News

Contratto d'opera: la prova dell'IVA spetta al creditore

21 Gennaio 2022 |

Cass. civ., sez. II

IVA

«La prova che l’IVA sia inclusa o meno nel corrispettivo concordato per la fornitura di beni o la prestazione di servizi incombe sul creditore che agisca per il relativo pagamento». 

  

La Suprema Corte ha esaminato il ricorso n. 1612/2022 proposto da C.R. nei confronti di una società siciliana per una causa avente ad oggetto un contratto d’opera per lavori di fornitura e posa di infissi. 

 

La società in questione aveva ottenuto un decreto ingiuntivo nei confronti del ricorrente C.R. per il pagamento del saldo della fornitura oggetto della disputa. Il decreto è stato poi opposto dall’ingiunto, articolando domanda riconvenzionale di risoluzione del contratto a causa delle infiltrazioni d’acqua attraverso gli infissi acquistati, nonché la riduzione del prezzo preventivamente concordato. 

Il complesso ricorso viene accolto dalla Corte di Cassazione solo per uno dei cinque motivi sottoposti alla sua attenzione. 

La Suprema Corte infatti, si è concentrata sulla violazione e sulla falsa applicazione degli art. 2097 e 2709 c.p.c., per avere secondo il ricorrente, il giudice di secondo grado, erroneamente disatteso il gravame in relazione alla contestazione del credito, in particolare sottolineando come l’opponente non avesse assolto l’onere di provare che il prezzo concordato fosse o meno esente da IVA. 

Proprio su questo punto il Collegio ha sottolineato come tale affermazione abbia condizionato la causa, aggiungendo poi come l’imposta di IVA costituisca una parte di quanto dovuto al creditore, la cui prova, incombe su colui che ne chiede il relativo pagamento e non sul debitore.  

Proprio per avvallare queste convinzioni, la Suprema Corte ha pronunciato un importante principio, secondo il quale: «la prova che l’IVA sia inclusa o meno nel corrispettivo concordato per la fornitura di beni o la prestazione di servizi incombe sul creditore che agisca per il relativo pagamento». 

Pertanto, viene accolto il quinto motivo e respinti tutti gli altri.  

 

 

Leggi dopo