News

News

Il canone di depurazione dell’acqua non è rimborsabile se la domanda arriva dopo due anni

25 Maggio 2015 | di La Redazione

Cass. civ., sez, trib., 20 maggio 2015, n. 10346

Termini di accertamento

Un condominio aveva presentato ricorso in Cassazione, ma ha avuto torto. Dalla sentenza n. 10346/2015 si apprende che la domanda era presentata in ritardo; inoltre, il canone è dovuto anche se l’utente non ha beneficiato del servizio.

Leggi dopo

La Commissione UE boccia il reverse nella grande distribuzione

25 Maggio 2015 | di La Redazione

Commissione Europea, Comunicazione 22 maggio 2015.pdf

Reverse charge

No a un utilizzo sistematico del reverse charge per ovviare alle carenze di controllo delle autorità fiscali. La novità contenuta nella Legge di Stabilità incassa il primo colpo: la Commissione Europea si oppone all’applicazione dell’inversione contabile alle forniture ai grandi dettaglianti.

Leggi dopo

Waiver, pubblicate le versioni definitive di fac-simile e istruzioni

22 Maggio 2015 | di La Redazione

Voluntary disclosure

Rivisitato con le osservazioni presentate dagli osservatori, il fac-simile del Waiver è ora disponibile sul sito dell’Agenzia. Grazie all’autorizzazione si potrà ottenere uno sconto di sanzione e impedire il raddoppio dei termini.

Leggi dopo

Studi di settore 2014, in G.U. i correttivi anticrisi

22 Maggio 2015 | di La Redazione

D.M. 15 maggio 2015, n. 84154

Studi di settore

Pubblicato ieri il Decreto 15 maggio che approva la revisione congiunturale speciale degli studi di settore per il periodo d'imposta 2014. La manovra applica correttivi di settore, territoriali e individuali agli ultimi studi.

Leggi dopo

Esce di scena la copia cartacea della dichiarazione d’intento

22 Maggio 2015 | di La Redazione

Dichiarazione d'intento

A partire dal 25 maggio non dovrà essere più presentata la copia in Dogana e prenderanno avvio i nuovi controlli che rilevano le incongruenze tra i dati della dichiarazione doganale e quelli della dichiarazione d’intento. Lo specifica una nota delle Dogane diffusa ieri.

Leggi dopo

Raddoppio dei termini, necessario circoscrivere meglio

21 Maggio 2015

Termini di accertamento

È questa la proposta avanzata dal CNDCEC in audizione presso la Commissione Finanze e Tesoro del Senato. Tra le osservazioni mosse allo schema di decreto sui rapporti tra Fisco e contribuente, anche una migliore definizione dell’ambito di applicazione del raddoppio dei termini per l’accertamento.

Leggi dopo

Il diniego del rimborso non deve necessariamente avvenire entro 4 anni

21 Maggio 2015 | di La Redazione

Cass. civ., sez. VI, 18 maggio 2015, n. 10164

IVA

Il termine prescrizionale di 4 anni previsto dall’art. 57 del D.P.R. n. 633/1972 si applica solo come limite per l’esercizio dei diritti, non dei dinieghi del rimborso. Lo ho ribadito la Cassazione con ordinanza n. 10164/2015.

Leggi dopo

Il punto di vista di Assonime sulla voluntary disclosure

20 Maggio 2015 | di La Redazione

Voluntary disclosure

Nella giornata di ieri Assonime ha diffuso la Circolare n. 16/2015 con la quale approfondisce gli aspetti rilevanti della particolare procedura di collaborazione volontaria per il rientro dei capitali detenuti all’estero. Sono diverse le soluzioni pratiche offerte in ordine alle questioni che la suddetta disciplina ha sollevato tra gli operatori.

Leggi dopo

Nuovo ravvedimento, ancora troppi limiti

20 Maggio 2015 | di La Redazione

Ravvedimento operoso

Nella Circolare n. 15 Assonime evidenzia le criticità che continuano a permanere nonostante il restyling operato dalla Legge di Stabilità. Oltre i noti problemi sul piano delle conseguenze penali, il ravvedimento continua ad essere limitato in termini di cumulo giuridico, di impossibilità a rateizzare e a sanare l’omessa presentazione della dichiarazione.

Leggi dopo

Non tiene conto della difficile situazione economica: l’accertamento non è valido

20 Maggio 2015 | di La Redazione

Cass. civ., sez. trib.,15 maggio 2015, n. 9973

Accertamento induttivo

L’accertamento induttivo, nel caso di pesanti vessazioni dovute alla contingenza economica attuale, non è valido. Lo ha stabilito la Cassazione, con sentenza n. 9973/2015.

Leggi dopo

Pagine