Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata su Contraddittorio

Il contraddittorio endoprocedimentale trova applicazione anche per gli accertamenti c.d. “a tavolino”

11 Aprile 2017 | di Debora Mirarchi

CTR Lombardia

Contraddittorio

È nullo l’avviso di accertamento emesso dall’Amministrazione finanziaria a seguito di un controllo c.d. “a tavolino” senza la preventiva instaurazione del contraddittorio con il contribuente. L’obbligatoria attivazione del contraddittorio endoprocedimentale, in quanto principio immanente nell'ordinamento giuridico, posto a garanzia e tutela del contribuente, nonché a presidio di valori costituzionalmente tutelati, oltre che espressione di civiltà giuridica, trova applicazione in tutti gli accertamenti tributari conseguenti a ogni tipo di verifica.

Leggi dopo

Accertamento: il contraddittorio endoprocedimentale è obbligatorio per tutti i tributi

31 Marzo 2017 | di Leda Rita Corrado

Contraddittorio

L’Amministrazione finanziaria è obbligata ad attivare il contraddittorio endoprocedimentale per tutti i tributi, indipendentemente dalla loro matrice euro unitaria. La violazione del diritto di difesa del contribuente in sede procedimentale determina la nullità dell’atto impositivo.

Leggi dopo

Illegittimo l'avviso di rettifica e liquidazione se non vi è il rispetto del contradditorio nella fase precontenziosa

19 Luglio 2016 | di Luisa Amoretti

CTR Liguria

Contraddittorio

La pretesa tributaria trova legittimità nella formazione procedimentalizzata di una decisione partecipata, mediante la promozione del contraddittorio tra Amministrazione e contribuente anche nella fase “precontenziosa” e “endoprocedimentale” al cui ordinato ed efficace sviluppo è funzionale il rispetto dell'obbligo di comunicazione degli atti imponibili.

Leggi dopo

Alla Corte Ue la parola sulla sospensione dell'atto doganale emesso in assenza di contraddittorio

11 Luglio 2016 | di Angelo Ginex

Cass. civ.

Contraddittorio

La sesta Sezione (sottosezione T) della Cassazione chiede alla Corte di Giustizia, ai sensi dell’art. 267 TFUE, di chiarire se contrasta con il principio generale del contraddittorio procedimentale di matrice eurounitaria la normativa italiana che disciplina l’impugnazione in via amministrativa dell'atto doganale (artt. 66 ss. T.U.L.D.) laddove non prevede, in favore del contribuente che non sia stato ascoltato prima dell’adozione dell’atto impositivo da parte dell’amministrazione doganale, la sospensione dell’atto come conseguenza normale della proposizione dell’impugnazione.

Leggi dopo

Alla Consulta il contraddittorio endoprocedimentale per le sole “verifiche sul campo”

27 Gennaio 2016 | di Leda Rita Corrado

CTR Toscana

Contraddittorio

In tema di contraddittorio endoprocedimentale, a seguito della recente interpretazione delle Sezioni Unite, la CTR di Firenze ha sollevato questione di legittimità in relazione all'art. 12 comma 7 dello Statuto del contribuente laddove non prevede un obbligo di attivazione del contraddittorio se non con riferimento all'attività ispettiva esterna.

Leggi dopo

Gli atti tributari ed il contraddittorio endoprocedimentale: il raccordo tra il diritto interno e quello comunitario

11 Gennaio 2016 | di Francesca Picardi

Cass. civ.

Contraddittorio

Le Sezioni Unite, intervenute sul tema del contraddittorio endoprocedimentale, hanno differenziato il regime attuale relativamente ai tributi non armonizzati (quali, ad esempio, imposte dirette e di registro), che esulano dalla sfera d’azione dell’Unione europea, e quelli armonizzati (quali, ad esempio, IVA, accise e dogane), che vi ricadono. L’obbligo dell’Amministrazione finanziaria di attivare il contraddittorio prima dell’adozione dell’atto impositivo sussiste per i tributi armonizzati, mentre per quelli non armonizzati sussiste solo in presenza di una specifica disposizione normativa.

Leggi dopo

Ancora incertezze sulla nullità dell’atto impositivo assunto in difetto di contraddittorio preventivo

12 Settembre 2015 | di Mauro Tortorelli

Cass. civ., sez. trib.

Contraddittorio

Il giudice nazionale, nel valutare le conseguenze di una violazione dei diritti della difesa – in particolare del diritto di essere sentiti –, può tenere conto della circostanza che simile violazione determina l’annullamento della decisione adottata al termine del procedimento amministrativo di cui trattasi soltanto se, in mancanza di tale irregolarità, il procedimento avrebbe potuto comportare un risultato diverso.

Leggi dopo