Focus

Focus su Operazioni con l’estero

Scambio di informazioni fiscali: il difficile bilanciamento tra esigenze erariali e istanze di tutela dei contribuenti

23 Ottobre 2018 | di Francesco Angelo Curione

Operazioni con l’estero

L'efficacia della cooperazione amministrativa fiscale si gioca sul piano delle tutele predisposte, a livello nazionale e sovranazionale, per il contribuente coinvolto nei flussi informativi. La mancanza in ambito UE e OCSE di una dettagliata disciplina dei diritti del soggetto interessato dagli scambi di informazioni dà luogo ad un'applicazione disarmonica del principio di mutua cooperazione tributaria, rimettendo nelle mani degli Stati il delicato contemperamento tra l'esigenza di contrastare l'evasione fiscale e l'interesse dei tax payers a veder tutelati i propri diritti procedimentali e alla privacy.

Leggi dopo

Lo scambio di informazioni in ambito fiscale alla luce del D.Lgs. 60/2018

27 Settembre 2018 | di Wenda Biondo

Operazioni con l’estero

Lo scambio di informazioni in ambito fiscale, nel quale si estrinseca la cooperazione amministrativa tra Stati, si è rivelato un efficace strumento nella lotta all'evasione e alla frode fiscale, dal carattere oramai transnazionale. Tuttavia, le evidenti interrelazioni tra i fenomeni dell'evasione e quelli del riciclaggio e dell'autoriciclaggio hanno determinato l'elaborazione di una nuova strategia di contrasto agli illeciti economico-finanziari, concretizzatasi, sul piano nazionale, nel D.Lgs. 18 maggio 2018, n. 60. Quest'ultimo, nell'attuare la direttiva 2016/2258/UE del Consiglio, ha non solo ampliato il patrimonio informativo utilizzabile, garantendo alle autorità fiscali l'accesso alle informazioni in materia di antiriciclaggio raccolte in osservanza del D.Lgs. 231/2007, ma ha anche specificato i poteri e definito le modalità di acquisizione dei dati.

Leggi dopo

Ecco la nuova black list "controllate estere"

03 Giugno 2015 | di Domenico De Gaetano

Operazioni con l’estero

Approda in Gazzetta Ufficiale il Decreto ministeriale del 30 marzo scorso che ridefinisce le black list “controllate estere”: novità in arrivo per i contribuenti italiani che detengono rilevanti partecipazioni in aziende localizzate fuori dai confini nazionali.

Leggi dopo