News

News

L’avvocato può dimostrare l’avvenuta notifica telematica del ricorso tramite copia cartacea della mail?

12 Agosto 2020 | di La Redazione

Cass. Civ., sez. trib.

Processo telematico

La prova della notifica del ricorso in cassazione tramite PEC può essere ottenuta tramite la produzione delle copie cartacee delle ricevute di accettazione e di consegna del messaggio di posta elettronica. Infatti, la L. n. 54/1994, art. 9, comma 1-bis, prevede che, in tutti i casi in cui l’avvocato debba fornire prova della notificazione telematica e non sia possibile fornirla con modalità telematiche (file di posta elettronica, in formato ".eml o.msg"), possa farlo producendo la copia cartacea del messaggio di posta elettronica. Così la Corte di Cassazione con l’ordinanza n. 16830/20, depositata il 7 agosto.

Leggi dopo

Sostegno e rilancio dell’economia: il Governo approva il "decreto Agosto"

11 Agosto 2020 | di La Redazione

Imposte dirette

Il Consiglio dei Ministri ha approvato il c.d. decreto Agosto con cui sono stati stanziati ulteriori 25miliardi di euro da utilizzare per proseguire e rafforzare la ripresa dalle conseguenze negative dell’epidemia da COVID-19 e sostenere lavoratori, famiglia e imprese.

Leggi dopo

La sanzione va determinata in relazione al solo importo non versato entro il termine prolungato

10 Agosto 2020 | di La Redazione

Cass. Civ., sez. trib.,

Sanzioni

La maggiorazione di cui all’art. 17, comma 2, d.P.R. n. 435/2001 presenta la natura di interessi corrispettivi dell’imposta dovuta a favore dell’Erario a fronte del maggior periodo di 30 giorni concesso al contribuente per il pagamento, pertanto il mancato versamento «della sola maggiorazione nel più lungo termine costituisce un pagamento parziale ma non determina la decadenza dal termine prorogato». Lo afferma la Corte di Cassazione nell’ordinanza n. 16645/20, depositata il 4 agosto.

Leggi dopo

Accertamento con adesione: applicabilità ratione temporis dell’obbligo di prestare garanzie fideiussoria

06 Agosto 2020 | di La Redazione

Cass. Civ., sez. trib.

Accertamento con adesione

L’art. 23, commi 17 e 18, d.l. n. 98/2011 (conv. in l. n. 111/2011) nell'apportare le modifiche alla disciplina di cui agli artt. 8 e 9, d.lgs. n. 218/1997 ha eliminato l’obbligo di prestare la garanzia fideiussoria, nel caso di somme dovute, per effetto dell’accertamento con adesione, con versamento rateale e per importi superiori a 50.000 euro, solo dalla sua data di entrata in vigore. È il principio affermato dalla Suprema Corte con l’ordinanza n. 16646/20, depositata il 3 agosto.

Leggi dopo

Agenzie fiscali: la Corte Costituzionale conferma la legittimità delle POER

06 Agosto 2020 | di La Redazione

Corte Costituzionale

Statuto del contribuente

Conferma la legittimità delle Posizioni Organizzative di Elevata Responsabilità, la Consulta ha chiarito che esse non sono assimilabili a posizioni dirigenziali, né rientrano nell’area intermedia tra la dirigenza e la terza area. Secondo la Corte si tratta di incarichi per loro natura temporanei, che non comportano l’attribuzione di un nuovo status.

Leggi dopo

Istanza di adesione valida se spedita entro i termini anche in busta chiusa

30 Luglio 2020 | di Isabella Buscema

Cass. Civ., sez. trib.

Accertamento con adesione

L'istanza di accertamento con adesione è validamente presentata se spedita (e non anche ricevuta) entro i termini, e anche se in busta chiusa. Essa infatti è validamente spedita, in busta chiusa, con raccomandata, pur se priva di qualsiasi indicazione relativa all’atto in esso racchiuso, poiché trattasi di mera irregolarità se il contenuto della busta e la riferibilità alla parte non siano contestati; in tal caso, rileva la data di spedizione, e non quella di ricevimento da parte dell’Amministrazione finanziaria, ai fini della verifica del rispetto del termine di 60 giorni dalla notifica dell’atto impositivo per la presentazione della stessa.

Leggi dopo

L’errore bloccante del sistema non esonera da responsabilità il commercialista che presenti in ritardo la dichiarazione

30 Luglio 2020 | di Francesco Brandi

Cass. Civ., sez. trib.

Sanzioni

Il commercialista che presenta in ritardo la dichiarazione rischia la sanzione nonostante l’errore bloccante di Entratel. Spetta al professionista l’onere di dimostrare di aver trasmesso la dichiarazione entro un mese dall’impegno assunto con il contribuente. È quanto affermato dalla Corte di Cassazione che, con l’ordinanza n. 15751/20 del 23 luglio, ha accolto il ricorso dell’Agenzia delle Entrate.

Leggi dopo

Saranno le Sezioni Unite a decidere sulla definitività del credito IVA

27 Luglio 2020 | di La Redazione

Cass. 21 luglio 2020 n. 15525

IVA

È rimessa alle Sezioni Unite la decisione sulla definitività del credito IVA indicato in dichiarazione una volta decorso il termine di decadenza dell’accertamento da parte dell’AE.

Leggi dopo

Attuazione della direttiva PIF: il testo è in Gazzetta

22 Luglio 2020 | di La Redazione

Decreto legislativo n. 75/2020

Omessa dichiarazione

Dopo l’approvazione in Consiglio dei Ministri lo scorso 6 luglio è approdato sulla Gazzetta Ufficiale il decreto legislativo n. 75/2020 di attuazione della c.d. direttiva PIF.

Leggi dopo

La Cassazione si pronuncia sulle fatture emesse relativamente ad operazioni inesistenti

21 Luglio 2020 | di La Redazione

Cass. pen, sez. III

Emissione di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti

Per fatture inesistenti si intendono quelle che riferiscono l’operazione a soggetti diversi da quelli effettivi, ossia quei soggetti che non hanno preso parte all’operazione e sono invece indicati nel documento. Così con la sentenza n. 20901/20, depositata il 15 luglio.

Leggi dopo

Pagine