Focus

Il quadro probatorio ai fini IVA nelle operazioni soggettivamente inesistenti

02 Marzo 2021 |

Cass. Civ.

Mezzi di prova

Sommario

Premessa | Attuale simmetria della Cassazione alle “indicazioni” fornite dalla Corte di Giustizia | Dimostrazione dell'assenza di buona fede del cessionario e utilizzo di elementi oggettivi | Il ruolo dell'art. 60-bis d.P.R. n. 633/1972 e la solidarietà dipendente del cessionario. Criticità dal lato probatorio | In conclusione |

 

Il diritto a detrazione IVA, in capo al cessionario, può essere disconosciuto solo seguendo le direttrici tracciate negli anni dalla Corte di Giustizia che impongono la previa dimostrazione, in capo all'Ufficio, della fittizietà del cedente unitamente alla mala fede del cessionario.

Leggi dopo