Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata

Tributi doganali: ne risponde solidalmente lo spedizioniere, quale rappresentante indiretto

03 Settembre 2019 | di Aldo Natalini

Cass. civ., sez. trib.

Dogane

Lo spedizioniere doganale, ai sensi degli artt. 201 e 202 del Regolamento (CEE) n. 2913/1992 (codice doganale comunitario) e dell'art. 12 del D.Lgs n. 374/1990, risponde - solidalmente col soggetto proprietario per conto del quale presenta le merci - di tutti i dazi, le imposte e gli accessori dovuti, a qualsiasi titolo, in relazione all'operazione commerciale, con gli interessi relativi....

Leggi dopo

Possibili influenze della sentenza penale sul processo tributario

29 Agosto 2019 | di Paolo Comuzzi

Cass. 28 giugno 2019 n. 17536

Cosa giudicata

Processo penale e processo tributario giuridicamente viaggiano in modo distinto tra loro e, quindi, la sentenza penale (sia essa di assoluzione o di condanna) non consente di sostenere l'automatica decadenza dell’accertamento o il suo permanere. Non mancano, però, sul piano pratico possibili interferenze tra i due riti.

Leggi dopo

Tassazione della cessione di opere d'arte: il prestito dell'opera per l'esposizione nei musei non configura atto di valorizzazione a fini commerciali

27 Agosto 2019 | di Mario Giannotta

CT II° Trento

Redditi diversi

Con la sentenza n. 59 depositata lo scorso 11 giugno 2019, la Commissione di secondo grado di Trento ha escluso che i prestiti effettuati da un collezionista proprietario di un'opera d'arte a favore di enti museali possano configurare atti tesi all'incremento di valore dell'opera stessa e così integrare l'esercizio di quell'attività commerciale anche non abituale in presenza della quale il legislatore assoggetta a imposta il ricavo tratto dalla cessione dell'opera.

Leggi dopo

Aliquote IRAP maggiorate sugli istituti finanziari

26 Agosto 2019 | di Giovambattista Palumbo

IRAP

In base alla normativa nazionale, per l'anno di imposta 2002, l'aliquota IRAP stabilita per gli istituti di credito in via transitoria era pari al 4,75%. A decorrere dal terzo anno successivo a quello di emanazione del D.Lgs. n. 446/1997, si attribuiva poi alle Regioni la facoltà di variare l'aliquota fino ad un massimo di un punto percentuale, avendo la giurisprudenza costituzionale però già chiarito che tale facoltà di variazione era riferibile alla sola aliquota ordinaria, al 4,25% e non anche alle aliquote speciali, già maggiorate.

Leggi dopo

Assegnazione della casa familiare e “traslazione” dell'IMU sull'ex convivente

16 Agosto 2019 | di Rosaria Giordano

Cass. civ. sez. trib.

IMU

Il convivente more uxorio, al quale, a seguito della cessazione del rapporto di convivenza sia assegnato l'immobile adibito a casa familiare di proprietà dell'altro convivente, è soggetto passivo dell'IMU.

Leggi dopo

Esterovestizione: la rilevanza della sede dell’amministrazione

08 Agosto 2019 | di Giovambattista Palumbo

Cass. Civ. – Sez. V

Esterovestizione

Si considerano fiscalmente residenti in Italia le società e gli enti che, per la maggior parte del periodo d'imposta, hanno sede legale o dell'amministrazione nel territorio dello Stato. La nozione di sede dell'amministrazione, in quanto contrapposta alla sede legale, coincide con quella di sede effettiva, intesa come il luogo ove hanno concreto svolgimento le attività amministrative e di direzione dell'ente.

Leggi dopo

L'attrazione della competenza territoriale cautelare in tema di riciclaggio, autoriciclaggio e associazione per delinquere con la finalità di reati tributari

06 Agosto 2019 | di Luca Della Ragione

Cass. pen., Sez. III,

Antiriciclaggio

La questione affrontata con la sentenza in esame involge il tema della connessione teleologica prevista dall'art. 12, lett. c), c.p.p. e della determinazione...

Leggi dopo

Possibile firmare digitalmente gli atti sanzionatori anche in assenza dei decreti attuativi previsti dal D.Lgs. 217/2017

01 Agosto 2019 | di Achille Benigni

CTP Pescara 20 maggio 2019 n. 279

Sanzioni

La possibilità di sottoscrivere digitalmente gli atti di natura sanzionatoria tributaria è prevista dall'art. 2 c.1 lett. e) D.Lgs. 217/2017, in vigore dal 27 gennaio 2018. Non osta all'applicabilità di tale norma la mancata emanazione del relativo decreto attuativo.

Leggi dopo

L'esclusività e generalità del giudizio di ottemperanza nel rito tributario

01 Agosto 2019 | di Marta Basile, Claudio Sciancalepore

Tribunale di Benevento

Giudizio di ottemperanza

Nel processo tributario, il giudizio di ottemperanza è l'unico strumento per l'attuazione della sentenza del giudice tributario favorevole al contribuente, non potendo trovare applicazione la spedizione in forma esecutiva della sentenza di cui all'art. 475 c.p.c.

Leggi dopo

Lo scostamento dallo studio di settore si può utilizzare ai fini della quantificazione dell'imposta evasa

26 Luglio 2019 | di Francesco Spina

Cass. pen.

Omessa dichiarazione

Ai fini della configurabilità dei reati in materia di evasione IVA è necessario che i costi siano effettivamente documentati, essendo l'Iva collocata in un sistema chiuso di rilevanza sovranazionale che prevede la tracciabilità di tutte le fatture attive e passive. Relativamente ai costi non registrati, invece, la Suprema Corte rileva che possono essere considerati ai fini delle imposte dirette, dovendo considerarsi in tal caso legittima la presunzione di vendite “in nero” derivante dagli studi di settore.

Leggi dopo

Pagine