Casi e sentenze

Presupposto impositivo dei concorsi pronostici e scommesse

La norma di cui all’art. 1, comma 66, L. n. 220/2010 chiarisce che l'imposta unica sui concorsi pronostici e sulle scommesse è comunque dovuta ancorché la raccolta del gioco, compresa quella a distanza, avvenga in assenza ovvero in caso di inefficacia della concessione rilasciata dal Ministero dell'Economia e delle Finanze - Amministrazione autonoma dei monopoli dello Stato. La raccolta della scommesse costituisce dunque presupposto oggettivo per l'applicazione dell'imposta, stabilendo una sostanziale equiparazione tra i soggetti che la pongono in essere.

 

Inoltre il presupposto impositivo non è l'accettazione della scommessa bensì il luogo della raccolta e ricomprende anche coloro che, nell'interesse degli operatori stranieri, raccolgono il denaro da ogni scommettitore ma che, pur mettendo in atto le operazioni caratterizzanti, non assumono il rischio della scommessa.

 

 

Leggi dopo