Quesiti Operativi

Quesiti Operativi

IMU sull'immobile oggetto di usucapione

16 Febbraio 2018 | di Paola Aglietta

IMU

Un contribuente ha acquisito un immobile per usucapione con sentenza del tribunale competente nel 2015. Nel 2017 sono stati notificati avvisi di accertamento IMU su annualità pregresse (anni 2011 per omissione e 2012 e seguenti) per omesso versamento IMU sull'immobile oggetto di usucapione, pertanto retroattivamente alla sentenza del tribunale. Ritengo che il diritto reale, presupposto della soggettività passiva IMU, si sia consolidato nel 2015. Si chiede un riscontro interpretativo.

Leggi dopo

Lavori di rafforzamento edile e reverse charge

06 Febbraio 2018 | di Stefano Mazzocchi

Art. 17, comma VI, d.P.R. n. 633/1972

Reverse charge

Una Sas è conduttrice in forza di contratto di leasing di un fabbricato ad uso industriale che, a seguito degli eventi sismici del maggio 2012, richiede lavori di rafforzamento locale con miglioramento sismico dello stesso. I lavori di rafforzamento sono stati ammessi a beneficiare dei contributi pubblici di cui al c. 1 lett. a) dell'art. 3 del D.L. 6 giugno 2012 n. 74 convertito dalla Legge 1 agosto 2012 n. 122 con i criteri e le modalità stabilite dal Commissario Regione Lombardia con l'ordinanza n. 13 del 20 febbraio 2013 e s.m.i. Si chiede se per i lavori appaltati in base all'ordinanza di concessione del contributo si possa richiedere l'applicazione del regime di reverse charge.

Leggi dopo

Obbligatorietà della dichiarazione IVA tra operazioni attive esenti e operazioni passive

23 Gennaio 2018 | di Fabrizio Papotti

Art. 10

IVA

Ho un cliente che svolge l'attività di "infermiere", il quale emette solo fatture esenti IVA (ex art. 10 d.P.R. n. 633/1972). Ha l'obbligo di fare la dichiarazione IVA e le comunicazioni liquidazioni periodiche? Il dubbio sorge dal fatto che le istruzioni alla dichiarazione IVA dicono "che sono esclusi dal presentare la dichiarazione IVA i soggetti che hanno registrato solo operazioni esenti IVA". Se il contribuente ha registrato nelle fatture passive importi anche non esenti, in quanto è improbabile che possa avere solo fatture esenti art. 10, in questo caso è obbligato agli adempimenti di cui sopra?

Leggi dopo

Litisconsorzio processuale necessario per l'ASD cessata

04 Gennaio 2018 | di Francesco Brandi

Litisconsorzio

Un'associazione sportiva dilettantistica non riconosciuta, già cessata, viene raggiunta da un avviso di accertamento chiamando in causa la stessa associazione e più coobbligati (litisconsorzio necessario art. 14 Legge n. 546/1992 e art. 38 c.c.). Il ricorso dell’associazione, in primo grado, è accolto. L’ufficio provvede ad appellarsi chiamando in causa solo l’associazione, non provvedendo alla notifica specifica ai coobbligati.

Leggi dopo

Consorzio non iscritto in camera di commercio: adempimenti per la gestione contabile

27 Dicembre 2017 | di Matteo Pillon Storti

Consorzi e società consortili

Un consorzio con attività interna non iscritto in camera di commercio deve depositare la situazione patrimoniale se non ha svolto alcuna attività esterna? Dal punto di vista fiscale lo stesso consorzio riceve fatture da fornitori e provvede a ri-addebitarle ai propri consorziati pro quota con fatture soggette ad IVA deve provvedere, quindi, agli adempimenti IVA obbligatori? Inoltre la rifatturazione comporta in capo al consorzio la determinazione di redditi imponibili? Se il consorzio apre la partita IVA con ritardo oltre 90gg (avendo ora solo il codice fiscale attivo) quale sanzione va pagata con il ravvedimento?

Leggi dopo

Surrogazione nel credito da parte di un terzo soggetto pagatore privato: l’imposta di registro applicabile all’atto

07 Dicembre 2017 | di Stefano Pasetto

Imposta di registro

Si vuole conoscere il quantum dell’imposta di registro dovuto per la registrazione dell’atto di surrogazione nel credito da parte di un terzo pagatore privato.

Leggi dopo

La mancata definitività dell'accertamento societario e la definizione delle singole quote

28 Novembre 2017 | di Francesco Brandi

Avviso di accertamento

Società con ristretta base azionaria con contenzioso in atto in appello non ancora definito, il socio può discutere l'accertamento con l'Ufficio e trovare un accordo per definire la sua quota?

Leggi dopo

Rapporto tra accertamento con adesione della S.r.l. ed accertamento emesso nei confronti del socio

24 Novembre 2017 | di Elisa Manoni

Accertamento con adesione

Sono socio di una S.r.l. a ristretta base sociale a cui era stato notificato un avviso di accertamento con il quale, in sede di accertamento con adesione, è stata rideterminata la pretesa. Successivamente alla definizione al Sottoscritto, in qualità di socio, è stato notificato avviso di accertamento basato sulla presunzione di distribuzione di utili extracontabili. Avuta considerazione di ciò, mi chiedo se, stante l’intervenuta definizione della pretesa da parte della S.r.l., posso procedere a contestare l’avviso di accertamento elevato nei miei confronti.

Leggi dopo

Il “vecchio” regime fiscale dei cd. “nuovi minimi”: cause di uscita dal regime e redditi rientranti nello stesso

14 Novembre 2017 | di Stefano Pasetto

Regimi contabili e fiscali

Si chiede se, nel caso in cui un contribuente minimo abbia acceso la partita IVA nel 2014 e sottoscriva l’anno successivo un contratto come dipendente presso un’azienda privata con mansione che, come verificato, non crea incompatibilità con l’attività di professionista/autonomo, il soggetto in questione rimanga nel regime agevolato oppure no. In quali casi vi è la fuoriuscita dal regime e quali sono i limiti dei ricavi? Viene considerato il cumulo dei redditi da autonomo e dipendente o vanno considerati solo i ricavi da autonomo come condizione necessaria per rimanere nel regime agevolato?

Leggi dopo

L’incidenza della transazione fiscale sul delitto di omesso versamento di ritenute dovute o certificate

03 Novembre 2017 | di Letizia d'Altilia

Transazione fiscale

La transazione fiscale concordata ai sensi dell’art. 182-ter l.fall., ove omologata prima della scadenza del termine previsto per il versamento delle ritenute, esclude la configurabilità del reato di cui all’art. 10-bis d.lgs. 74/2000?

Leggi dopo

Pagine