News

News

Diffida accertativa emessa nei confronti di società fallita: non ci può essere la validazione

24 Marzo 2015 | di La Redazione

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, Nota 19 marzo 2014, n. 4684.pdf

Avviso di accertamento

Il presupposto fondamentale per l’emissione del provvedimento di diffida accertativa è che il credito vantato dal lavoratore sia certo, liquido ed esigibile. Il Ministero del Lavoro chiarisce che qualora ci si trovi di fronte ad una società fallita, non vi può essere la validazione della diffida in quanto manca il requisito del titolo esecutivo.

Leggi dopo

Falso in bilancio e inasprimento delle pene, il vero problema è la prescrizione

23 Marzo 2015 | di La Redazione

Prescrizione

Nella Nota n. 6/2015 Assonime formula una serie di osservazioni critiche sul disegno di legge su corruzione, riciclaggio e falso in bilancio, attualmente all'esame della Commissione Giustizia del Senato. L'associazione si concentra sulle proposte di riforma riguardanti il reato di false comunicazioni sociali, criticando, in particolare, il previsto inasprimento delle pene e l'eliminazione delle soglie di non punibilità.

Leggi dopo

Evasione, sequestrate anche le case intestate a figlio e nuora

23 Marzo 2015 | di La Redazione

Cass. civ., sez, VI-T, 19 marzo 2015, n. 11497

Indagini finanziarie

Tra i beni nella disponibilità dell’indagato, gli unici che possono essere sequestrati preventivamente, rientrano anche quelli intestati ad altri ma acquistati con i suoi soldi. Come gli immobili comprati al figlio e alla sua convivente. Questo ciò che emerge dalla sentenza di Cassazione n. 11497/2015.

Leggi dopo

Sospeso il pagamento del credito IVA per chi non paga le rate

23 Marzo 2015 | di La Redazione

Cass. civ, sez. trib., 18 marzo 2015, n. 5349

Condono e sanatorie

Nel caso in cui si vanti contestualmente un debito e un credito verso le amministrazioni dello Stato, quella creditrice può chiedere la sospensione del pagamento del debito, che deve essere subito eseguita in attesa del provvedimento definitivo. Questo il principio che si ricava dalla sentenza di Cassazione n. 5349/2015.

Leggi dopo

Disclosure, che fare in caso di morte di chi ha commesso la violazione?

18 Marzo 2015 | di La Redazione

Voluntary disclosure

Nella recente Circolare n. 10/E, le Entrate chiariscono anche gli effetti che si producono sulla procedura di collaborazione volontaria, disciplinata dalla Legge n. 186/2014, in caso di morte dell’autore della violazione, distinguendo l’ipotesi in cui l’evento si verifichi prima della presentazione dell’istanza da quella in cui il decesso intervenga dopo l’adesione alla procedura.

Leggi dopo

Inesistenti le notifiche a mezzo PEC se non sono provate spedizione e ricezione

18 Marzo 2015 | di La Redazione

CTP Avellino, sez. II, 20 giugno 2014, n. 556

Comunicazioni e notificazioni

Con sentenza n. 556 del 2014, la Commissione Tributaria Provinciale di Avellino, pronunciandosi sull’impugnazione di un diniego di rimborso IVA, ricostruisce in sede di eccezione il regime probatorio delle notifiche a mezzo PEC nell’ambito del processo tributario.

Leggi dopo

Raddoppio dei termini se c’è obbligo di denuncia per un reato tributario

17 Marzo 2015 | di La Redazione

Termini di accertamento

Nella Circolare n. 10/E del 13 marzo 2015 l’Agenzia delle Entrate ha chiarito, tra l’altro, che, nell’ambito della procedura di collaborazione volontaria disciplinata dalla Legge n. 186/2014, il raddoppio dei termini di decadenza della potestà di accertamento permane per le infedeltà od omissioni dichiarative che comportano l’obbligo di denuncia per uno dei reati tributari previsti dal D.Lgs. n. 74/2000, a prescindere dal fatto che il perfezionarsi della procedura comporti la non punibilità dello stesso.

Leggi dopo

Visto infedele, il documento contraffatto dal contribuente esclude la responsabilità del professionista

12 Marzo 2015 | di La Redazione

Agenzia delle Entrate, Audizione 11 marzo 2015.pdf

Anagrafe tributaria

Nel corso dell'audizione di ieri dinanzi alla Commissione bicamerale di vigilanza sull'Anagrafe tributaria, il Direttore dell'Agenzia delle Entrate, Rossella Orlandi, ha fatto il punto sulla dichiarazione precompilata, spiegando, tra l'altro, che la responsabilità del professionista per l'apposizione del visto infedele va esclusa nel caso in cui il contribuente abbia presentato un documento contraffatto per poter beneficiare di una detrazione d’imposta.

Leggi dopo

La nuova contabilità degli Enti locali

11 Marzo 2015 | di La Redazione

Corte dei Conti, Deliberazione 17 febbraio 2015.pdf

Regimi contabili e fiscali

È di ieri la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale dei tratti specifici per il passaggio alla nuova contabilità pubblica di Regioni ed Enti locali, unitamente al questionario per le relazioni dei Collegi dei revisori dei conti presso le Regioni relative ai rendiconti regionali per l’esercizio 2014.

Leggi dopo

Cartiere e frodi fiscali, non si può escludere l’autonoma finalità di pregiudicare le ragioni dei creditori

11 Marzo 2015 | di La Redazione

Cass. pen., Sez. V, 5 marzo 2015, n. 9746

Abuso del diritto o elusione

L’uso di società cartiere da parte dell’imputata e le frodi fiscali poste in essere rendono «irragionevole» escludere che essa abbia avuto anche l’ autonoma finalità di pregiudicare le ragioni dei creditori. Lo ha affermato la Cassazione Penale, nella sentenza n. 9746 del 5 marzo scorso.

Leggi dopo

Pagine