Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata

Inesistente la notifica degli avvisi di accertamento effettuata a mezzo posta direttamente dall’ufficio impositore

07 Ottobre 2019 | di Giuseppe Durante

CTR Piemonte, Torino

Comunicazioni e notificazioni

La notificazione di un avviso di accertamento in quanto atto impoesattivo cosiddetto “primario” disciplinato dal primo periodo della lett. a) dell’art. 29, comma 1 del D.L. n. 78/2010 non può prescindere dall’impiego di un agente della notificazione a cui deve essere necessariamente affidato il compito di redigere e sottoscrivere la relata di notifica in concomitanza della consegna dell’atto.

Leggi dopo

Il beneficio prima casa non è collegato alla superficie abitabile, bensì a quella utile

04 Ottobre 2019 | di Francesco Spina

Cass. civ. Sez. trib.

Prima casa

Ciò che assume rilievo ai fini dell'agevolazione cd. prima casa, è la nozione di superficie utile complessiva, per la quale, premesso che viene in rilievo la sola utilizzabilità e non anche l'effettiva abitabilità degli ambienti, detta superficie deve essere determinata escludendo dalla estensione globale riportata nell'atto di acquisto sottoposto all'imposta, quella di balconi, terrazze, cantine, soffitte, scale e del posto macchina.

Leggi dopo

Nelle sanzioni tributarie sul trasgressore grava la presunzione di colpa

02 Ottobre 2019 | di Antonio Scalera

Cass. Civ.

Sanzioni

In tema di sanzione tributaria, l'elemento soggettivo della violazione, che può constare anche solo della colpa, comporta che, al fine di escludere la responsabilità dell'autore dell'infrazione, non basta uno stato di ignoranza circa la sussistenza dei relativi presupposti...

Leggi dopo

I soli valori OMI - aree edificabili non sufficienti per determinare la stima del terreno

27 Settembre 2019 | di Ignazio Gennaro

CTR Sicilia, Catania

Abitazione

In tema di accertamento del valore di immobili oggetto di trasferimento, il mero riferimento alle stime effettuate sulla base dei dati dell'OMI non è da solo sufficiente per giustificare la rettifica tenuto conto che esse sono suscettibili di variazione in ragione di molteplici parametri: quali l'ubicazione, la tipologia e la superficie.

Leggi dopo

Imposta di registro proporzionale per il decreto ingiuntivo ottenuto dal fideiussore nei confronti del debitore

25 Settembre 2019 | di Aldo Natalini

Cass. civ., SS.UU., 4 giugno 2019, n. 18520

Imposta di registro

In tema di imposta di registro, il decreto ingiuntivo ottenuto nei confronti del debitore inadempiente dal garante che abbia stipulato una polizza fideiussoria in favore dell'erario e che sia stato escusso dal creditore, è soggetto all'imposta con aliquota proporzionale...

Leggi dopo

Sulla prova contraria alla presunzione di distribuzione al socio degli utili extracontrabili

20 Settembre 2019 | di Rosaria Giordano

Cass. civ., sez. V

Gruppi di società

La presunzione di attribuzione degli utili extracontabili in favore del socio di una società a ristretta base sociale può essere superata dimostrando uno specifico fatto positivo (nella specie, l’intestazione fiduciaria della quota) contrario all’operare della stessa.

Leggi dopo

Operatività del giudizio di ottemperanza e la circoscrizione del relativo oggetto

16 Settembre 2019 | di Daniela Mendola

Cass. civ., sez. trib.

Giudizio di ottemperanza

Nell'ambito del giudizio d'ottemperanza alle decisioni delle commissioni tributarie, è interpretazione unanime che il potere del giudice sul comando definitivo inevaso, va esercitato entro i confini invalicabili posti dall'oggetto della controversia definita col giudicato (c.d. carattere chiuso del giudizio di ottemperanza)...

Leggi dopo

Libera circolazione dei capitali: parità di trattamento tra dividendi in uscita e distribuiti a società residenti

12 Settembre 2019 | di Giancarlo Marzo, Jennifer Fuccella

CTR Abruzzo

Dividendi

Per l'applicazione sui “dividendi in uscita” della ritenuta alla fonte ridotta prevista dall'art. 27, co. 3-ter, d.P.R. n. 600/1973 (attualmente dell'1,20%), in luogo di quella prevista dall'art. 27, co. 3, d.P.R. n. 600/1973 (oggi del 27%), la società percettrice - residente in uno degli Stati membri dell'Unione Europea o degli Stati aderenti all'Accordo SEE - è tenuta, esclusivamente, alla dimostrazione dell'effettiva tassazione del flusso reddituale nel Paese di residenza. Eventuali contestazioni relative alla qualità di conduit company del soggetto percettore ovvero all'esistenza di costruzioni abusive volte a celare la residenza “extra-territoriale” del beneficiario effettivo del dividendo, devono essere dimostrate dall'Amministrazione finanziaria

Leggi dopo

Operazioni inesistenti: discrimine di deducibilità dei costi ai fini delle imposte sui redditi e dell'IVA

09 Settembre 2019 | di Ignazio Gennaro

CTR Sicilia, Palermo

Emissione di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti

La fatturazione per operazioni “soggettivamente” inesistenti presuppone che le operazioni siano state effettivamente effettuate, ma tra soggetti diversi da quelli risultanti dalla fattura. Ne consegue l'inammissibilità logico - giuridica di poter considerare “soggettivamente” inesistenti operazioni mai avvenute: quindi “oggettivamente” inesistenti. La distinzione tra le due fattispecie di operazioni inesistenti, “soggettivamente” o “oggettivamente”, rileva ai fini delle diverse conseguenze fiscali in materia di IVA e di Imposte dirette.

Leggi dopo

Riqualificazione energetica: la detrazione spetta anche alle imprese societarie, e non solo in relazione ai beni strumentali

05 Settembre 2019 | di Giuseppe Caracciolo

Cass. civ., sez. trib.

Detrazioni per risparmio energetico

Il beneficio fiscale, consistente in una detrazione dall'imposta lorda per una quota pari al 55% degli importi rimasti a carico del contribuente, di cui all'artt. 1, commi 344 e seguenti, della Legge n. 296/2006 (Finanziaria 2007) e al decreto del ministero dell'economia e delle finanze del 19 febbraio 2007, per le spese documentate relative ad interventi di riqualificazione energetica di edifici esistenti, spetta anche ai soggetti titolari di reddito d'impresa (incluse le società), i quali abbiano sostenuto le spese per l'esecuzione degli interventi di risparmio energetico su edifici concessi in locazione a terzi.

Leggi dopo

Pagine