Bussola

Imposta sulle successioni e donazioni

11 Gennaio 2017 |

Sommario

Imposta sulle successioni | Attivo e passivo ereditario | Dichiarazione di successione alla luce delle novità introdotte dalla Legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge di Stabilità). | Calcolo e liquidazione dell'imposta | Imposta sulle donazioni | Riferimenti |

 

L’imposta sulle successioni, disciplinata dal Titolo I del D.lgs. 31 ottobre 1990 n. 346, si applica ai trasferimenti di beni e diritti (usufrutto o abitazione) trasferiti per successione a causa di morte (ex art. 1 D.lgs. 31 ottobre 1990 n. 346). Il legislatore al comma 2 dell’art. 1 D.lgs. 31 ottobre 1990 n. 346, al fine di evitare artifizi messi in essere al solo fine di eludere la normativa tributaria, ha ricompreso come presupposto di tale imposta anche la costituzione di diritti reali di godimento, la rinunzia a diritti reali o di credito e la costituzione di rendite o pensioni. Presupposto essenziale per l’applicazione di tale imposta è il principio della territorialità, inteso a ricomprendere tutti i beni e diritti oggetto di trasferimento, ancorché esistenti all’estero, di proprietà del soggetto residente nello Stato al momento dell’apertura della successione. Indipendentemente dalla residenza del defunto al momento della successione o della donazione, il legislatore al comma 3 art. 2 D.lgs. 31 ottobre 1990 n. 346, ha espressamente previsto che sono soggetti all’imposta in oggetto: i beni e i diritti iscritti in pubblici registri dello Stato e i diritti reali di godimento ad essi relativi; le azioni o quote di società, nonché le quote di partecipazione in enti diversi...

Leggi dopo