Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata

Processo tributario e principio di non contestazione

15 Novembre 2018 | di Rosaria Giordano

Cass. civ., sez. trib.

Giudizio di appello

Il principio di non contestazione trova applicazione anche nel processo tributario, senza che assumano rilevanza le peculiarità proprie dello stesso, quali il carattere documentale dell'istruttoria e l'inapplicabilità della disciplina in tema di equa riparazione da irragionevole durata del processo.

Leggi dopo

L'accertamento parziale come strumento per aggirare l'”unicità e globalità” dell'atto impositivo

13 Novembre 2018 | di Sebastiano Barusco

Cass. civ.

Accertamento parziale

Il ricorso all'accertamento parziale previsto dall'art. 41 bis, d.P.R. n. 600/1973, non preclude una integrazione o reiterazione dell'accertamento medesimo e non richiede la sopravvenuta conoscenza di nuovi elementi da parte dell'Amministrazione, da indicare in modo specifico a pena di nullità del nuovo accertamento.

Leggi dopo

Criteri di deducibilità dei costi di regia infragruppo

09 Novembre 2018 | di Giovambattista Palumbo

Cass. civ.,

Gruppi di società

È errata l'affermazione per cui i costi per consulenza, studio e assistenza, calcolati in misura forfettaria e addebitati dalla controllante alla controllata, sono legittimi per il solo fatto che sono stati pattuiti nel contratto stipulato tra le due società del medesimo gruppo, attribuendosi, altrimenti, all'autonomia negoziale delle parti la capacità di derogare a norme imperative.

Leggi dopo

Il “plafond” IVA costituisce un semplice limite quantitativo monetario

06 Novembre 2018 | di Matteo Dellapina

Cass. Civ., sez. trib.

IVA

In tema di IVA, il “plafond” di cui all'art. 8, comma 1, lett. C.), del d.P.R. n. 633/1972, costituisce solo un limite quantitativo monetario – pari all'ammontare complessivo dei corrispettivi delle esportazioni – utilizzabile nell'anno successivo per effettuare acquisti in regime di sospensione d'imposta, che non incide sulla sussistenza del credito impositivo ma soltanto sull'esecutività dello stesso.

Leggi dopo

L'Ente impositore può contestare la veridicità del bilancio senza che ne sia accertata la falsità in sede penale o civile

31 Ottobre 2018 | di Francesco Spina

Cass. civ. sez. trib.

Bilancio d’esercizio

Ritenuto che il bilancio di una società non fa fede fino a querela di falso, è consentito all'Ente impositore contestarne la correttezza e veridicità, senza che ne sia previamente accertata la falsità in sede penale o civile, tramite il procedimento della querela di falso di cui agli artt. 221 ss. c.p.c.

Leggi dopo

Tassazione della plusvalenza: rileva il momento della stipula dell'atto pubblico e della relativa voltura catastale

30 Ottobre 2018 | di Ignazio Gennaro

CTP Catania

Plusvalenze

In tema di tassazione di plusvalenza scaturente da permuta di bene presente (terreno) con bene futuro (appartamento) rileva il momento della stipula dell'atto pubblico con conseguente trascrizione e voltura catastale con cui l'originario proprietario del terreno diviene proprietario, anche sotto il profilo formale, delle porzioni di immobile ricevute in corrispettivo. In ambito fiscale, infatti, ciò che rileva sono le risultanze catastali, a nulla rilevano quindi la comunicazione di ultimazione dei lavori fatta dall'impresa costruttrice al Comune o l'eventuale precedente scrittura privata di consegna dell'immobile ai nuovi proprietari.

Leggi dopo

Accesso nei locali, accertamento invalido prima dei sessanta giorni

25 Ottobre 2018 | di Enzo Di Giacomo

Cass. civ., sez. VI

Avviso di accertamento

In caso di accesso nei locali della società, l’accertamento emesso prima dei 60 giorni è invalido se il contribuente ha già consegnato i documenti all’Amministrazione finanziaria.

Leggi dopo

Valida la costituzione telematica delle Entrate anche se il ricorrente ha utilizzato strumenti tradizionali

22 Ottobre 2018 | di Francesco Brandi

CTR Emilia Romagna, Bologna

Processo telematico

Valida la costituzione telematica dell'Agenzia, operata a mezzo del sistema SIGIT nonostante l'opzione operata dalla parte ricorrente con il proprio atto introduttivo, per un processo fondato sul regime analogico delle difese, degli atti e documenti delle parti. Ciò in virtù del favor riconosciuto ormai dall'ordinamento processuale (in tutti i settori) per il sistema telematico di trasmissione degli atti processuali.

Leggi dopo

Operazioni fuori bilancio: norme di valutazione inapplicabili per i contratti derivati

18 Ottobre 2018 | di Fabio Gallio

Cass. civ.

Interessi

Nel caso in cui una società abbia portato ad esecuzione dei contratti a termine su valute, le deduzione delle relative perdite non può trovare limitazione nell'applicazione delle norme sulla valutazione delle operazioni fuori bilancio, ma deve essere disciplinata dalle norme generali che trattano le differenze cambi.

Leggi dopo

Il raddoppio del contributo unificato in caso di soccombenza nell'impugnazione non si applica al processo tributario

17 Ottobre 2018 | di Marta Basile, Claudio Sciancalepore

Cass. civ., sez. VI-T

Contributo unificato

In tema di contributo unificato, non è applicabile al processo tributario l'art. 13, comma 1-quater, del D.P.R. n. 115/2002, trattandosi di una norma avente carattere eccezionale e lato sensu sanzionatoria, la cui operatività deve intendersi circoscritta al processo civile; la parte che ha promosso l'impugnazione in un processo tributario, pertanto, non può essere sanzionata in caso di soccombenza.

Leggi dopo

Pagine