Bussola

Mezzi di prova

06 Gennaio 2015 |

Sommario

Inquadramento | Il “principio di non contestazione” | Principi generali in tema di prova nel processo tributario | Il divieto di prova testimoniale | L’acquisizione delle prove al processo | Le prove “precostituite” e “costituende” nel processo tributario | “Prove precostituite” documentali: atto pubblico e scrittura privata | Gli “incidenti probatori”: verificazione della scrittura privata e querela di falso | “Prove costituende” | Richiesta di informazioni alla P.A. | L’ispezione e l’ordine di esibizione | I mezzi istruttori nel processo d’appello | Riferimenti |

 

Nell’ambito del processo tributario, per mezzi di prova si intendono sia i poteri istruttori del giudice che quelli del contribuente nei confronti dell’amministrazione finanziaria finalizzati ad adempiere all’onere della prova. Con riferimento ai primi questi sono limitati ai fatti dedotti dalle parti nel processo tributario, ciò in quanto le commissioni sono prive di autonome facoltà di indagine.
Pertanto, i soli mezzi di prova ammessi sono quelli relativi a: l’accesso, l’ispezione, la richiesta di dati, le notizie e le informazioni, le relazioni da parte degli organi tecnici dell’amministrazione finanziaria e di altri enti pubblici, la consulenza tecnica, il libero interrogatorio, la confessione, ed infine le presunzioni legali e quelle semplici purché precise, gravi e concordanti. Il processo tributario è fondamentalmente e quasi esclusivamente un processo documentale in quanto l’art. 7 vieta il giuramento e la prova testimoniale.
Sono invece ammissibili l’interrogatorio libero e, secondo alcuni, l’interrogatorio formale, la consulenza tecnica, l’ordine di esibizione di documenti, la richiesta di informazioni alla P.A. e l’ispezione.

Leggi dopo