Focus

Focus su Avviso di accertamento

La vexata quaestio dei “dirigenti decaduti”

20 Febbraio 2017 | di Salvatore Labruna

Avviso di accertamento

Nel presente contributo, l'Autore ricostruisce con estrema cura e sapienza la disciplina pubblico-lavoristica che governa gli uffici preposti all'emanazione degli atti impositivi e processuali, chiarendo i concetti necessari alla comprensione e individuazione della figura del 'Capo dell'Ufficio o altro impiegato della carriera direttiva da lui delegato'. Sulla scorta di tale preziosa premessa, l'analisi prosegue con riferimento alla disciplina della delega per poi trarre le conclusioni circa la sorte degli atti sottoscritti dai dirigenti illegittimi, o da loro delegati, anche alla luce di una sintesi coordinata della prevalente giurisprudenza di merito lombarda, tributaria e contabile, nel primo anno di applicazione.

Leggi dopo

Dirigenti illegittimi: la Cassazione si avvicina alla decisione definitiva

27 Ottobre 2015 | di Mario Cavallaro

Cass. civ., sez. trib., 16 ottobre 2015, n. 20984
Cass. civ., sez. trib., 18 settembre 2015, n. 18448

Avviso di accertamento

Prosegue il lento avvicinarsi della Cassazione alla pronuncia definitiva sulla nota questione dei dirigenti-non dirigenti che hanno sottoscritto illegittimamente atti tributari. Ad oggi la Suprema Corte si è potuta esprimere esclusivamente su aspetti marginali, non strettamente centrati sul merito del problema, tra cui l'inammissibilità della nuova eccezione di nullità dell'atto in sede di giudizio di legittimità.

Leggi dopo

Raddoppio dei termini: profili applicativi e disciplina transitoria

05 Ottobre 2015 | di Saverio Capolupo

Avviso di accertamento

Sono stati modificati gli artt. 43 del D.P.R. n. 600/1973 e 57 del D.P.R. n. 633/1972 relativi ai termini di decadenza per l’esercizio dell’attività accertatrice. In particolare, l’art. 37 del D.L. n. 223/2006 ha raddoppiato, in caso di violazione che comportasse l’obbligo di denuncia ai sensi dell’art. 331 del c.p.p. per uno dei reati previsti dal D.Lgs. n. 74/2000, i termini ordinari di decadenza relativamente al periodo di imposta in cui era stato commesso l’illecito.

Leggi dopo

Dirigenti illegittimi, cosa evidenziare nel ricorso

05 Agosto 2015 | di Francesco Barone

Avviso di accertamento

Con riguardo al caso d'attualità dei “dirigenti illegittimi” che firmano gli atti di accertamento su delega del Direttore Regionale o Provinciale, si è acceso un “focoso” dibattito, volto a stabilire se i citati atti siano validi o meno. Il problema si pone per coloro che devono affrontare il contenzioso tributario, in quanto, nel ricorso introduttivo, questi soggetti devono valutare se eccepire o meno la nullità degli avvisi di accertamento una volta appurato che, colui che ha firmato l’avviso impositivo, non ha la qualifica per farlo. Non mancano, pur se nell’ambito giurisprudenza di merito, casi in cui la nullità dell’atto, che reca la firma dei dirigenti illegittimi, è stata eccepita in sede di appello, come nuovo motivo, quindi, rispetto a ciò che è stato eccepito nel ricorso introduttivo (CTR di Milano, sent. n. 2184/13/15 del 19 maggio 2015). Per poter comprendere l’esatta portata del problema, è bene “ricostruire” l’assetto normativo, necessario per poter inserire nel ricorso l’eccezione di cui trattasi.

Leggi dopo

Dirigenti illegittimi e onere della prova a carico dell’Amministrazione finanziaria

04 Giugno 2015 | di Maurizio Villani

Avviso di accertamento

In caso di contestazione, il Fisco ha l’onere di provare che il dirigente che ha firmato l’atto impugnato sia stato nominato previo esperimento di un pubblico concorso. In caso contrario, va dichiarata l'illegittimità dell’atto, in linea con quanto statuito dalla Corte Costituzionale con la sentenza n. 37 depositata il 17 marzo 2015. Tanto è stato affermato dalla Commissione Tributaria Provinciale di Lecce, sezione seconda, con le sentenze gemelle nn. 1789 e 1790 depositate il 21 maggio 2015.

Leggi dopo