Focus

La fiscalità delle criptoattività

Sommario

Premessa | Introduzione | Qualificazione giuridica delle criptoattività | Il disegno di legge Senato 2572 | Lo stato dell’arte della fiscalità delle criptoattività | In conclusione | Guida all’approfondimento |

 

Il trattamento fiscale delle criptoattività dipende essenzialmente dalla loro qualificazione giuridica, che si presenta alquanto incerta, stante il sostanziale vuoto normativo. È dubbia la soluzione prescelta dall’Agenzia delle Entrate di equiparare le criptovalute a valute estere, essendo forse preferibile, in linea generale ed in aderenza alla prassi contabile, inquadrarle tra i beni immateriali, categoria alla quale verosimilmente appartengono anche le altre criptoattività. Le conseguenze sono decisive, ai fini Ires, Irap, IVA e non solo. L’unica iniziativa legislativa (ancora in fase embrionale) che si registra è il disegno di legge n. 2572 presentato in Senato che sembra allinearsi, seppur ovviamente attraverso l’introduzione di modifiche legislative, alla posizione dell’Agenzia delle Entrate, proponendo l’introduzione di un regime impositivo calibrato su quello delle valute estere. Di certo, è auspicabile che, nelle more dell’introduzione di una normativa ad hoc, la stessa Agenzia delle Entrate non proceda all’applicazione di sanzioni in caso di interpretazioni difformi da quella da essa proposta, vista l’evidente incertezza della materia.

Leggi dopo