Casi e sentenze

Parametri standardizzati dei redditi: non è necessario il parere preventivo del Consiglio di Stato

 

In tema di accertamento tributario, il d.P.C.M. 29 gennaio 1996 (“Elaborazione dei parametri per la determinazione di ricavi, compensi e volume d'affari sulla base delle caratteristiche e delle condizioni di esercizio sull’attività svolta”, determinati ai sensi dell’art. 3, comma 181, della legge 28 dicembre 1995, n. 549) non viola l’art. 17 della legge 23 agosto 1988, n. 400, per essere stato emanato senza il parere preventivo del Consiglio di Stato, in quanto non è un atto di natura regolamentare.

Leggi dopo