanziamento, per altri scopi imprenditoriali, oltre ad essere provato il dolo, l’autore dell’omesso versamento si pone volontariamente nelle condizioni di non uniformarsi alla legge, con la conseguenza che non è invocabile la forza maggiore». 

 

Ne consegue che le sentenze che richiamano la possibilità di invocare la forza maggiore, presuppongono sempre che «l’agente abbia fatto quanto era in suo potere per uniformarsi alla legge e che per cause indipendenti dalla sua volontà non vi era la possibilità di impedire l’evento o la condotta antigiuridica; ciò non si verifica quando la condotta antigiuridica è il frutto di una scelta imprenditoriale consapevole e volontaria». 

 

 

 

 

Leggi dopo