Bussola

Fiscalità internazionale

30 Giugno 2017 |

Sommario

Inquadramento | La doppia imposizione | Principali caratteristiche | Stabile Organizzazione | Credito d'imposta per i redditi prodotti all'estero | Ruling internazionale | Trasferimento all’estero della residenza fiscale: l’exit tax | Scambio di informazioni e procedura amichevole | Disposizioni in materia di imprese estere controllate e collegate | Imposta sostitutiva sui redditi prodotti all’estero da neo-domiciliati | Attrazione degli investimenti esteri | Dichiarazione annuale per gli investimenti e le attività | Interpello su nuovi investimenti | Accordi internazionali | Eliminazione della doppia imposizione | Nuova Convenzione tra Italia e San Marino | Riferimenti |

 

  La globalizzazione e la formazione di un mercato unico mondiale hanno reso sempre più pressante l’esigenza di stipulare convenzioni internazionali e accordi bilaterali mediante i quali le aziende che hanno sedi in Paesi differenti non vengono assoggettate ad imposte per i medesimi redditi conseguiti. Come criterio generale si considera quello dove tutti i redditi prodotti all’interno di uno Stato sono soggetti ad imposizione secondo le regole di detto paese. Ecco allora che diventa importantissimo introdurre il concetto di “stabile organizzazione” secondo la definizione della legge italiana che ricalca quella elaborata dall’OCSE. Essenziale per la nascita e lo sviluppo delle Convenzioni contro le doppie imposizioni è stata l’attività svolta dalla Lega delle Nazioni che elaborò un modello già nel 1923 per poi giungere tra il 1926 e 1927 all’elaborazione di quattro modelli di Convenzioni in materia di doppie imposizioni per imposte sui redditi, sulla successione, sull’assistenza giudiziaria. Nel 1961 l’OECE (Organizzazione Europea per la Cooperazione Economica) prese il nome di OCSE (Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico) che dopo lunghi studi portò nell’anno 1977 al Modello di Convenzione sulla doppia imposizione sul reddito e sul patrimonio. Tale modello...

Leggi dopo