Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata

Alle Sezioni Unite le questioni sul termine di costituzione e sulle conseguenze dell'omesso deposito dell'avviso di spedizione del ricorso

29 Novembre 2016 | di Francesco Brandi

Cass. civ., sez. trib.
Cass. civ., sez. trib.

Comunicazioni e notificazioni

La Corte di Cassazione ha chiamato in causa le Sezioni Unite della stessa Corte per dirimere alcune questioni interpretative in merito alla notificazione del ricorso tributario eseguita con raccomandata postale: in particolare, le Sezioni Unite dovranno pronunciarsi sull'individuazione del dies a quo del termine per la costituzione in giudizio del ricorrente/appellante e sulla rilevanza, ai fini della ritualità di tale costituzione, dell'omesso tempestivo deposito della ricevuta di spedizione postale quando risulti in atti l'avviso di ricevimento (A/R) del relativo plico.

Leggi dopo

Illegittimo l'accertamento analitico-induttivo basato sulle percentuali di ricarico in caso di insufficienza o inadeguatezza del campione

25 Novembre 2016 | di Angelo Ginex

Cass. civ., sez. trib.

Accertamento analitico

La pronuncia in rassegna appare molto interessante poiché essa individua i limiti o, meglio, le condizioni di applicabilità dell'accertamento analitico-induttivo di cui all'art. 39 del d.P.R. n. 600/1973 basato sulle percentuali di ricarico, offrendo interessanti spunti di difesa in favore del contribuente. Alla luce dei principi in essa affermati dalla Suprema Corte, appare evidente infatti come, in caso di accertamento analitico-induttivo di maggiori ricavi, la determinazione in via presuntiva della percentuale di ricarico effettiva sul prezzo della merce venduta deve avvenire adottando particolari criteri. Di seguito la disamina dell'Autore.

Leggi dopo

La Cassazione torna sull'applicabilità delle indicazioni della sentenza Taricco, in attesa della pronuncia della Consulta

23 Novembre 2016 | di Maria Hilda Schettino

Cass. pen., sez. III

Prescrizione

Il tema della prescrizione dei reati tributari rappresenta una questione di particolare rilievo in seguito alla c.d. sentenza Taricco dell'8 settembre 2015 (causa C-105/14), con la quale la grande Sezione della Corte di giustizia Ue si è pronunciata sul rinvio pregiudiziale proposto – ai sensi dell'art. 267 T.F.Ue – dal Gip del tribunale di Cuneo in un procedimento penale.

Leggi dopo

Non derogabilità dei principi di territorialità e residenza del donante

22 Novembre 2016 | di Gabriele Baschetti, Fabio Pari

CTR Marche, Ancona

Imposta sulle successioni e donazioni

L'imposta ex art. 1 D.Lgs. n. 346/1990 si fonda sul c.d. principio di territorialità in forza del quale (art. 2, comma 1°, D.Lgs. n. 346/1990) “l'imposta è dovuta in relazione a tutti i beni trasferiti, ancorché esistenti all'estero”. Tale principio contempla tuttavia un correttivo nel criterio di residenza del donante (art. 2, comma 2°, D.Lgs. n. 346/1990): “Se alla data dell'apertura della successione o a quella della donazione il defunto o il donante non era residente nello Stato, l'imposta è dovuta limitatamente ai beni e ai diritti ivi esistenti”.

Leggi dopo

Il diniego espresso di autotutela può essere impugnato solo per i profili attinenti alla legittimità del rifiuto

18 Novembre 2016 | di Giovanni Francescone

CTR Lombardia

Autotutela

Sussiste la giurisdizione tributaria per le controversie relative alle impugnazioni proposte avverso il rifiuto dell'Amministrazione finanziaria di esercitare l'autotutela; il provvedimento di diniego può essere impugnato dal contribuente soltanto per motivi riguardanti la legittimità dello stesso rifiuto e non per contestare la fondatezza della pretesa tributaria.

Leggi dopo

Estensione del giudicato ai coobbligati in solido: presupposti e limiti

14 Novembre 2016 | di Francesco Brandi

Cass. civ.

Cosa giudicata

In tema di solidarietà tributaria ai fini dell'imposta di registro, l'opponibilità, da parte degli altri condebitori, della sentenza pronunziata tra l'Amministrazione finanziaria e uno dei condebitori in solido presuppone, oltre all'estraneità del debitore nel giudizio intercorso tra il proprio creditore e l'altro condebitore, anche il passaggio in giudicato della decisione.

Leggi dopo

Transazione fiscale e IVA: possono applicarsi le conclusioni del concordato preventivo?

09 Novembre 2016 | di Stefano Guarino

Cass. civ., sez. I, 22 settembre 2016, n. 18561

Transazione fiscale

Il credito IVA per poter essere soggetto a falcidia nell'ipotesi in cui il debitore ricorra al concordato preventivo nella forma della transazione fiscale, deve essere inserito in un'apposita classe di crediti privilegiati IVA che resti al di fuori della transazione stessa.

Leggi dopo

L'abrogazione del raddoppio dei termini non travolge la clausola “salva-accertamenti”

07 Novembre 2016 | di Luigi Vele

Cass. civ.

Termini di accertamento

In materia di raddoppio dei termini, la novella recata dalla Legge di Stabilità 2016 non ha implicitamente abrogato il comma 3, art. 2, D.Lgs. n. 128/2015, che faceva salvi gli avvisi già notificati al 2 settembre 2015. Ne consegue che, per usufruire del raddoppio, devono sussistere i presupposti per l'invio della notizia di reato, ma, per gli accertamenti notificati fino al 2 settembre 2015, non è necessario che la denuncia sia stata trasmessa dall'Amministrazione finanziaria entro lo spirare dei termini ordinari di accertamento, requisito invece richiesto per gli avvisi notificati successivamente a tale data.

Leggi dopo

Esterovestizione vs costruzioni di puro artificio

03 Novembre 2016 | di Davide Attilio Rossetti

CTR Toscana

Esterovestizione

L'esterovestizione consiste nella fittizia localizzazione all'estero di una società (o ente commerciale), sostanzialmente situata nel territorio dello Stato, al fine di beneficiare di un'imposizione più favorevole. Una società bulgara, anche se disponga di stabilimenti attrezzati e di duecento dipendenti, deve considerarsi fiscalmente residente in Italia, ove risulti provato che qui hanno concreto svolgimento le attività di direzione della società, in vista del compimento degli affari e della propulsione dell'attività dell'ente stesso.

Leggi dopo

L’overruling non si applica in tema di presupposti IRAP

28 Ottobre 2016 | di Francesco Brandi

Cass. civ., sez. VI-T, 27 luglio 2016, n. 15530

IRAP

In linea generale e, dunque, anche in materia tributaria, affinché si possa parlare di "prospective overruling", devono ricorrere cumulativamente una serie di presupposti: a) innanzitutto che si verta in materia di mutamento della giurisprudenza su di una regola del processo; b) che tale mutamento sia stato imprevedibile in ragione del carattere lungamente consolidato nel tempo del precedente indirizzo; c) ed infine che il suddetto overruling comporti un effetto preclusivo del diritto di azione o di difesa della parte.

Leggi dopo

Pagine