Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata su Misure cautelari

Il sequestro di un bene in leasing deve essere contestato dal concedente

15 Marzo 2018 | di Matteo Pillon Storti

Cass. pen., sez. III

Misure cautelari

Il sequestro preventivo disposto dal tribunale competente può, di fatto, avere ad oggetto i beni utilizzati dall'amministratore di società - indagato per reati fiscali - in forza di contratti di leasing. I beni detenuti in leasing, infatti, in linea generale, non possono essere sottoposti a sequestro preventivo finalizzato alla confisca. Tuttavia, se ciò avviene, il soggetto legittimato a sostenere l'insequestrabilità del bene in questione è il concedente e non, invece, l'utilizzatore.

Leggi dopo

I beni di un fondo patrimoniale possono essere oggetto di iscrizione ipotecaria

11 Dicembre 2017 | di Matteo Pillon Storti

Cass. pen.

Misure cautelari

In tema di iscrizione ipotecaria dei beni facenti parte di un fondo patrimoniale, ferme restando le regole previste dall'art. 170 codice civile e in coerenza ad una dottrina giurisprudenziale ormai consolidata, relativamente alle obbligazioni tributarie grava sul debitore che intende usufruire del regime di impignorabilità dei beni costituiti in fondo patrimoniale l'onere di provare l'estraneità del debito alle esigenze familiari.

Leggi dopo

Presunzioni tributarie relative e decreto di sequestro preventivo per equivalente

28 Dicembre 2016 | di Domenico Pignoloni

Cass. pen.

Misure cautelari

È noto come nell'ambito del diritto tributario il potere di accertamento dell'Amministrazione Finanziaria sia spesso fondato, in forza di numerosi ed espressi riconoscimenti normativi, sullo strumento presuntivo. In forza di tale istituto, l'Amministrazione Finanziaria può determinare la base imponibile, e di conseguenza la maggior imposta evasa, o in forza di presunzioni relative, così dando vita a quel meccanismo che genera l'inversione dell'onere della prova in capo al contribuente, o ancora, in forza di presunzioni semplici che in quanto tali trovano il loro ambito di operatività al ricorrere di circostanze gravi, precise e concordanti. È legittimo il decreto di sequestro preventivo per equivalente disposto sulla base di presunzioni tributarie, potendo la decisione, in sede cautelare, fondarsi sulla sussistenza di elementi di natura meramente indiziaria.

Leggi dopo

Meno facile procedere a sequestro preventivo di somme di denaro

06 Ottobre 2016 | di Ciro Santoriello

Cass. pen.

Misure cautelari

La Cassazione è stata chiamata a pronunciarsi sulla natura del sequestro preventivo che abbia ad oggetto somme di denaro ed in particolare a stabilire se un provvedimento cautelare di questo tipo debba senz'altro essere qualificato come sequestro in via diretta o non possa assumere anche le forme del sequestro per equivalente.

Leggi dopo

Fermo amministrativo, misura di carattere generale applicabile anche ai rimborsi IVA

07 Giugno 2016 | di Francesco Brandi

Cass. civ.

Misure cautelari

Il potere di sospensione del pagamento, che è espressione del potere di autotutela della P.A., ha portata generale in quanto mira a garantire la certezza dei rapporti patrimoniali con lo Stato, mediante la concorrente estinzione delle poste reciproche, attive e passive. Ne consegue l'applicabilità della norma anche ai rimborsi dell'IVA, fino al sopraggiungere dell'eventuale giudicato negativo circa la concorrente ragione di credito vantata dall'erario.

Leggi dopo

Confisca per equivalente: illegittima sui beni futuri

14 Marzo 2016 | di Stefano Loconte, Gabriella Antonaci

Cass. pen.

Misure cautelari

In tema di reati tributari, non possono sottoporsi alla misura della confisca per equivalente beni non individuati e non ricadenti nella disponibilità dell’imputato, ma che potrebbero un giorno ricadervi. Il principale merito della pronuncia in oggetto consiste nell’aver composto l’annoso dibattito circa l’applicabilità della confisca per equivalente ai beni futuri e, dunque, a quei beni non individuati né individuabili al tempus commissi delicti, concludendo per la sua inapplicabilità.

Leggi dopo

Mancata instaurazione del contraddittorio ed obbligo di verifica del giudice: spunti in materia di ipoteca

01 Marzo 2016 | di Stefano Pasetto

Cass. civ.

Misure cautelari

La breve sentenza in commento pone in evidenza il compito del giudice di appurare la nullità di un atto lesivo della sfera giuridica del contribuente per mancata instaurazione del contraddittorio, dando veste giuridica alle circostanze di fatto acquisite agli atti, senza quindi limitarsi a verificare se alle medesime siano o meno applicabili le specifiche norme citate dal contribuente per sostenere espressamente o implicitamente la sua tesi.

Leggi dopo

Profili di responsabilità tributaria degli enti

26 Gennaio 2016 | di Andrea A. Salemme

Cass. pen., sez. III

Misure cautelari

In tema di responsabilità da reato degli enti, ove si proceda per associazione per delinquere transnazionale finalizzata alla commissione di reati non previsti tra quelli fondanti la responsabilità dell’ente, nella specie tributari, il profitto confiscabile all’ente ben può consistere nel complesso di vantaggi direttamente conseguente dall’insieme dei reati-fine.

Leggi dopo

Confisca per equivalente dei beni della persona giuridica per il reato tributario commesso dal suo organo

23 Settembre 2015 | di Vincenzo Mongillo

Cass. pen., Sez. un.

Misure cautelari

In tema di reati tributari commessi dal legale rappresentante di una persona giuridica, il sequestro preventivo funzionale alla confisca per equivalente prevista dagli artt. 1, comma 143, della l. n. 244 del 2007 e art. 322-ter c.p. non può essere disposto sui beni dell'ente, ad eccezione del caso in cui questo sia privo di autonomia e rappresenti solo uno schermo attraverso il quale il reo agisca come effettivo titolare dei beni.

Leggi dopo

L’inefficacia ipso iure del sequestro conservativo tributario

12 Agosto 2015 | di Luca Conte

Misure cautelari

L'autorizzazione a procedere al sequestro conservativo dei beni, ottenuto dall'Agenzia delle Entrate, sulla base di un avviso di accertamento, in seguito dichiarato illegittimo, deve essere considerato a norma dell'art. 22 D.Lgs. n. 472/1997, ipso iure, privo di effetti, in quanto il titolo sul quale si fondava è inefficace.

Leggi dopo