Focus

Focus su IRPEF

La flat tax e le esperienze europee nella tassazione proporzionale

21 Novembre 2018 | di Stefano Marchese

IRPEF

L’aggettivo “flat”, in inglese, significa “piatto”, “uniforme”. Applicato all’imposta (la “tax”, appunto), si può tradurre, di primo acchito, come “tassazione proporzionale” ossia, tipicamente, come “aliquota unica di tassazione (proporzionale) del reddito”. L'Autore, nel contributo, esamina l'evoluzione storica di questa modalità di tassazione, offrendo una comparazione tra le politiche fiscali delle Nazioni che hanno adottato tale impostazione.

Leggi dopo

Le novità in tema di IRPEF

16 Ottobre 2018 | di Mariacarla Giorgetti, Leonardo Margiotta

IRPEF

Con la nuova Legge di Bilancio 2019, il Governo sta lavorando anche all’introduzione di quello che potrebbe essere un preliminare “accenno” di Flat Tax (c.d. mini Flat Tax), mediante la quale si modificherebbe la tassazione ai fini IRPEF, ossia l’imposta sul reddito delle persone fisiche. La Flat Tax, quindi, non è altro che un nuovo sistema fiscale che verrebbe introdotto dal Governo al fine di consentire all’Italia il superamento della fase di stallo, economico-finanziario, in cui si trova, mediante un’accurata rivoluzione fiscale. Pertanto, in base a quanto previsto dal contratto di governo M5S Lega, tale riforma fiscale dell’IRPEF, verterà sul superamento dell’imposta sui redditi delle persone fisiche con l’introduzione della c.d. tassa piatta che verrà applicata ai redditi degli italiani attraverso una doppia aliquota, in funzione a determinati scaglioni di reddito, così da ridurre la pressione fiscale sia per i privati che per i soggetti giuridici.

Leggi dopo

La tassazione dei proventi peer to peer lending

22 Gennaio 2018 | di Saverio Capolupo

IRPEF

Con la Legge di bilancio per il 2018 i proventi derivanti da prestiti erogati per il tramite di piattaforme di prestiti per soggetti finanziatori non professionali (piattaforme di Peer to Peer Lending) sono stati qualificati come redditi di capitale e soggetti ad un prelievo del 26% a titolo di imposta sostituiva. Detta aliquota si pone in linea con la tassazione operante su buona parte degli altri redditi di capitale ma attenua ulteriormente il principio della progressività del sistema tributario nel suo complesso. La novella era necessaria in considerazione dell'importante sviluppo dell'economia collaborativa ancorché l'intero settore necessiti di una disciplina soprattutto di carattere civilistico, anche ai fini di una corretta perimetrazione delle responsabilità, ove si consideri anche la mancanza di una regolamentazione comunitaria del settore.

Leggi dopo