Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata

Presunzioni tributarie relative e decreto di sequestro preventivo per equivalente

28 Dicembre 2016 | di Domenico Pignoloni

Cass. pen.

Misure cautelari

È noto come nell'ambito del diritto tributario il potere di accertamento dell'Amministrazione Finanziaria sia spesso fondato, in forza di numerosi ed espressi riconoscimenti normativi, sullo strumento presuntivo. In forza di tale istituto, l'Amministrazione Finanziaria può determinare la base imponibile, e di conseguenza la maggior imposta evasa, o in forza di presunzioni relative, così dando vita a quel meccanismo che genera l'inversione dell'onere della prova in capo al contribuente, o ancora, in forza di presunzioni semplici che in quanto tali trovano il loro ambito di operatività al ricorrere di circostanze gravi, precise e concordanti. È legittimo il decreto di sequestro preventivo per equivalente disposto sulla base di presunzioni tributarie, potendo la decisione, in sede cautelare, fondarsi sulla sussistenza di elementi di natura meramente indiziaria.

Leggi dopo

La CEDU detta le linee applicative del ne bis in idem

23 Dicembre 2016 | di Andrea Nocera

CEDU, Grande Camera

Statuto del contribuente

In tema di illecito tributario, è insindacabile la scelta legislativa di un doppio binario processuale, essendo circostanza prevedibile per il contribuente la possibilità che per lo “stesso fatto” possa essere irrogata una doppia sanzione, amministrativa e penale.

Leggi dopo

È sufficiente il requisito dell'antieconomicità della condotta imprenditoriale a fondare l'accertamento presuntivo?

22 Dicembre 2016 | di Antonio Scalera

Cass. civ.,

Accertamento con parametri presuntivi

La contestazione riguardante l'antieconomicità del comportamento imprenditoriale richiede da parte dell'Amministrazione finanziaria la dimostrazione, in chiave diacronica, dell'inattendibilità della condotta.

Leggi dopo

I benefici fiscali a favore dei sodalizi sportivi dilettantistici

20 Dicembre 2016 | di Maurizio Mottola

CTP Treviso

Crediti d'imposta per società di persone

Le movimentazioni finanziarie "interne" di una associazione sportiva dilettantistica (a.s.d.) in regime ex L. n. 398/1991 non sono rilevanti ai fini delle prescrizioni di cui all'art. 25, co. 5, L. n. 133/1999. Attraverso tale norma il Legislatore ha voluto obbligare i soggetti che si avvalgono del regime agevolativo citato ad adottare strumenti finanziari tracciabili, in luogo del denaro contante, per determinate tipologie di transazioni, se di importo pari o superiore ad una certa soglia.

Leggi dopo

Doppio binario sanzionatorio penale-amministrativo nell'evoluzione della giurisprudenza

15 Dicembre 2016 | di Andrea A. Salemme, Francesca Cantinotti

Cass. civ.
Cass. civ.
Corte EDU, Grande Camera

Sanzioni

Il contributo analizza il tema del doppio binario sanzionatorio, penale ed amministrativo; l'Autore, nello specifico, si sofferma sull'analisi di due pronunce di legittimità, nonché poi analizzare l'ambito europeo con la pronuncia della Corte EDU dello scorso 15 novembre. In particolare, le questioni trattate riguardano: - delitto di manipolazione del mercato e il corrispondente illecito amministrativo; - delitto di abuso di informazioni privilegiate e il corrispondente illecito amministrativo. Dalla CEDU si evince il principio di diritto secondo cui il divieto di ne bis in idem posto dall'art. 4 prot. VII CEDU non inibisce agli Stati membri di adottare sistemi che cumulano sanzioni penali ed amministrative convergenti su uno stesso fatto, se diversi ne sono gli scopi e parimenti diverse sono le manifestazioni di antisocialità dalle stesse colpite.

Leggi dopo

Dalla Corte Ue una “spinta” alle presunzioni pro-Fisco

13 Dicembre 2016 | di Stefano Mazzocchi

CGUE

Emissione di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti

È lecita la norma nazionale secondo la quale in assenza sia delle merci (nel magazzino) sia della registrazione dei documenti fiscali correlati, l'Amministrazione fiscale possa presumere che tale soggetto passivo abbia successivamente venduto le suddette merci a terzi e che possa determinare la base imponibile delle vendite di tali merci.

Leggi dopo

La “conversione” del termine di prescrizione breve in quello ordinario è applicabile solo con titolo giudiziale definitivo

07 Dicembre 2016 | di Leda Rita Corrado

Cass. civ., ss.uu.

Cartelle esattoriali

La scadenza del termine – pacificamente perentorio – per proporre opposizione a cartella di pagamento di cui all'art. 24, comma 5, D.Lgs. 26 febbraio 1999, n. 46, pur determinando la decadenza dalla possibilità di proporre impugnazione, produce soltanto l'effetto sostanziale della irretrattabilità del credito contributivo senza determinare anche l'effetto della c.d. “conversione” del termine di prescrizione breve in quello ordinario, ai sensi dell'art. 2953 c.c..

Leggi dopo

Beneficial owner clause: approccio formale o sostanziale?

06 Dicembre 2016 | di Davide Attilio Rossetti, Stefano Guarino

Cass. civ., sez. trib.

Dividendi

Nell'ambito del contrasto al fenomeno del "Treaty abuse", finalizzato ad ottenere una doppia non imposizione, è legittimo il diniego opposto dall'Amministrazione finanziaria ad una società inglese del rimborso del credito di imposta sui dividendi dalla stessa ricevuti da una società italiana.

Leggi dopo

Illegittimo il raddoppio dei termini se la comunicazione di notizia di reato è “tardiva”

01 Dicembre 2016 | di Ignazio Gennaro

CTR Lombardia, Milano

Termini di accertamento

La comunicazione di notizia di reato “tardiva” (ovvero successiva alla scadenza dei termini di accertamento) non consente il raddoppio dei termini decadenziali con conseguente nullità dell'avviso di accertamento notificato oltre i termini ordinari. Di seguito il commento dell'Autore alla sentenza della Commissione lombarda, che permetterà un'analisi approfondita delle questioni sollevate dai giudici di merito.

Leggi dopo

Alle Sezioni Unite le questioni sul termine di costituzione e sulle conseguenze dell'omesso deposito dell'avviso di spedizione del ricorso

29 Novembre 2016 | di Francesco Brandi

Cass. civ., sez. trib.
Cass. civ., sez. trib.

Comunicazioni e notificazioni

La Corte di Cassazione ha chiamato in causa le Sezioni Unite della stessa Corte per dirimere alcune questioni interpretative in merito alla notificazione del ricorso tributario eseguita con raccomandata postale: in particolare, le Sezioni Unite dovranno pronunciarsi sull'individuazione del dies a quo del termine per la costituzione in giudizio del ricorrente/appellante e sulla rilevanza, ai fini della ritualità di tale costituzione, dell'omesso tempestivo deposito della ricevuta di spedizione postale quando risulti in atti l'avviso di ricevimento (A/R) del relativo plico.

Leggi dopo

Pagine