Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata

Il sequestro di un bene in leasing deve essere contestato dal concedente

15 Marzo 2018 | di Matteo Pillon Storti

Cass. pen., sez. III

Misure cautelari

Il sequestro preventivo disposto dal tribunale competente può, di fatto, avere ad oggetto i beni utilizzati dall'amministratore di società - indagato per reati fiscali - in forza di contratti di leasing. I beni detenuti in leasing, infatti, in linea generale, non possono essere sottoposti a sequestro preventivo finalizzato alla confisca. Tuttavia, se ciò avviene, il soggetto legittimato a sostenere l'insequestrabilità del bene in questione è il concedente e non, invece, l'utilizzatore.

Leggi dopo

Inesistenza dell’avviso di accertamento notificato in forma cartacea e firmato digitalmente

13 Marzo 2018 | di Giovambattista Palumbo

CTP Treviso, sez. I,

Processo telematico

In caso di notifica di un avviso di accertamento cartaceo firmato digitalmente, la sottoscrizione deve essere considerata inesistente, con la conseguenza che non può ritenersi che alcuna volontà dell'ente si sia formata.

Leggi dopo

IMU, nel contratto di leasing paga il concedente

12 Marzo 2018 | di Enzo Di Giacomo

IMU

In caso di risoluzione del contratto di leasing, il concedente è tenuto al versamento dell'imposta comunale sugli immobili (IMU), in quanto torna ad essere soggetto passivo del tributo, indipendentemente dalla riconsegna dell'immobile da parte dell'utilizzatore.

Leggi dopo

Il conferimento di beni immobili in un trust non comporta il loro trasferimento: niente imposte ipo-catastali

07 Marzo 2018 | di Fabio Gallio

CTP Treviso, sez. IV

Trust

La Commissione Tributaria Provinciale di Treviso ha chiarito che il conferimento di beni immobili in un trust non comporta il loro trasferimento e, pertanto, non deve essere assoggettato alle imposte ipotecarie e catastali. Di seguito la disamina dell'Autore.

Leggi dopo

Non basta il modello 770 per rispondere di omesso versamento delle ritenute certificate

06 Marzo 2018 | di Gabriele Minniti

Cass. pen.

Sanzioni

La valenza indiziaria della sola presentazione del modello 770, ai fini della prova del rilascio delle certificazioni, non solo non è sorretta da alcuna massima di esperienza e dall'id quod plerumque accidit, ma è anche implicitamente, e indiscutibilmente, esclusa dal legislatore, che altrimenti avrebbe molto più semplicemente punito con la sanzione penale l'omesso versamento di ritenute risultanti dal modello 770.

Leggi dopo

Non applicabilità del transfer pricing ai fini IVA

05 Marzo 2018 | di Giovambattista Palumbo

Cass. civ.

Interessi

Per l'IVA il corrispettivo effettivamente ricevuto è un elemento cardine del meccanismo di applicazione dell'imposta, fondato sul principio di neutralità dell'imposta, che sarebbe violato ove la base imponibile fosse calcolata superiore al corrispettivo ricevuto.

Leggi dopo

Dichiarazione irretrattabile in caso di omessa indicazione del credito d'imposta

01 Marzo 2018 | di Angelo Ginex

Cass. civ., sez. trib.

Omessa dichiarazione

Ai fini della fruizione di un credito d'imposta, esso deve essere indicato, a pena di decadenza, nella dichiarazione relativa al periodo d'imposta nel corso del quale il beneficio è accordato, avendo tale indicazione valore di atto negoziale e natura di dichiarazione di volontà e non di scienza...

Leggi dopo

Favor rei e sanzioni irrogate per la revoca delle agevolazioni nell'acquisto di abitazioni di lusso

26 Febbraio 2018 | di Bruno Panella

CTP Udine

Prima casa

In caso di revoca delle agevolazioni c.d. prima casa, per essere stata l'abitazione comprata qualificata di lusso sulla base dei parametri di cui al D.M. 2 agosto 1969, poiché l'art. 10 comma 1, del D.Lgs. n. 23/2011 (in vigore dal 1° gennaio 2014) ha riformulato la fattispecie legale, ora fondata su un parametro (quello catastale), del tutto differente da quelli in precedenza stabiliti dal citato D.M., la condotta, che prima costituiva una violazione fiscale, ora, per effetto dello jus superveniens, non integra più il presupposto per l'irrogazione delle sanzioni, che devono essere annullate per effetto del “favor rei”.

Leggi dopo

L'onere della prova nell'accertamento sintetico

20 Febbraio 2018 | di Daniela Mendola

CTR Lazio, Roma

Accertamento sintetico

In tema di accertamento sintetico si configura una presunzione legale relativa che pone a carico del contribuente l'onere di dimostrare l'esistenza di redditi esenti o soggetti a ritenuta alla fonte. Le giustificazioni addotte dal contribuente non devono essere generiche, ma specifiche e dettagliate ovvero idonee a superare la presunzione dell'Ufficio.

Leggi dopo

Euroritenuta rimborsabile alla luce della recente giurisprudenza

19 Febbraio 2018 | di Davide Attilio Rossetti, Stefano Guarino

CTP Milano

Voluntary disclosure

Il contribuente ha diritto al rimborso dell'euroritenuta. La normativa che disciplina l'euroritenuta ha infatti previsto per il contribuente la possibilità di chiederne la compensazione o il rimborso nel caso in cui non sia applicabile l'art. 165 del TUIR.

Leggi dopo

Pagine