Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata

Necessaria la notifica di una nuova cartella se il giudice ha ridotto con sentenza la pretesa impositiva

17 Marzo 2016 | di Fabio Gallio

Trib. Mantova

Cartelle esattoriali

Secondo il Tribunale di Mantova, l’Agenzia delle Entrate deve sempre procedere a effettuare una nuova iscrizione a ruolo, nel caso in cui le pretese originarie nei confronti del contribuente siano state ridotte. Solo in questo modo, verrebbe adeguatamente motivato il percorso logico-giuridico del ricalcolo.

Leggi dopo

Confisca per equivalente: illegittima sui beni futuri

14 Marzo 2016 | di Stefano Loconte, Gabriella Antonaci

Cass. pen.

Misure cautelari

In tema di reati tributari, non possono sottoporsi alla misura della confisca per equivalente beni non individuati e non ricadenti nella disponibilità dell’imputato, ma che potrebbero un giorno ricadervi. Il principale merito della pronuncia in oggetto consiste nell’aver composto l’annoso dibattito circa l’applicabilità della confisca per equivalente ai beni futuri e, dunque, a quei beni non individuati né individuabili al tempus commissi delicti, concludendo per la sua inapplicabilità.

Leggi dopo

La convivenza con genitore benestante non costituisce circostanza sufficiente a comprovare la capacità di spesa del figlio

10 Marzo 2016 | di Gabriele Scuffi

Cass. civ.

Famiglia

I Giudici della Corte di Cassazione, con l’ordinanza in commento, affrontano il tema dell’onere della prova contraria ammessa per il contribuente che subisce l’accertamento sintetico per aver affrontato spese incompatibili con le proprie capacità reddituali, applicando alla lettera l’art. 38 del D.P.R. n. 600/1978.

Leggi dopo

CTU: il giudice tributario non può sopperire alle carenze probatorie delle parti

08 Marzo 2016 | di Leda Rita Corrado

Cass. civ., sez. trib., 13 gennaio 2016, n. 404

CTU

Nella sentenza n. 404/2016 si affronta la vexata quaestio relativa all’ampiezza dei poteri istruttori del giudice tributario regolati dall’art. 7, comma 2, D.Lgs. 31 dicembre 1992, n. 546. La Suprema Corte sceglie una esegesi restrittiva della disciplina de qua: il giudice non può richiedere relazioni o disporre consulenza in sostituzione dell’onere probatorio gravante sulle parti.

Leggi dopo

Scudo fiscale ter: esimente ma non troppo e sequestro preventivo sempre possibile

04 Marzo 2016 | di Gianluca Bergamaschi

Cass. pen.

Scudo fiscale

La causa di non punibilità di cui all’art. 13-bis del d.l. 78/2009 e s.m., approntata per chi aderisca al c.d. “scudo fiscale ter”, non determina un’immunità soggettiva rispetto ai reati fiscali ma opera solo per quelli direttamente riconducibili ai capitali rimpatriati o regolarizzati.

Leggi dopo

Redditometro: possibili effetti su altre annualità del giudicato esterno

03 Marzo 2016 | di Francesco Brandi

Cass. civ.

Redditometro

La pronuncia in commento, dando continuità all’orientamento della Cassazione, si presenta interessante perché apre all’applicazione del giudicato esterno anche in materia di redditometro, ampliando il novero degli elementi “permanenti”. Con la riforma che ha interessato tale istituto tale applicazione non sarà più possibile.

Leggi dopo

Mancata instaurazione del contraddittorio ed obbligo di verifica del giudice: spunti in materia di ipoteca

01 Marzo 2016 | di Stefano Pasetto

Cass. civ.

Misure cautelari

La breve sentenza in commento pone in evidenza il compito del giudice di appurare la nullità di un atto lesivo della sfera giuridica del contribuente per mancata instaurazione del contraddittorio, dando veste giuridica alle circostanze di fatto acquisite agli atti, senza quindi limitarsi a verificare se alle medesime siano o meno applicabili le specifiche norme citate dal contribuente per sostenere espressamente o implicitamente la sua tesi.

Leggi dopo

L'adesione al condono ex art. 7 L. 289/2002 osta al rimborso dell'IRAP

25 Febbraio 2016 | di Elisa Manoni

CTR Marche

Condono e sanatorie

In relazione al silenzio rifiuto opposto dall’Amministrazione avverso le istanze di rimborso ai fini Irap proposte dal contribuente esercente attività di sindaco di società di capitali, di revisore di Enti pubblici e di curatore fallimentare, inserito in una struttura associata, l’adesione al condono di cui all’art. 7 della Legge n. 289 del 2002 non osta acché le predette attività siano assoggettate ad IRAP.

Leggi dopo

Trust liberale: la costituzione è estranea al presupposto dell'imposta indiretta sui trasferimenti in misura proporzionale

23 Febbraio 2016 | di Achille Benigni

Cass. civ.

Trust

La costituzione di un trust va considerata estranea al presupposto dell'imposta indiretta sui trasferimenti in misura proporzionale, sia essa l'imposta di registro, sia essa l'imposta ipotecaria o catastale, mancando l'elemento fondamentale dell'attribuzione definitiva dei beni al soggetto beneficiario.

Leggi dopo

Il non residente che opti per la tassazione alla fonte non può fruire delle deduzioni personali concesse ai residenti

18 Febbraio 2016 | di Cinzia Leonelli

CGUE

IRPEF

Nella sentenza in commento la Corte Ue riconosce che la situazione del soggetto non residente non può ritenersi discriminatoria semplicemente in virtù dell’applicazione di modalità di prelievo differenti rispetto a quelli applicati al soggetto residente, ma d’altro canto, non esclude che proprio una disciplina di questo tipo possa dar luogo ad uno squilibrio impositivo illegittimo a scapito del contribuente che effettua investimenti o attività oltre confine.

Leggi dopo

Pagine