Focus

Gioco legale: l’insensata demonizzazione dell’unico presidio contro l’illegalità

Sommario

Premessa | I numeri in gioco | Demonizzazione di un settore da incentivare | Riforma fiscale per la sopravvivenza del sistema |

 

A venticinque anni da quell’Italia Norvegia del 27 giugno 1998 che ha consacrato, anche in Italia, alla legalizzazione del gioco gestito dalla Stato, si può fare un bilancio di ciò che è stato, ragionare su come poteva essere ed individuare le migliori strategie per il futuro. In questi cinque lustri c’è stata una trasformazione degli usi costumi sociali senza precedenti. L’avvento del world wide web ha messo in contatto persone localizzate alle parti opposte del globo che, in passato, non si sarebbero mai neppure incrociate. Connessioni immediate e scambi di esperienze che, certamente, hanno determinato maggiore apertura al cambiamento.

Leggi dopo