Casi e sentenze

In assenza di prova contraria, è legittima l’attribuzione ai soci, pro quota, di attribuzione di utili extracontabili

 

In materia di imposte sui redditi, nell’ipotesi di società di capitali a ristretta base sociale è ammissibile la presunzione di attribuzione ai soci di utili extracontabili, la quale non si pone in contrasto con il divieto di presunzione di secondo grado, in quanto il fatto noto non è dato dalla sussistenza di maggiori redditi accertati induttivamente nei confronti della società, bensì dalla ristrettezza dell’assetto societario, che implica un vincolo di solidarietà e di reciproco controllo dei soci nella gestione sociale.

Tale ristrettezza del vincolo societario fa ritenere plausibile in tutti la conoscenza degli affari sociali e la consapevolezza dell’esistenza di utili extrabilancio, alla cui distribuzione è plausibilmente ragionevole ritenere che tutti i soci abbiano partecipato in misura conforme al loro apporto sociale, salva la prova contraria, da parte del socio, della sua estraneità a tale gestione sociale.

Leggi dopo

Le Bussole correlate >