Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata

Rappresentanza processuale e difesa: Riscossione Sicilia spa può stare in giudizio con l'assistenza di Avvocati del libero Foro

09 Ottobre 2020 | di Ignazio Gennaro

CTP Catania, sez. XII

Capacità processuale e rappresentanza

L'art. 1 del D.L. 22 ottobre 2016 n. 193, che ha disposto lo scioglimento ope legis delle Società del Gruppo Equitalia e la loro cancellazione d'ufficio dal Registro delle imprese estinte anche in assenza delle relative procedure di liquidazione, non è applicabile in Sicilia.

Leggi dopo

I ritardi della burocrazia incidono sul riconoscimento della natura di “società di comodo”

05 Ottobre 2020 | di Marta Basile, Claudio Sciancalepore

CTP di Bari

Società di comodo

Ai fini della disciplina sulle società non operative, l'Amministrazione finanziaria non può non tenere conto dei tempi burocratici, ordinariamente non brevi, per il rilascio di autorizzazioni o licenze, necessarie per realizzare i programmi produttivi che il contribuente intende attuare, con il conseguente venir meno di tutte le penalizzazioni.

Leggi dopo

Il quadro della Suprema Corte in tema di indagini finanziarie. Nessuna apertura ma un richiamo ai valori generali del processo

29 Settembre 2020 | di Rossella Miceli

Cass. Civ., sez. trib.

Indagini finanziarie

La sentenza definisce il quadro attuale in materia di garanzie nelle indagini creditizie e finanziarie, che conferma le posizioni consolidate sulle presunzioni e sulla non obbligatorietà del contraddittorio endoprocedimentale. Richiamando i principi generali in materia di processo la sentenza chiarisce l'ammissibilità delle dichiarazioni di terzi e l'esistenza di un obbligo di analisi della documentazione fornita dal contribuente. La pronuncia risulta condivisibile negli aspetti sul processo ma conservativa nelle impostazioni generali sul procedimento. Le indagini finanziarie mantengono un assetto evidentemente poco garantista, ancora disallineato dai valori generali della collaborazione e della trasparenza.

Leggi dopo

La compensazione delle spese di giudizio: da disporre al ricorrere di ragioni gravi ed eccezionali adeguatamente motivate

24 Settembre 2020 | di Luca Catallo

Cass. civ. Sez. VI

Compensazioni

La compensazione delle spese di lite, nel processo tributario, può essere disposta alla ricorrenza di “gravi ed eccezionali ragioni” che vanno adeguatamente motivate con puntuale riferimento alle specifiche circostanze della controversia.

Leggi dopo

Legittimo sia il sequestro conservativo che l'azione revocatoria in caso di illegittima costituzione del fondo patrimoniale

21 Settembre 2020 | di Giovambattista Palumbo

Cass. Civ.

Misure cautelari

È legittimo il sequestro conservativo del fondo patrimoniale, ottenuto dall'Agenzia delle Entrate in epoca anteriore all'esercizio dell'azione pauliana, sussistendo comunque un interesse concreto dell'Amministrazione ad agire al fine di ottenere l'inopponibilità nei propri confronti dell'atto con il quale i contribuenti abbiano conferito i propri immobili.​

Leggi dopo

Accise sull'energia elettrica: irrilevanti le cessioni intermedie

15 Settembre 2020 | di Aldo Natalini

Cass. civ., sez. trib.

Accise

n tema di accise sull'energia elettrica, il soggetto passivo che ha realizzato uno dei fatti generatori dell'imposta è tenuto al pagamento dei diritti di accisa all'atto della fatturazione al consumatore finale, o quando si accerti che non si sono verificate le condizioni di consumo per poter beneficiare di un'aliquota ridotta o di un'esenzione, o comunque all'atto dell'immissione in consumo, essendo irrilevanti - a fini impositivi - le cessioni intermedie che non abbiano realizzato la condizione di esigibilità, avendo mera rilevanza privatistica nell'ambito di un fenomeno economico al quale è estranea l'Amministrazione finanziaria.

Leggi dopo

Sono deducibili i costi relativi a operazioni soggettivamente inesistenti

10 Settembre 2020 | di Antonio Scalera

Cass. Civ., Sez. trib.

Emissione di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti

Sono deducibili i costi delle operazioni soggettivamente inesistenti - inseriti o meno in una frode carosello - per il solo fatto che siano stati sostenuti, anche nell'ipotesi in cui l'acquirente sia consapevole del carattere fraudolento delle operazioni, salvo che si tratti di costi in contrasto con i principi di effettività, inerenza, competenza, certezza, determinatezza e determinabilità oppure di costi relativi a beni o servizi direttamente utilizzati per il compimento di un delitto non colposo.

Leggi dopo

Operazioni soggettivamente inesistenti e riparto dell’onere probatorio

07 Settembre 2020 | di Rosaria Giordano

Cass. civ., sez. trib.

Emissione di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti

In tema di IVA, nell’ipotesi in cui l'Amministrazione finanziaria contesti che la fatturazione attiene ad operazioni soggettivamente inesistenti, inserite o meno nell'ambito di una frode carosello, incombe sulla stessa l'onere di provare la consapevolezza del destinatario che l'operazione si inseriva in una evasione dell'imposta dimostrando, anche in via presuntiva, in base ad elementi oggettivi specifici, che il contribuente fosse a conoscenza, o avrebbe dovuto esserlo usando l'ordinaria diligenza in ragione della qualità professionale ricoperta, della sostanziale inesistenza del contraente; ove l'Amministrazione assolva a detto incombente istruttorio, grava sul contribuente la prova contraria di avere adoperato, per non essere coinvolto in un'operazione volta ad evadere l'imposta, la diligenza massima esigibile da un operatore accorto, secondo criteri di ragionevolezza e di proporzionalità in rapporto alle circostanze del caso concreto.

Leggi dopo

Rapporto tra sanzioni penali e tributarie: no all’incostituzionalità della norma sul ne bis in idem

03 Settembre 2020 | di Francesco Brandi

Corte Costituzionale

Sanzioni

Con sentenza 114 del 12 giugno 2020 la Corte costituzionale ha sostanzialmente negato l’incostituzionalità dell’art. 649 c.p.p. in relazione cumulo delle sanzioni penali e tributarie relative all’omesso versamento IVA

Leggi dopo

Il rapporto tra il disconoscimento della firma su copia dell'avviso di ricezione dell'atto impositivo e querela di falso

31 Agosto 2020 | di Vincenzo Pisani

Cass. civ., sez. V

Atti del processo

In tema di processo tributario, nel caso in cui l'Amministrazione eccepisca solo in appello la tardività del ricorso introduttivo del giudizio, depositando copia dell'avviso di ricezione della raccomandata di spedizione dell'atto impositivo, ove il contribuente deduca la nullità della notifica disconoscendo espressamente, in tale sede, l'autenticità della sottoscrizione del proprio legale rappresentante, senza che l'Amministrazione produca l'originale dell'avviso di ricezione, la copia dello stesso non può avere l'efficacia dell'atto pubblico; sicchè nei suoi confronti non deve essere esperita la querela di falso, il cui giudizio deve necessariamente svolgersi sull'originale.

Leggi dopo

Pagine