Bussola

Operazioni con l’estero

Sommario

Inquadramento | Territorio dello Stato, comunitario ed extracomunitario | Le operazioni intracomunitarie | Le cessioni intracomunitarie | Gli acquisti intracomunitari | Le prestazioni di servizi | Le esportazioni | Le importazioni | Comunicazione dati operazioni con "paradisi fiscali" | Esempio | Riferimenti |

 

Le operazioni con l’estero assumono particolare rilevanza per gli aspetti relativi all’IVA. In concomitanza con l’emanazione della disciplina temporanea delle operazioni intracomunitarie, di cui al D.L. 30 agosto 1993, n. 331, e con l’art. 5 della Direttiva 2006/112/CE (già art. 3 della IV Direttiva n. 77/88), è stata ridefinita la nozione di “territorio” ai fini dell’applicazione dell’IVA.   Di conseguenza, la nozione di territorio dello Stato, di territorio comunitario e quindi, per contrapposizione, di territorio extracomunitario, consente di classificare le possibili operazioni economiche poste in essere in: esportazioni e importazioni, cessioni e acquisti intracomunitari. Le esportazioni ed le importazioni, sono, rispettivamente, le cessioni e gli acquisti di beni effettuati da imprese residenti nel territorio dello Stato nei confronti di operatori economici di paesi extracomunitari, non appartenenti al territorio della U.E. Le operazioni intracomunitarie riguardano le cessioni e gli acquisti effettuati tra soggetti residenti in diversi Stati membri della Comunità Europea attuate nell’ambito del territorio “fiscale” della stessa.

Leggi dopo