Focus

Focus su Fiscalità internazionale

Evoluzione dei principi contabili internazionali nell'ordinamento tributario

24 Gennaio 2019 | di Fernando Mastidoro

Fiscalità internazionale

Col presente contributo si vogliono ripercorrere le fasi dell’introduzione dei principi contabili internazionali nel nostro ordinamento, a tredici anni dall’emanazione del Decreto n. 38/2005 fino ai giorni nostri, passando per i provvedimenti del 2009, 2011, 2017 e 2018, allo scopo di sollecitare alcune riflessioni sul conflitto tra la determinazione causale del reddito d’impresa dei soggetti IAS e le ragioni dell’Erario. Seguiremo, inoltre, il filone giurisprudenziale sul (l’eccessivo) ricorso al principio di “substance over form” commentando sentenze pronunciate anche in ambiti che travalicano i confini dei soggetti IAS, e accenneremo infine alle sue conseguenze sull’accertamento.

Leggi dopo

La Convenzione tra la Santa Sede e l’Italia in materia di scambio di informazioni tributarie

01 Agosto 2016 | di Giuseppe Rivetti

Fiscalità internazionale

La recente approvazione della legge di “ratifica ed esecuzione della Convenzione tra il Governo della Repubblica italiana e la Santa Sede in materia fiscale” si inserisce nell’ambito di un sistematico impegno internazionale della S. Sede e dell’Italia, di svolgere un ruolo di garanzia, nel contesto della globalizzazione economica dei mercati, con particolare riferimento ai settori della trasparenza, della vigilanza e dell’informazione finanziaria. Nel presente contributo l’Autore illustra il contenuto della Convenzione evidenziandone i profili critici di maggior interesse.

Leggi dopo

La residenza fiscale tra voluntary disclosure e recente giurisprudenza

20 Maggio 2015 | di Piercarlo Bausola, Armeno Nardini

Fiscalità internazionale

Il sistema fiscale vigente, improntato sul principio della “worldwide taxation”, prevede che i residenti siano tassati in Italia per i redditi prodotti in Italia e per quelli prodotti all’estero. I non residenti, invece, sono tassati in Italia solo per i redditi prodotti nel territorio del nostro Stato. La voluntary disclosure introdotta dalla Legge n. 186/2014 prevede la possibilità di far emergere redditi non dichiarati nel passato con sanzioni relativamente ridotte per le mancanze commesse nei periodi di residenza in Italia. Alla luce di tali valutazioni pare opportuno un punto sul concetto di residenza fiscale.

Leggi dopo