Casi e sentenze

Accertamenti bancari: valida la prova di incassi plurimi in contanti

17 Giugno 2019 |

CTP Caserta, 3 maggio 2019, n. 1866

Avviso di accertamento

 

L’art. 32, comma 1, numeri 2 e 7, D.P.R. n. 600 del 1973, pone a carico del contribuente l’onere di fornire la prova dell’estraneità, delle movimentazioni finanziarie, ad operazioni imponibili.

Ne consegue che qualora lo stesso dimostri che i versamenti sul conto corrente contestati dall’ufficio sono ascrivibili a incassi per contanti relativi a gruppi di fatture di vendita o di scontrini emessi di modico importo, l’avviso di accertamento è illegittimo

 

Leggi dopo