Bussola

Spesometro

05 Ottobre 2017 |

Sommario

Inquadramento | Spesometro 2017 | Spesometro fino al periodo d'imposta 2016 (soppresso dal D.L. n. 193/2016 dall’1 gennaio 2017) | Modello e modalità della comunicazione fino al 31.12.2016 | Finalità della comunicazione dei dati rilevanti ai fini IVA | Soggetti obbligati | Oggetto dell’adempimento | Contenuto della comunicazione | Compilazione dei quadri | Sanzioni e ravvedimento operoso | Riferimenti |

 

  La compilazione degli elenchi clienti e fornitori trova la sua origine normativa nell’art. 29 del d.P.R. n. 633/1972, che prevedeva che entro il termine della dichiarazione annuale IVA dovesse essere compilato un elenco sia dei clienti che dei fornitori per i quali l’impresa avesse effettuato o ricevuto fatture. L’elenco consisteva nell’indicazione sia dei dati anagrafici del soggetto cliente o fornitore, sia gli importi dei corrispettivi e delle imposte oggetto delle fatture e delle bollette doganali.   Tale adempimento è stato abrogato dall’art. 6 del D.L. n. 357/1994 nell’ottica di soppressione degli adempimenti superflui. Con il D.L. n. 78/2010 è stato reintrodotto l’obbligo di comunicare i dati rilevanti ai fini IVA, ampliando anche l’ambito di applicazione e con modalità che riprendono l’adempimento relativo alla comunicazione degli elenchi clienti e fornitori. L’attuale adempimento ha quindi preso il nome di  "spesometro" ovvero "nuovi elenchi clienti e fornitori", e viene utilizzato dagli uffici dell’Agenzia delle Entrate anche per finalità di controllo ampliate rispetto alle previsioni precedenti. Il D.L. 193/2016 ha modificato l’art. 21 del D.L. 78/2010, e introdotto l’art. 21-bis, prevedendo l’invio trimestrale e l’obbligo di segnalare anche il valore del credito ...

Leggi dopo

Le Bussole correlate >