Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata su Esterovestizione

Esterovestizione e libertà di stabilimento: recente interpretazione di Cadbury Schweppes

24 Gennaio 2018 | di Stefano Guarino

CTR Trento

Esterovestizione

Solamente nel caso di società "controllate" il criterio per ricondurre a tassazione i redditi prodotti all'estero è dato dal non effettivo esercizio dell'attività oppure dalla artificiosa costruzione all'estero. Invece, nel caso in cui non si versa in ipotesi di società controllate, si darà corso, ai fini della verifica della sede amministrativa, al criterio univocamente indicato dalla giurisprudenza della "direzione effettiva": del luogo.

Leggi dopo

Doppie imposizioni Italia-Russia: per la residenza prevalgono le relazioni personali

18 Gennaio 2018 | di Francesco Brandi

Cass. civ., sez. trib.

Esterovestizione

Ai sensi della convenzione contro le doppie imposizioni tra Italia e Federazione russa il cittadino russo che dispone di un'abitazione permanente sia in Russia che in Italia deve considerarsi residente in Italia qualora ivi abbia le relazioni personali ed economiche più strette.

Leggi dopo

Residenza P.F.: la decisione dei giudici piemontesi è in linea con la normativa convenzionale ed europea?

18 Luglio 2017 | di Davide Attilio Rossetti, Stefano Guarino

CTR Piemonte

Esterovestizione

La cancellazione dall'anagrafe della popolazione residente e l'iscrizione all'AIRE non costituiscono requisito sufficiente per determinare la residenza al di fuori del territorio dello Stato, allorché il soggetto mantenga nel territorio dello Stato il proprio domicilio, inteso come sede principale degli affari ed interessi economici.

Leggi dopo

Esterovestizione vs costruzioni di puro artificio

03 Novembre 2016 | di Davide Attilio Rossetti

CTR Toscana

Esterovestizione

L'esterovestizione consiste nella fittizia localizzazione all'estero di una società (o ente commerciale), sostanzialmente situata nel territorio dello Stato, al fine di beneficiare di un'imposizione più favorevole. Una società bulgara, anche se disponga di stabilimenti attrezzati e di duecento dipendenti, deve considerarsi fiscalmente residente in Italia, ove risulti provato che qui hanno concreto svolgimento le attività di direzione della società, in vista del compimento degli affari e della propulsione dell'attività dell'ente stesso.

Leggi dopo

Assoluzione "Dolce & Gabbana": esterovestizione e reato di omessa dichiarazione tra "vecchia" e "nuova" normativa

01 Febbraio 2016 | di Camilla Cravetto

Cass. pen

Esterovestizione

In tema di esterovestizione e reato di omessa dichiarazione, di seguito il commento all'interessante pronuncia di assoluzione dei due noti stilisti "Dolce & Gabbana" (Corte di Cassazione n. 43809/2015). In considerazione della contemporanea entrata in vigore dell’art. 10-bis dello Statuto del contribuente, il legislatore ha scelto di escludere la rilevanza penale delle operazioni prima costituenti abuso del diritto o elusione, ora definite dalla norma generale, facendo però salva l’applicabilità ad esse delle sanzioni amministrative, ove ne ricorrano in concreto i presupposti.

Leggi dopo