Focus

Focus su Abuso del diritto o elusione

Evoluzione dell'abuso del diritto in materia tributaria: distinzione tra condotte abusive e pratiche di evasione

17 Gennaio 2019 | di Giuseppe Rivetti, Francesca Moroni

Abuso del diritto o elusione

Il contribuente che non versa le imposte dovute a seguito della stipulazione di un negozio, correttamente qualificato sotto il profilo giuridico da parte dell'Amministrazione finanziaria, non pone in essere un comportamento elusivo, volto a conseguire un vantaggio fiscale in ragione di un uso distorto della normativa tributaria, ma risponde semplicemente della relativa evasione d'imposta. Pertanto, non trovano applicazione le disposizioni di legge e i principi elaborati dalla giurisprudenza, in tema di abuso del diritto.

Leggi dopo

Abuso del diritto ed elusione fiscale: gemelli diversi

30 Novembre 2017 | di Giovambattista Palumbo

Abuso del diritto o elusione

L'abuso del diritto consiste nell'abuso di forme negoziali per aggirare il trattamento impositivo dovuto. Le valide ragioni economiche di un'operazione non consistono nella validità giuridica dei negozi, ma nella loro apprezzabilità economico-gestionale. L'articolo 10-bis della L. n. 212/2000 disciplina finalmente, con norma espressa e a valenza generale, tale fenomeno, superando la dicotomia rispetto all'analogo concetto di elusione fiscale.

Leggi dopo

Abuso del diritto e nuove "istruzioni per l'uso"

10 Ottobre 2017 | di Anna Straface

Abuso del diritto o elusione

Il tema dell'abuso del diritto in materia tributaria rappresenta il perno fondamentale su cui ruotano rilevanti questioni dottrinali, legate all'interpretazione della norma scritta. L'articolo si focalizza principalmente sulla nuova disciplina contenuta nel D.lgs. n.128/2015, che ha avuto il pregio di introdurre una clausola generale in materia di abuso non agganciata a fattispecie tipizzate, prevedendone così, una nozione astratta che l'interprete deve esaminare caso per caso. Si traccia, dunque, un nuovo perimetro della normativa individuabile in tutte quelle operazioni in cui non è ravvisabile un vantaggio economico analizzando, non solo i nuovi presupposti costitutivi, ma anche la disciplina in materia di imposta sul valore aggiunto. L'abuso del diritto assume un “aspetto” innovativo anche se, in termini pratici ed applicativi, non si è ancora in presenza di una definizione esauriente.

Leggi dopo

Il “nuovo” abuso del diritto e le norme penali

14 Giugno 2016 | di Domenico Pignoloni

Abuso del diritto o elusione

L'art. 1 del D.Lgs. n. 128/2015 recepisce, all'interno dell'ordinamento tributario, principi che erano immanenti nella giurisprudenza della Corte di Giustizia Europea e della Corte di Cassazione, permettendo l'entrata in vigore dell'attesissimo intervento legislativo sulla vexata quaestio della rilevanza penale dell'abuso del diritto tributario. Il presente lavoro si propone quale riflessione sulla nuova disciplina di cui all'art. 10-bis della L. n. 212/2000, procedendo da una rapida analisi dell'intervento legislativo, primo passo per comprenderne la portata innovativa, per giungere all'esame del regime sanzionatorio applicabile ai giudizi ancora pendenti in tema di elusione fiscale.

Leggi dopo

Ne bis in idem e illeciti tributari

22 Aprile 2016 | di Letizia d'Altilia

Abuso del diritto o elusione

In Italia il dibattito sulla compatibilità del c.d. doppio binario sanzionatorio con il principio del ne bis in idem si è acceso anche in riferimento alla materia tributaria, da ultimo riformata dal D.lgs. 158/2015. In attesa della pronuncia della Corte di giustizia e di conoscere le motivazioni che hanno spinto la Corte costituzionale a dichiarare inammissibile la questione di legittimità costituzionale, appare utile fornire un breve quadro di analisi delle questioni interpretative che ne derivano quanto ai rapporti tra reati tributari e illeciti amministrativi.

Leggi dopo

Lavori in corso sull'abuso del diritto

30 Aprile 2015 | di Piercarlo Bausola, Armeno Nardini

Abuso del diritto o elusione

Lo scorso martedì 21 aprile il Consiglio dei Ministri ha approvato tre Decreti attuativi della Delega fiscale: uno sulla internazionalizzazione delle imprese, uno sulla fatturazione elettronica ed uno sulle norme in materia di certezza del diritto nei rapporti tra contribuenti e Fisco. Di quest’ultimo ci occupiamo, in questo contributo, senza pretesa di esaustività, anche perché la norma non è ancora in vigore e potrà subire modifiche durante l’iter di cui diremo. Quelli appena approvati seguono i Decreti attuativi della Delega, già in vigore, che hanno riguardato, tra le altre cose le semplificazioni fiscali ed in parte, la riforma del catasto (nomina e funzionamento delle Commissioni censuarie). Il resto del pacchetto fiscale, per il quale sono previsti ancora cinque o sei provvedimenti, potrebbe essere approvato per la metà di giugno prossimo.

Leggi dopo