Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata

Notifica, inesistente per posta privata

26 Marzo 2019 | di Enzo Di Giacomo

CTP Rieti

Comunicazioni e notificazioni

La notifica a mezzo posta del ricorso introduttivo del giudizio tributario è inesistente se eseguita mediante un servizio di posta privata.Tale notificazione non è suscettibile di sanatoria, atteso anche che la liberalizzazione dei servizi postali ha di fatto lasciato la competenza delle notificazioni a mezzo posta alla società Poste Italiane Spa (legge n. 124/2017), quale fornitore del servizio postale universale.

Leggi dopo

È legittimo l'accertamento che non si esprime sulle osservazioni del contribuente

21 Marzo 2019 | di Angelo Ginex

Cass. civ., sez. trib.

Avviso di accertamento

In tema di verifiche fiscali, nessuna nullità è comminata all'avviso di accertamento silente in merito alle osservazioni e alle richieste di cui all'art. 12, co. 7, L. 212/2000, presentate dal contribuente all'Amministrazione finanziaria a seguito della conclusione dell'attività accertatrice svolta dai rappresentanti della Guardia di Finanza.

Leggi dopo

L'efficacia espansiva del giudicato opera per la deduzione di costi relativi alla prestazione di servizi in diverse annualità?

20 Marzo 2019 | di Rosaria Giordano

Cass. civ., sez. trib.

Cosa giudicata

Il giudicato tributario sulla deduzione di costi relativi a prestazioni di servizi non ha efficacia espansiva rispetto ad altre annualità, trattandosi di elementi variabili per qualità, modalità e quantità di anno in anno, dovendo limitarsi l'effetto vincolante del giudicato esterno intervenuto su altre annualità solo ai fatti che, per legge, hanno efficacia tendenzialmente permanente o pluriennale, producendo effetti per un arco di tempo che comprende più periodi d'imposta o nei quali l'accertamento concerne la qualificazione di un rapporto ad esecuzione prolungata.

Leggi dopo

Esterovestizione societaria e costruzione di puro artificio

15 Marzo 2019 | di Matteo Faggioli

Esterovestizione

Per determinare il luogo della sede dell'attività economica di una società occorre prendere in considerazione un complesso di fattori, al primo posto dei quali figurano la sede statutaria, il luogo dell'amministrazione centrale, il luogo di riunione dei dirigenti societari e quello, abitualmente identico, in cui si adotta la politica generale di tale società; possono essere presi in considerazione, tuttavia, anche altri elementi, quali il domicilio dei principali dirigenti, il luogo di riunione delle assemblee generali, di tenuta dei documenti amministrativi e contabili e di svolgimento della maggior parte delle attività finanziarie, in particolare bancarie.

Leggi dopo

Gli immobili demaniali sono esenti da ICI solo se adibiti direttamente a fini esclusivamente istituzionali

13 Marzo 2019 | di Gabriele Scuffi

Cass. Civ., sez. trib.

IMU

In tema di imposta comunale sugli immobili (ICI), l'esenzione prevista dall'art. 7, comma 1, lett. a), del D.Lgs. 30 dicembre 1992, n. 504 per gli immobili posseduti dallo Stato e dagli enti pubblici spetta soltanto se nell'immobile viene svolta in via esclusiva attività di natura istituzionale (requisito oggettivo) riferibile in via diretta e immediata allo stesso Ente che lo possiede a titolo di proprietà o altro diritto reale (requisito soggettivo).

Leggi dopo

Cessione di beni sottocosto e responsabilità solidale del cessionario ai fini IVA

08 Marzo 2019 | di Francesco Brandi

Cass. civ., sez. trib.

IVA

In tema di responsabilità solidale del cessionario ai sensi dell’art. 60-bis del d.P.R. n. 633/1972, è legittimo il recupero IVA nei confronti del cessionario se il prezzo di acquisto dell’automobile da parte del cedente supera quello della vendita. Ciò anche se rispetta i dati dei listini Eurotax. Infatti, il parametro valido per l’accertamento è il valore effettivo della transazione da considerare comunque antieconomica.

Leggi dopo

Il trattamento IVA delle prestazioni accessorie

05 Marzo 2019 | di Giovambattista Palumbo

Cass. Civ., sez. trib.

IVA

Le operazioni accessorie possono essere effettuate direttamente dal cedente o prestatore, ovvero per suo conto e a sue spese, laddove il tratto oggettivo, caratterizzante la natura accessoria dell'operazione, è quello della sua unitarietà.

Leggi dopo

Mancata comunicazione all'A.F. di generalità e domicilio degli eredi: valida la notifica singola e personale dell'accertamento

04 Marzo 2019 | di Francesco Spina

Cass. civ., sez. trib.

Comunicazioni e notificazioni

Anche in ipotesi di mancata comunicazione all'Amministrazione Finanziaria di generalità e domicilio fiscale degli eredi (che facoltizza alla notifica collettiva ed impersonale nell'ultimo domicilio del defunto), sussiste l'obbligo di notificare l'avviso di accertamento singolarmente e personalmente agli eredi, ogni qualvolta l'Ufficio disponga, comunque, delle necessarie informazioni per procedere alle notifiche nel domicilio individuato, atteso che l'art. 6 della L. n. 212/2000 (Statuto del Contribuente) impone all'Amministrazione di utilizzare, in ogni caso, le informazioni in suo possesso per far giungere i propri atti a conoscenza dei destinatari.

Leggi dopo

Sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte: l'istituzione di un trust non salva dalla responsabilità penale

01 Marzo 2019 | di Francesco Rubino, Elisa Mazzucchelli

Trust

Risponde del delitto di sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte, previsto dall'art. 11 D.Lgs. n. 74/2000, il soggetto che, dopo aver ricevuto la notifica di cartelle di pagamento, istituisca un trust familiare, conservando il potere di disporre di tali beni senza limitazioni, potendo desumersi lo scopo di frodare il fisco dal fatto che il trust è stato istituito in epoca successiva alla notificazione delle predette cartelle.

Leggi dopo

Deducibilità dei costi di ristrutturazione di immobile locato

28 Febbraio 2019 | di Enzo Di Giacomo

CTP Rieti

IRES

Il soggetto esercente attività di impresa può dedurre i costi sostenuti per lavori di ristrutturazione o manutenzione di immobili di proprietà di terzi, sempre che ci sia un nesso di strumentalità tra il bene e l’attività svolta. Pertanto i suddetti lavori realizzati per il bene (immobile) utilizzato in forza di un contratto di comodato gratuito (non registrato) possono essere detratti dal reddito della società.

Leggi dopo

Pagine