News

News

Notifica irrituale della cartella di pagamento: niente nullità se l’atto giunge a conoscenza del destinatario

02 Settembre 2020 | di La Redazione

CTP Salerno

Processo telematico

La CTP Salerno ha ribadito che l’irritualità che colpisce la notifica telematica della cartella di pagamento non ne comporta la nullità quando è stato comunque conseguito il risultato della conoscenza dell’atto in capo al destinatario.

Leggi dopo

Irritualità della notificazione della cartella di pagamento: niente nullità se lo scopo è raggiunto

01 Settembre 2020 | di La Redazione

CTR Toscana

PEC

La CTR Toscana ha chiarito che l'irritualità della notificazione a mezzo PEC della cartella di pagamento non ne comporta la nullità se la consegna in via telematica dell'atto ha prodotto il risultato della sua conoscenza e determinato così il raggiungimento dello scopo legale.

Leggi dopo

Dubbi sulla rappresentanza nel giudizio di legittimità dell’Agenzia delle Entrate-Riscossione

31 Agosto 2020 | di La Redazione

Cass. Civ., sez. VI-T

Contraddittorio

Può considerarsi rituale l’instaurazione del contraddittorio, nel giudizio di legittimità, mediante notifica del ricorso al procuratore o difensore dell’estinta società del gruppo Equitalia nel grado concluso con la sentenza impugnata, anziché alla neoistituita Agenzia delle Entrate – Riscossione?

Leggi dopo

Esecuzione esattoriale: la Cassazione fissa condizioni e limiti per la tutela risarcitori contro l'agente della riscossione

31 Agosto 2020 | di Leda Rita Corrado

Cass. Civ., sez. III

Cartelle esattoriali

Nella sentenza n. 17661/20 la Terza Sezione Civile della Corte di Cassazione ha enunciato il seguente principio di diritto: «poiché l'azione risarcitoria contro l'agente della riscossione, prevista dall'art. 59, d.P.R. 29 settembre 1973, n. 602 (e successive modifiche e integrazioni), è data all'esecutato solo ove non abbia potuto esercitare alcun rimedio proprio del processo esecutivo esattoriale, essa è proponibile nel caso di contestazione della violazione del limite di valore del credito azionato con espropriazione esattoriale immobiliare, mossa in prossimità della vendita in tempo anteriore alla sentenza n. 114/18 della Corte Costituzionale, che ha dichiarato l'illegittimità costituzionale dell'art. 57, comma 1, lett. a), del medesimo d.P.R. nella parte in cui non prevede che, nelle controversie che riguardano gli atti dell'esecuzione forzata tributaria successivi alla notifica della cartella di pagamento o all'avviso di cui all'art. 50, d.P.R. n. 602/1973, sono ammesse le opposizioni regolate dall'art. 615 c.p.c.».

Leggi dopo

Imprese di pubblico esercizio esonerate da TOSAP e COSAP

18 Agosto 2020 | di La Redazione

Art. 181 cc. 1-2

TOSAP

Dal 1° maggio al 31 ottobre 2020 alcune imprese di pubblico esercizio titolari di concessioni o autorizzazioni riguardanti l'utilizzo del suolo pubblico sono esonerate dal pagamento di TOSAP e COSAP (art. 181 cc. 1-2 D.L. n. 34/2020 conv. in L. 77/2020).

Leggi dopo

IMU, cumulabili le agevolazioni per fabbricati di interesse storico e per fabbricati inagibili

14 Agosto 2020 | di La Redazione

Cass. Civ., 8 luglio 2020 n. 14279

IMU

I giudici della Corte di Cassazione, con sentenza dello scorso 8 luglio 2020, n. 14279, si sono pronunciati in tema di determinazione IMU, lstabilendo che è ridotta del 50% la base imponibile per i fabbricati di interesse storico o artistico e di un ulteriore 50% (con conseguente riduzione dell’aliquota al 25%) per i fabbricati dichiarati inagibili o inabitabili e di fatto non utilizzati, essendo le due agevolazioni fiscali cumulabili, data la differente finalità che perseguono.

Leggi dopo

L’avvocato può dimostrare l’avvenuta notifica telematica del ricorso tramite copia cartacea della mail?

12 Agosto 2020 | di La Redazione

Cass. Civ., sez. trib.

Processo telematico

La prova della notifica del ricorso in cassazione tramite PEC può essere ottenuta tramite la produzione delle copie cartacee delle ricevute di accettazione e di consegna del messaggio di posta elettronica. Infatti, la L. n. 54/1994, art. 9, comma 1-bis, prevede che, in tutti i casi in cui l’avvocato debba fornire prova della notificazione telematica e non sia possibile fornirla con modalità telematiche (file di posta elettronica, in formato ".eml o.msg"), possa farlo producendo la copia cartacea del messaggio di posta elettronica. Così la Corte di Cassazione con l’ordinanza n. 16830/20, depositata il 7 agosto.

Leggi dopo

Sostegno e rilancio dell’economia: il Governo approva il "decreto Agosto"

11 Agosto 2020 | di La Redazione

Imposte dirette

Il Consiglio dei Ministri ha approvato il c.d. decreto Agosto con cui sono stati stanziati ulteriori 25miliardi di euro da utilizzare per proseguire e rafforzare la ripresa dalle conseguenze negative dell’epidemia da COVID-19 e sostenere lavoratori, famiglia e imprese.

Leggi dopo

La sanzione va determinata in relazione al solo importo non versato entro il termine prolungato

10 Agosto 2020 | di La Redazione

Cass. Civ., sez. trib.,

Sanzioni

La maggiorazione di cui all’art. 17, comma 2, d.P.R. n. 435/2001 presenta la natura di interessi corrispettivi dell’imposta dovuta a favore dell’Erario a fronte del maggior periodo di 30 giorni concesso al contribuente per il pagamento, pertanto il mancato versamento «della sola maggiorazione nel più lungo termine costituisce un pagamento parziale ma non determina la decadenza dal termine prorogato». Lo afferma la Corte di Cassazione nell’ordinanza n. 16645/20, depositata il 4 agosto.

Leggi dopo

Accertamento con adesione: applicabilità ratione temporis dell’obbligo di prestare garanzie fideiussoria

06 Agosto 2020 | di La Redazione

Cass. Civ., sez. trib.

Accertamento con adesione

L’art. 23, commi 17 e 18, d.l. n. 98/2011 (conv. in l. n. 111/2011) nell'apportare le modifiche alla disciplina di cui agli artt. 8 e 9, d.lgs. n. 218/1997 ha eliminato l’obbligo di prestare la garanzia fideiussoria, nel caso di somme dovute, per effetto dell’accertamento con adesione, con versamento rateale e per importi superiori a 50.000 euro, solo dalla sua data di entrata in vigore. È il principio affermato dalla Suprema Corte con l’ordinanza n. 16646/20, depositata il 3 agosto.

Leggi dopo

Pagine