Casi e sentenze

Decadenza dall’agevolazione “prima casa”: le lungaggini della P.A. costituiscono causa di forza maggiore

12 Ottobre 2015 |

CTR Toscana, Firenze

Prima casa

Con riferimento alla decadenza dall’agevolazione prima casa, nell’ipotesi di mancato conseguimento della residenza nell'appartamento ovvero nel Comune dove era posto l'immobile entro i 18 mesi,  le “lungaggini” della P.A. devono essere considerate "causa di forza maggiore", con la conseguenza che l'accertamento dell'Ufficio deve essere annullato dovendo l'Ufficio tenerne conto in sede di contraddittorio.

Se così non fosse, i termini di legge sarebbero sempre insufficienti nel caso di acquisto di appartamento occupato, con la conseguenza che la norma tributaria non potrebbe mai essere applicata a tali fattispecie, contraddicendo così la ratio del Legislatore, che era quella di agevolare il più possibile l'acquisto di abitazioni di prima casa onde sostenere il Commercio degli immobili e il suo indotto.

Nel caso di specie, la procedura giudiziaria di sfratto ha impiegato 41 mesi per far ottenere la liberazione della casa.

Leggi dopo