News

News

L'avviso di deposito affisso alla porta del condominio rende nullo l'atto impositivo

28 Agosto 2018 | di La Redazione

Cass. civ., 21 agosto 2018 n. 21071

Comunicazioni e notificazioni

I Giudici della Corte di Cassazione, con l’ordinanza n. 21071/2018, hanno respinto il ricorso dell’Agenzia delle Entrate: l’avviso affisso alla porta del condominio al posto di quella di casa è da considerarsi nullo.

Leggi dopo

L’amministratore appena eletto può rispondere del reato di bancarotta

28 Agosto 2018 | di La Redazione

Cass. pen., 27 agosto 2018, n. 39009

Bancarotta fraudolenta

Anche l’amministratore appena eletto può rispondere del reato di bancarotta, in merito alla mancata tenuta della contabilità (e del fallimento) precedente alla sua nomina. Lo sancisce la Corte di Cassazione con la sentenza depositata il 27 agosto 2018, n. 39009.

Leggi dopo

In scadenza il termine del “ravvedimento breve”

28 Agosto 2018 | di La Redazione

Ravvedimento operoso

In scadenza il termine del cd. “ravvedimento breve” dei tributi che dovevano essere pagati entro lo scorso 31 luglio.Gli interessati, ovvero i contribuenti tenuti al versamento dei tributi derivanti dalle dichiarazioni dei redditi annuali, potranno nelle prossime ore provvedere alla regolarizzazione dei versamenti di imposte non effettuati o effettuati in misura insufficiente.

Leggi dopo

La società che opera fuori dall’area agevolata perde i benefici per aree svantaggiate

27 Agosto 2018 | di La Redazione

Cass. civ., sez. trib.

Crediti d'imposta per società di persone

La revoca dei benefici fiscali ex L. 388/2000 è possibile per la società che mantiene una mera sede legale nei territori interessati dal beneficio ma ha ogni attività produttiva altrove. Questa la decisione della Corte di Cassazione con l'ordinanza n. 21085/2018.

Leggi dopo

Sussiste il ne bis in idem solo per i reati con nesso di condotta e casualità

27 Agosto 2018 | di La Redazione

Cass. pen., sez. III

Emissione di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 35660/2018, respinge il ricorso di un imprenditore: non potev invocare il ne bis in idem per i due procedimenti a suo carico, perché non c’era corrispondenza tra i due processi.

Leggi dopo

È rettificabile il bilancio sociale che fa emergere l'evasione

27 Agosto 2018 | di La Redazione

Cass. civ.,

Evasione fiscale

Per far emergere l’evasione, il Fisco può rettificare il bilancio della società senza accertarne necessariamente la falsità in sede civile o penale. Lo ha chiarito la Corte di Cassazione con l’ordinanza del 24 agosto 2018 n. 21106.

Leggi dopo

Scadenza imminente dell’azione accertativa: termine dilatorio da rispettare

23 Agosto 2018 | di La Redazione

Cass. civ., 25 luglio 2018 n. 19789

Termini di accertamento

Con l’ordinanza n. 19789/2018, la Corte di Cassazione ha chiarito che il termine dilatorio deve essere rispettato anche se è imminente la scadenza dell’azione accertativa.

Leggi dopo

L'antieconomicità dell’attività del contribuente fa scattare l'accertamento da studi di settore

23 Agosto 2018 | di La Redazione

Accertamento da studi di settore

Le proprietà di autovetture ed immobili, confrontata con i dati del Fisco che dimostrano l’antieconomicità dell’attività del contribuente, fanno scattare l’accertamento sulla base degli studi di settore. È la Corte di Cassazione a stabilirlo con l’ordinanza del 24 luglio 2018 n. 19559.

Leggi dopo

Agevolazione prima casa anche al proprietario di un piccolo appartamento

22 Agosto 2018 | di La Redazione

Cass. civ.

Prima casa

Il beneficio fiscale prima casa spetta anche a chi acquista un immobile da adibire ad abitazione del nucleo familiare, benché proprietario di un piccolo appartamento per il quale non è stata richiesta alcuna agevolazione e nel quale, in virtù delle dimensioni troppo piccole, era impossibile adibire la propria residenza.

Leggi dopo

Niente IVA per i servizi di intermediazione con soggetto di uno Stato Ue

22 Agosto 2018 | di La Redazione

Cass. civ., sez. trib.

Operazioni con l’estero

Niente IVA per i servizi di intermediazione resi da un soggetto italiano ad un altro soggetto di uno Stato membro Ue; inoltre, sono esentati dall’imposta anche i servizi accessori. Lo ha confermato la Corte di Cassazione con l’ordinanza del 31 luglio 2018 n. 20234, con la quale i giudici di legittimità hanno respinto il ricorso dell’Agenzia delle Entrate.

Leggi dopo

Pagine