Bussola

Tares

10 Febbraio 2015 |

Sommario

Inquadramento | Natura tributaria della TARES | Oggetto, soggetti passivi e determinazione del tributo | Superficie assoggettabile al tributo | Tariffa, riduzioni | Dichiarazione, Pagamento | Maggiorazione e disposizioni per il 2014 | Accertamento, Rimborsi, Sanzioni | | Riferimenti |

 

L’art. 14 del D.L. n. 201/2011, istitutivo della TARES, ha previsto che dal 1° gennaio 2013 tutti i Comuni devono istituire il tributo comunale sui rifiuti e sui servizi, a copertura dei costi relativi al servizio di gestione dei rifiuti urbani e dei rifiuti assimilati avviati allo smaltimento, svolto in regime di privativa dai Comuni e dei costi relativi ai servizi indivisibili dei Comuni. Il tributo è corrisposto in base a tariffa commisurata ad anno solare, cui corrisponde un’autonoma obbligazione tributaria. La TARES è dovuta per locali o aree scoperte, a qualsiasi uso adibiti, in grado di produrre rifiuti urbani. Il punto di partenza per stabilire l'ammontare della tariffa è la definizione dell'area disponibile, nonché l'uso dell'immobile e l'attività svolta. Da questi elementi, la quantificazione e la qualità del materiale di scarto mediamente prodotto in quelle condizioni. L’Amministrazione finanziaria mette a disposizione dei Comuni le informazioni sulle superfici degli immobili a destinazione ordinaria iscritti nel catasto urbano, complete di planimetria. Pertanto, i Comuni potranno attingere dalla banca dati del Catasto le informazioni relative alla superficie delle unità immobiliari a destinazione ordinaria iscritte o iscrivibili nel catasto edilizio urbano, definit...

Leggi dopo

Le Bussole correlate >