News

News

Comportamenti antieconomici, scatta il sistema del ricarico medio ponderato

27 Aprile 2015 | di La Redazione

Cass. civ., sez., 2015, n. 7863

Dichiarazione fraudolenta

Il sistema del ricarico medio ponderato se fondato sui dati rilevati in sede di verifica (e non su elaborazioni statistiche) legittima la rettifica della dichiarazione. Lo afferma la Cassazione nella sentenza n. 7863/2015.

Leggi dopo

Verifiche oltre il termine, nessuna conseguenza per gli atti impositivi

27 Aprile 2015 | di La Redazione

Cass. civ., sez. trib., 17 aprile 2015, n. 7870

Termini di accertamento

Il superamento dei termini di durata delle verifiche fiscali previsto dallo Statuto del contribuente non ha effetti sulla validità dei conseguenti atti emessi dall’Amministrazione. È quanto si ricava dalla sentenza di Cassazione n. 7870/2015.

Leggi dopo

Split payment: del pagamento dell’IVA è responsabile la P.A.

24 Aprile 2015 | di La Redazione

IVA

Il meccanismo della scissione dei pagamenti nelle operazioni effettuate con la Pubblica Amministrazione, trasferisce l’onere di versamento dell’IVA, in capo alla P.A.; conseguentemente le sanzioni per gli omessi o carenti versamenti si trasferiscono sull’ente debitore.

Leggi dopo

Il rimborso parziale è un vero e proprio atto di rigetto

24 Aprile 2015 | di La Redazione

Cass. civ., sez. trib., 22 aprile 2015, n. 8195

Certificazione e compensazione dei crediti verso la p.a.

Con la sentenza n. 8195/2015 la Corte di Cassazione torna a ribadire la natura di atto di rigetto del rimborso parziale per la parte non rimborsata: chi vuole opporsi deve provvedere alla tempestiva impugnazione e non presentare un’ulteriore istanza del medesimo credito.

Leggi dopo

Cessioni a Paesi extraeuropei, stretta sul divieto all’imponibilità

24 Aprile 2015 | di La Redazione

Cass. civ., sez. trib., 22 aprile 2015, n. 8196

IVA comunitaria

No all’assoggettamento ad IVA delle cessioni verso paesi extra-UE anche se il cedente è una società fittiziamente residente all’estero, di cui è accertata l’effettiva sede in Italia. Si tratta comunque di esportazioni, devono essere rispettati i principi in tema di IVA. È quanto si ricava dalla sentenza di Cassazione n. 8196/2015.

Leggi dopo

Dati MOSS, pubblicati gli schemi per la trasmissione

24 Aprile 2015 | di La Redazione

Agenzia delle Entrate, Provvedimento 23 aprile 2015 n. 56191.pdf

IVA comunitaria

Con il Provvedimento n. 56191 diffuso ieri, l’Agenzia delle Entrate ha approvato gli schemi di dati da trasmettere telematicamente ai fini dell’applicazione del regime speciale IVA denominato “Mini One Stop Shop”, che eviterà ai fornitori di identificarsi in ogni Stato membro in cui vengono effettuate le operazioni.

Leggi dopo

Sui limiti ai contanti nessuna disparità di trattamento

24 Aprile 2015 | di La Redazione

MEF, Question time n. 505398.pdf

Abuso del diritto o elusione

Nel question time dello scorso 23 aprile il sottosegretario Enrico Zanetti ha fatto il punto sulle misure di contrasto all’evasione fiscale che limitano l'uso del contante, evidenziando che queste non determinerebbero alcuna disparità di trattamento tra operatori di diversa nazionalità, permettendo, al contrario, una maggiore tracciabilità dei movimenti finanziari.

Leggi dopo

...ma l'Agenzia non ci sta

23 Aprile 2015 | di La Redazione

Avviso di accertamento

Dopo il recente Comunicato con cui l’Amministrazione si affrettava a scaricare le responsabilità circa la pubblicazione di 730 precompilati errati, l’Agenzia interviene nuovamente a smentire notizie incomplete riportate sui quotidiani di settore. Lo fa ritornando sul tema dell’invalidità degli atti sottoscritti dai funzionari nominati senza un regolare concorso, a seguito della recente sentenza della Corte Costituzione n. 37 del 17 marzo scorso.

Leggi dopo

Custode condannato per violazione di sigilli, anche se integri

23 Aprile 2015 | di La Redazione

Cass. civ., sez. VI, 4 agosto 2015, n. 16334

Verifiche fiscali

Si considerano violati i sigilli apposti dalla Guardia di Finanza anche se ritrovati integri, in assenza di materiale effrazione. Il vincolo di immodificabilità della cosa può essere frustato da “qualsiasi attività”. Lo afferma la Corte di Cassazione nella sentenza n. 16334/2015.

Leggi dopo

Il condono non ripara i crediti dagli accertamenti

23 Aprile 2015 | di La Redazione

Cass. civ., sez. VI, 21 aprile, n. 8120

Condono e sanatorie

Gli effetti del condono riguardano esclusivamente il debito fiscale e non anche gli eventuali crediti del contribuente, sui quali l’Amministrazione Finanziaria è legittimata a svolgere accertamenti. È quanto chiarisce la Cassazione nell’ordinanza n. 8120/2015.

Leggi dopo

Pagine