Focus

L'udienza tributaria ancora in emergenza: qualche spunto di ordine pratico

Sommario

Introduzione: l'articolo 27 in sintesi | Memorie conclusionali, di replica, illustrative e brevi repliche a confronto | Le memorie conclusionali e di replica: quanto sono utili? | L'opportunità dell'istanza di discussione pubblica | La presentazione dell'istanza finalizzata al rinvio |

 

Il perdurare dello stato di emergenza, prorogato fino al 30 aprile, ha trascinato con sé l'eccezionalità del rito introdotto dall'articolo 27 del decreto “ristori” (D.L. n. 137/2020) e, dunque, dell'udienza sulla base degli atti, ovvero a trattazione scritta. Dopo una fase di prima applicazione della norma, solo alcune commissioni hanno fissato le udienze da remoto come indicato dal primo comma della norma, mediante l'applicativo Skype for Business messo a disposizione dal MEF. Nella maggior parte dei casi, invece, le udienze proseguono in forma scritta senza la presenza delle parti, in base alla doppia modalità indicata dal secondo comma. Lasciando da parte, in questa sede, le pur doverose considerazioni sul vulnus del diritto alla difesa, focalizziamo l'attenzione su qualche consiglio di ordine pratico, nel pieno del rito emergenziale.

Leggi dopo