Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata

Notifica di cartella tramite PEC in formato pdf e priva di firma digitale: l'impugnazione ne sana la nullità

30 Marzo 2018 | di Ignazio Gennaro

CTP Palermo

Processo telematico

La mancata sottoscrizione digitale della cartella elaborata non in estensione “p7m” bensì in file formato “pdf” non la priva delle caratteristiche della immodificabilità e sicurezza della comunicazione. Ciò in quanto le disposizioni del d.P.R. 11 febbraio 205 n. 68 e le specifiche tecniche del D.M. 2 novembre 2005 che disciplinano il servizio di posta elettronica certificata, prevedono che il messaggio venga “imbustato” all'interno di un ulteriore messaggio (c.d. “busta di trasporto”) che il gestore provvede a firmare digitalmente e che ne certifica l'invio e la consegna del messaggio e ne garantisce la immodificabilità.

Leggi dopo

IRPEF sulle borse di studio finanziate dall’UE: la questione rimessa alla Corte di Giustizia

28 Marzo 2018 | di Giorgio Beretta

CTP Cagliari

IRPEF

Se gli artt. 2, comma 4, e 80 del Regolamento (CE) n. 1083/2006, sancendo il principio dell’integrità dei pagamenti ai beneficiari, debbano essere interpretati nel senso che ostano ad una norma come quella di cui all’art. 50, comma 1, lett. c) del TUIR, la quale, assimilando ai redditi di lavoro dipendente “le somme da chiunque corrisposte a titolo di borsa di studio o di assegno, premio o sussidio per fini di studio o di addestramento professionale”, assoggetta ad Irpef tali contributi, anche se finanziati con fondi europei.

Leggi dopo

Imposta unica sulle scommesse: le ricevitorie non scontano il prelievo ma solo per le annualità precedenti al 2011

23 Marzo 2018 | di Gabriella Antonaci

Corte Cost., 14 febbraio 2018, n. 27

Redditi diversi

La CTP di Rieti, con quattro ordinanze di identico tenore del 17 dicembre 2015, aveva sollevato, in riferimento agli artt. 3 e 53 della Costituzione, questioni di legittimità costituzionale degli artt. 3 del D.Lgs. n. 504/98, e 1, comma 66, lettera b), della Legge di Stabilità 2011, nella parte in cui prevedono che soggetti passivi dell'imposta unica sui concorsi pronostici e sulle scommesse siano anche le ricevitorie operanti come centri di trasmissione dati (Ctd) per conto di bookmakers privi di concessione, ma che possano lecitamente raccogliere scommesse sul territorio nazionale.

Leggi dopo

Trasferimento di immobili in piani urbanistici particolareggiati: l'agevolazione non decade con il venir meno dell'edificabilità

21 Marzo 2018 | di Francesco Brandi

Cass. civ.

Imposta di registro

In tema di agevolazioni tributarie, il beneficio di assoggettamento all'imposta di registro nella misura dell'1% ed alle imposte ipotecarie e catastali in misura fissa per i trasferimenti di immobili situati in aree soggette a piani urbanistici particolareggiati, comunque denominati, si applica a condizione che l'utilizzazione edificatoria avvenga entro 5 anni dall'acquisto.

Leggi dopo

Cambio di domicilio/residenza del difensore domiciliatario: sufficiente la variazione all’Ordine professionale

16 Marzo 2018 | di Antonella Lucarelli

CTR Lombardia, Milano

Assistenza tecnica

Nessun obbligo di notifica alla segreteria della commissione e alle parti costituite qualora il difensore domiciliatario abbia modificato il domicilio o la residenza. La parte in causa si domicilia presso il difensore e non al suo indirizzo.

Leggi dopo

Il sequestro di un bene in leasing deve essere contestato dal concedente

15 Marzo 2018 | di Matteo Pillon Storti

Cass. pen., sez. III

Misure cautelari

Il sequestro preventivo disposto dal tribunale competente può, di fatto, avere ad oggetto i beni utilizzati dall'amministratore di società - indagato per reati fiscali - in forza di contratti di leasing. I beni detenuti in leasing, infatti, in linea generale, non possono essere sottoposti a sequestro preventivo finalizzato alla confisca. Tuttavia, se ciò avviene, il soggetto legittimato a sostenere l'insequestrabilità del bene in questione è il concedente e non, invece, l'utilizzatore.

Leggi dopo

Inesistenza dell’avviso di accertamento notificato in forma cartacea e firmato digitalmente

13 Marzo 2018 | di Giovambattista Palumbo

CTP Treviso, sez. I,

Processo telematico

In caso di notifica di un avviso di accertamento cartaceo firmato digitalmente, la sottoscrizione deve essere considerata inesistente, con la conseguenza che non può ritenersi che alcuna volontà dell'ente si sia formata.

Leggi dopo

IMU, nel contratto di leasing paga il concedente

12 Marzo 2018 | di Enzo Di Giacomo

IMU

In caso di risoluzione del contratto di leasing, il concedente è tenuto al versamento dell'imposta comunale sugli immobili (IMU), in quanto torna ad essere soggetto passivo del tributo, indipendentemente dalla riconsegna dell'immobile da parte dell'utilizzatore.

Leggi dopo

Il conferimento di beni immobili in un trust non comporta il loro trasferimento: niente imposte ipo-catastali

07 Marzo 2018 | di Fabio Gallio

CTP Treviso, sez. IV

Trust

La Commissione Tributaria Provinciale di Treviso ha chiarito che il conferimento di beni immobili in un trust non comporta il loro trasferimento e, pertanto, non deve essere assoggettato alle imposte ipotecarie e catastali. Di seguito la disamina dell'Autore.

Leggi dopo

Non basta il modello 770 per rispondere di omesso versamento delle ritenute certificate

06 Marzo 2018 | di Gabriele Minniti

Cass. pen.

Sanzioni

La valenza indiziaria della sola presentazione del modello 770, ai fini della prova del rilascio delle certificazioni, non solo non è sorretta da alcuna massima di esperienza e dall'id quod plerumque accidit, ma è anche implicitamente, e indiscutibilmente, esclusa dal legislatore, che altrimenti avrebbe molto più semplicemente punito con la sanzione penale l'omesso versamento di ritenute risultanti dal modello 770.

Leggi dopo

Pagine